Ljajic e quel cambio di passo fondamentale: il serbo è di un’altra categoria

Ljajic e quel cambio di passo fondamentale: il serbo è di un’altra categoria

Focus On / L’attaccante granata aveva fatto un piccolo passo indietro contro il Chievo, mentre entra col Pisa e cambia ritmo al match: la reazione che serviva a lui e al Toro

Il Torino ha superato la prova Pisa in Coppa Italia, ma soltanto ai supplementari: la squadra di Gattuso si è dimostrata senza dubbio molto ordinata in difesa e poco presente in zona offensiva, ma tanto per far inceppare il Toro-2 per 90 minuti. Per cercare di dare un’altro ritmo alla gara, Sinisa Mihajlovic ha deciso di affidarsi al giocatore con più eleganza e qualità, ovvero Adem Ljajic, rimasto in panchina per dare spazio a quei giocatori che scalpitavano per collezionare qualche minuto in campo. E fin da subito si è capito che il match si stava spostando, effettivamente, in un’altra direzione.

LIVELLO SUPERIORE– Ljajic ha dimostrato ieri sera di essere un giocatore di  livello superiore, se le prestazioni di inizio stagione non fossero state abbastanza chiare. Entra nel match e comincia a fare un po’ ciò che vuole in campo, a svariare dal centrocampo in su per cercare di alzare ulteriormente il baricentro granata e tentare di bucare la porta. Ci ha provato con le sue punizioni, ma nel match contro il Pisa non è riuscito in una delle sue giocate vincenti da calcio da fermo. Gli sono serviti i tempi supplementari – o meglio, poco più di un minuto di quest’ultimi – per cambiare praticamente il match: calcio d’angolo sporcato dalla difesa del Pisa, la palla gli finisce tra i piedi al limite dell’area di rigore e il serbo, con una velocità d’esecuzione pazzesca, schianta il suo tiro sotto la traversa, escludendo dai giochi la difesa e il portiere avversario Ujkani.

RISCATTO – La prestazione di ieri sera, per quanto fosse onestamente contro una squadra assolutamente inferiore, ha lasciato del positivo riguardo alla situazione di Adem Ljajic: nella partita contro il Chievo, infatti, il serbo aveva fatto un piccolo passo indietro, come scritto su queste colonne (QUI ne avevamo parlato), e necessitava di un’immediata reazione. Non ha tardato ad arrivare, senza dubbio, perché sono passati appena tre giorni e Ljajic sembra essere tornato sui livelli delle prime partite di campionato giocate con continuità. Una notizia che fa bene all’attaccante – che continua il suo percorso di crescita – e al Torino, che può contare su un giocatore di grande qualità che rivolta le sorti delle partite.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ratatouille - 1 settimana fa

    Mi sembra che il suo valore lo stia dimostrando anche in campionato… Averne! Ieri sera tutti giocavano contro una squadra di B, rimaneggiata e in 10, ma mi pare che pochi abbiano saputo rendersene conto…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Amoon - 1 settimana fa

      Io commentavo l’articolo in cui si dice che dopo la partita col Pisa si vede il cambio di passo di Ljajic. Io penso che visto il valore del Pisa non fosse ieri la partita per capire se il giocatore sta crescendo o no. Tutto qui

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Amoon - 1 settimana fa

    Sono convinto del valore di Lijajc. Ma certo ieri sera non lo si poteva certo valutare: contro una squadra di B, rimaneggiata e per giunta in 10 uomini. Insomma, Lijajc ci faccia vedere il suo valore contro le “grandi” e ne riparliamo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy