Ljajic, doppia cifra e una conferma: “Al Torino per rimanerci a lungo”

Ljajic, doppia cifra e una conferma: “Al Torino per rimanerci a lungo”

Focus On / Il serbo ha concluso la sua stagione con una rete, e nel post partita ha voluto precisare che non è al Toro di passaggio

Un’altra sconfitta, meno pesante a livello del passivo, ma difficile da digerire per la modalità in cui è arrivata: un Toro spento, impreciso, con le idee confuse. Cercare dei punti a favore del Torino, in verità, è davvero difficile: contro il Genoa sono emersi tutti i limiti di una squadra che non ha più una reale motivazione per andare avanti e cercare di fare risultato. Tra i giocatori che hanno fatto più alti e bassi nel match troviamo Adem Ljajic, che ha spaccato la sua partita in due, partendo molto male, per svegliarsi solamente alla fine.

GENOA, ITALY - MAY 21: Adem Ljajic in action during the Serie A match between Genoa CFC and FC Torino at Stadio Luigi Ferraris on May 21, 2017 in Genoa, Italy. (Photo by Paolo Rattini/Getty Images)
GENOA, ITALY – MAY 21: Adem Ljajic in action during the Serie A match between Genoa CFC and FC Torino at Stadio Luigi Ferraris on May 21, 2017 in Genoa, Italy. (Photo by Paolo Rattini/Getty Images)

CAMBIO DI PASSO – Sembrava di vedere lo stesso copione visto per tutto l’anno. Ljajic che ci prova, si muove, ma sbaglia troppo: i palloni persi dal serbo (come dai suoi compagni) sono tanti, e nel primo tempo non riesce a rendersi pericoloso neanche in una circostanza. Nel secondo tempo ha provato a crescere, perlomeno per i tentativi, con risultati molto magri. Solo negli ultimi minuti il serbo ha deciso di fare sul serio, manifestandosi per quelle che sono le sue importanti qualità, e gli sono bastate due piccole azioni per mettere il sale sulla coda del Genoa: scatto verso la porta, fallo al limite dell’area, gol (con deviazione) su punizione. Diventa quasi frustrante vedere giocare un giocatore in questo modo, che ha delle potenzialità enormi, ma che spesso non le tira fuori: questo è senza dubbio un limite che va limato per il prossimo anno.

LJAJIC: “DUE SCONFITTE CI STANNO. ABBIAMO DATO TUTTO”

FUTURO – Già, il futuro: il prossimo anno ormai si sta avvicinando, perché questa stagione è giunta pressoché al termine. I 10 gol ottenuti quest’anno sono senza dubbio una buona base da cui partire, per poter diventare un giocatore completo: gli manca solo la costanza e la voglia di lottare ogni minuto di ogni match. Ljajic, in tutto questo, è però molto deciso per quanto riguarda anche il suo futuro più lontano: il Torino non è per lui una meta di passaggio, ma vuole restare in granata a lungo, per creare qualcosa di importante con la squadra granata. Nel post-partita di ieri, ad apposita domanda, il serbo è stato chiaro: “Non ci sono problemi, da parte mia, riguardo alla permanenza. Sono arrivato a Torino per restarci a lungo”. A mente fredda, ci sarà modo per valutare con calma quella che è stata l’annata altalenante del numero 10 del Torino. Ma la ragionevole certezza è quella che vedrà il club granata ripartire soprattutto da lui.

8 commenti

8 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Brawler Demon - 5 mesi fa

    Una talentuosa testa di cazzo, al pari di Cercione ed El Kaddouri.
    Forse con un allenatore più preparato, con più esperienza…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. alextattoli@libero.it - 5 mesi fa

    Giocatori che realizzano 10 gol l’anno? Giammai! Al tifoso del Toro garbano solo i vari Marco Sanna, Pasquale Bruno, Mauro Bonomi e De Ascentis, tanto pane e salame e ignoranza. Poi si chiedono, oh, come mai facciamo cagare e non vinciamo mai una sega?
    Forse perché ai giocatori in grado di segnare su punizione sotto l’incrocio alla gobba nel loro stadio, diamo del coglione e dell’indesiderato???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. rocket man - 5 mesi fa

      …e con Ljajic cosa si è vinto?
      Per una punizione azzeccata, ne ha sbagliate altre dieci.
      Ma fosse solo quello: quante volte in questa stagione, pur scendendo in campo, è risultato avulso dalla squadra lasciandola sostanzialmente con un uomo in meno?
      E il nostro “genio” di allenatore cosa fa per rimediare: cambia il modulo per favorire il suo pupillo, ma così facendo, non solo non migliora il gioco della squadra (e i gol presi), ma taglia le gambe all’unico punto di forza di quest’anno: Andrea Belotti, che infatti non ha più segnato… CAPOLAVORO!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Pimpa - 5 mesi fa

    Anche in questo caso, non l’avevo detto io che questo è una autentica sciagura, un inutile giocatore che dovremmo vergognarci ad avere in squadra?
    Io la pensavo così quando l’hanno preso, figuriamoci ora.
    Un giocatore così impalpabile, leggero, incostante e inutile, dove poteva giocare e trovare tappeti rossi?
    La stessa identica cosa vale per quell’altro fenomeno di Falqui, paro paro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. prawn - 5 mesi fa

    Sono arrivato a Torino per restarci a lungo

    Noooooooooooo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. lanfrabjork - 5 mesi fa

    Dobbiamo ritenerci fortunati?????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Baveno granata - 5 mesi fa

    Doppia cifra per rimanerci a lungo?
    Anche no:Aden ljajic,uomo con grandi doti tecniche e tanta incostanza.
    Spero che sia uno dei primi a preparare la valigia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Fabio - 5 mesi fa

    È una minaccia?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy