Lo striscione contro Ventura divide i tifosi del Torino: la reazione della piazza

Lo striscione contro Ventura divide i tifosi del Torino: la reazione della piazza

Day-after / Sul web e non solo: “Sbagliati i modi e i tempi”. Il gesto genera l’effetto opposto a quello sperato: ma l’idea di fondo non cambia…

Torino-Carpi, striscione

Con un frase d’impatto, ma non certo offensiva, la curva Maratona ha dato il benservito al tecnico del Toro: “L’avVentura è finita. Grazie Mister”. Uno striscione apparso prima di Torino e Carpi, poi strappato e rimosso a ridosso del calcio d’inizio. Un episodio che non ha avuto alcun impatto chiave sull’esito del match, ma che allo stesso tempo ha diviso in due la piazza. Da un lato, la minoranza, resta a favore del gesto. Per la restante parte invece: “sono stati sbagliati i modi e i tempi”.

MOMENTO SBAGLIATO – Da quel che si può evincere dai commenti a caldo allo stadio e su internet, il momento non era affatto adatto: i granata arrivavano da una vittoria importante a Palermo, e cercavano di unirsi il più possibile per riuscire ad affrontare una squadra che, effettivamente, è arrivata a Torino con il coltello tra i denti. Anche il presidente Cairo ha convocato tutti all’Olimpico, proprio per rimanere al fianco della squadra e riuscire a bissare il risultato del “Barbera”. Per molti lo striscione di addio a Ventura, in cui c’era scritta la data in cui dovrebbe terminare il suo incarico come allenatore del Torino, ha rischiato di spaccare in due l’ambiente.

striscione
Il match tra Torino e Carpi è terminato 0-0, risultato che sa di occasione mancata

NON UNA GIUSTIFICAZIONE – Ovviamente non si giustifica il pareggio dei granata contro il Carpi, ma si vuole sottolineare come molti tifosi del Torino, anche e soprattutto sui social, si sono estraniati da questo striscione, criticando, appunto, il luogo, l’occasione e il modo: Giampiero Ventura, come ha lui stesso ammesso, sta attraversando la sua peggiore stagione al Toro (QUI IL NOSTRO APPROFONDIMENTO), ciononostante per i più il messaggio poteva essere recapitato direttamente durante l’ultima giornata di campionato in programma allo stadio Olimpico. Un messaggio che ha quindi perso d’efficacia e per quanto Ventura possa essere più o meno gradito, quel gesto non ha portato da nessuna parte: niente vittoria, nessuna reazione in campo e niente esonero. Anzi, una piena conferma da parte del patron Urbano Cairo.

Ma se sui modi e sui tempi in tanti ancora oggi discutono, condannando in gran parte il gesto, tutti sembrano concordare sulla sostanza: per la piazza, terminato il campionato, verrà il momento di cambiare pagina. A Ventura e al resto del gruppo il compito di rialzare la testa e riconquistare quel pubblico che in questi anni ha saputo mostrare un amore sconfinato.

29 commenti

29 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. tore65 - 11 mesi fa

    non saprei se ventura ha perso gli stimoli o la squadra è più scarsa dello scorso anno.
    Ma mi sarei evitato di cambiare Gaston Silva a 3 minuti dalla fine evitandogli una bordata di fischi.
    qualche anno fa lo avrebbe valutato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Lello66 - 11 mesi fa

    Probabilmente considerando l’età di Ventura, si potrebbe ritenere che di esperienza ne abbia a volontà, ma guardando i risultati parrebbe che con l’età il. mister non abbia acquisito esperienza, ma sia diventato, stanco, ostinato e testone, fino al punto che le partite sono tutte un copia e incolla delle precedenti, nonostante le squadre conoscendoci, non ci temono più e ci schiacciano in difesa. Inoltre tutti i cambi non condizionano una variazione del modulo, ma chiunque entri deve comunque schierarsi in modo che non cambi il gioco. Il mister si giustifica dicendo che la squadra è stata costruita esclusivamente per questo gioco, e si sta lavorando per cambiare il prossimo anno, ma i giocatori la sanno che la società li ritiene limitati, poiché non siano adatti ad giocare un calcio diverso?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Lello66 - 11 mesi fa

    Sicuramente l’articolo è molto di parte, perché lo striscione non è stato strappato prima dell’inizio della partita, ma bensì a partita abbondantemente in corso, secondo quantificare nella minoranza la tifoseria che lo condivideva è una valutazione molto personale del giornalista, poiché se fosse andato allo stadio, al termine della partita, avrebbe notato che gli unici a sostenere Ventura erano i 10 metri centrali della curva Maratona, tutti gli altri sono usciti dallo stadio, esprimendo pareri decisamente contro il mister. Continuate cosi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. vandekorput - 11 mesi fa

    Ragazzi lasciamo lavorare il mister. Ha sempre dimostrato di capirne di calcio e noi dobbiamo avere fiducia. Stiamo gettando le basi per fare una squadra forte con dei giovani di prospettiva. Per far crescere i giovani bisogna consentirgli anche di sbagliare con serenità. Se i tifosi contestano e mugugnano ad ogni minimo errore non fanno l’interesse della squadra. Quest’anno va così, mettiamoci il cuore in pace e iniziamo a gettare le basi per il prossimo anno, con mr libidine e qualche innesto possiamo rivedere un toro che gioca a calcio su tutti i campi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 11 mesi fa

      libidine ??? Mi sà che quì hai goduto solo tu ( e lui con 1,3 milioni a stagione)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ziocane66 - 11 mesi fa

    Io continuo a sostenere che in campo non va il Mister. Detto ciò come gioca il Toro fa schifo , non è possibile che in campo nessuno si renda conto che i passaggi a nessuno che si smarchi faccia perdere palla e sulle azioni d’attacco buttarsi in 4 in area senza criterio faciliti le respinte dei difensori e il contropiede.Poi il famoso movimento senza palla non si vede mai. Poi cambiando mister si vedranno queste cose?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Athletic - 11 mesi fa

      Mettere quello striscione è stato da dementi, l’ho già detto, è non tanto per il contenuto quanto per la tempistica. Detto questo trovo il tuo commento interessante. Perché si sbagliano così tanti passaggi elementari, così tanti cross e punizioni? Vedo errori da giocatori da lega pro, eppure pur non essendo dei fenomeni, non siamo certo così scarsi. E perché non ci sono più movimenti senza palla, non ci sono più sovrapposizioni, che sono sempre state il successo del gioco di Ventura?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. saettadallimite - 11 mesi fa

    E’ vero che quello striscione era parecchio fuori luogo ma è anche vero che è stato un modo per far sentire la propria opinione, per fare un po’ di rumore. Adesso i giornalisti iniziano a dire “nel Toro c’è qualche problema serio”, forse senza lo striscione avrebbero continuato a dire che tutto andava liscio, mentre una grossissima parte dei tifosi già da mesi storce il naso per il non-gioco e per altre cose. Adesso anche Ventura sa che è un po’ sulla graticola, infatti Cairo non lo manderebbe mai via, fino alla pensione, ma una seria contestazione dei tifosi sì. Io sono sempre stato un sostenitore di Ventura ma adesso inizio davvero a perdere la pazienza nel vedere per es. il Carpi passeggiare a centrocampo senza nessuno dei nostri che andasse a contrastare, nel vedere, come è stato detto in più commenti, un giocatore come Vives impostare il non-gioco etc… Spero che miracolosamente cambi qualcosa se no a giugno aria nuova. Forza Toro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Achille - 11 mesi fa

    Noi del Toro siamo stanchi,stanchi di veder primeggiare gli altri, stanchi di farci massacrare e sbeffeggiare nei derbies, stanchi di accontentarci, ma è controproducente prendersela con giocatori e allenatore e peggio ancora litigare tra noi. Sempre fvcg!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. granata - 11 mesi fa

    Ma lasciate perdere con striscioni del cavolo.lasciamo che la squadra con l allenatore lavorino e si tranquillizzino.le pressioni quando ci sono problemi aggravano la situazione.difficile da capire?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 11 mesi fa

      Sono professionisti oppure no ? O lo sono solo quando prendono lo stipendio ?

      E’ così facile da capire !

      Quelli sotto pressione sono i chirurghi o al limite i piloti d’aereo dalle cui decisioni dipendono delle vite umane !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. davant71 - 11 mesi fa

    Ventura ha dei limiti. Buono per squadre di medio bassa classifica, ma inadatto nel momento in cui bisogna alzare l’asticella degli obiettivi. D’altronde quando dai le chiavi del gioco ai vari Moretti e Maksimovic e hai un centrocampo inesistente dal punto di vista della costruzione di gioco, allora è tutto dire.
    Se Cairo si accontenta di questi risultati anonimi buon per lui.
    Io sono profondamente deluso, quando quest’anno si poteva e doveva approfittare del livellamento del campionato per ambire a risultati migliori visto la buana partenza iniziale e avendo tutta la settimana x preparare le partite.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Mik - 11 mesi fa

    Detto che non sono gli striscioni allo stadio che devono determinare le strategie della società, se cairo tiene veramente a migliorarsi ora piu che mai deve avere il coraggio di cambiare. E non perché vogliamo essere i zamparini di turno che cambia gli allenatori come si cambiano i calzini, ma perché ora piu che mai tra tutti i mali del toro, il maggiore sta proprio li. Ci sono mesi per studiare, valutare e contattare per partire in estate con nuova linfa. Ora non servirebbe. Non abbiamo obbiettivi tangibili, se non quello di salvezza tranquilla e magari una posizione a sx della classifica.Stop.Perché cambiare ventura? Perché finché hai una rosa tutta obbiettivamente scarsa allora sai che pure un mourinho con guardiola non caverebbero un ragno dal buco. Questo capitava anni indietro al toro. Ma c’e piu di una sensazione che il toro oggi valga non magari le posizioni di vertice, ma di certo piu di alcune squadre che lo precedono in classifica. Prendiamo il sassuolo…tutti a dire che sarebbe prima o poi scoppiato. Mi pare che con empoli,ultimamente,abbia vinto a differenza nostra. Eppure di giocatori buoni ne ha ceduti,ma mi pare di vedere che corrono, o se corrono, e hanno fame di risultati, e nessun timore o paura per le pressioni e lo stress. Sarà allora l’allenatore che da quel quid in piu lì che da noi non si vede? Per non parlare del napoli. Una campagna acquisti estiva sotto tono tanto da determinare solo 4000 abbonati. Una rosa quindi simile e a quella dello scorso anno con un certo benitez. E allora come mai tanta differenza in questo championato? Sarà forse farina del sacco di sarri? Io sono il primo a dire che troppo spesso e con troppa superficialità gli insuccessi di una squadra vengono esclusivamente attribuiti all’allenatore. Facile ridurlo a unico capro espiatorio e,cosi,tagliarlo.Ma è pur vero che l’abilità di un presidente deve essere quella di capire quando proprio l’allenatore diventa un limite alla crescita,e voltare cosi pagina,ma ponderando bene le alternative sul mercato,perche cambiare tanto per cambiare crea piu danni che non risolverli.Perché cambiare ventura? Perché chi onestamente ora vede una squadra in serie a che gioca con estenuanti passaggetti orizzontali,o continui retropassaggi al portiere che,come tutti sanno,oltre ad essere un mediocre tra i pali e inesistente nelle uscite,è molto insicuro coi piedi?sbagliare è umano, caro allenatore, ma perseverare è diabolico. Chi fa giocare spesso giocatori fuori ruolo mettendoli solo in imbarazzo,calcisticamente parlando? Chi consegna ai difensori o ai medianacci coi piedi tipo ferri da stiro le chiavi della regia della squadra? Meglio un vives,un gazzi,un bovo,un moretti,un aquah che impostano o magari un prcic che non sarà Scifo ma almeno è adatto a quel ruolo?Se in campo uno dovesse sostituire iniesta capisco che avrebbe molte remore in merito.Ma peggio dei sopracitati chi potrebbe esserci?Chi campa sempre scuse legate alla sola sfortuna,sui tanti infortuni, come se la preparazione atletica e lo staff che la segue fossero un concetto astratto o inesistente?Chi dice che giocatori giovani tipo baselli e company quando fanno piu di una partita opaca, camminando invece che correndo, lo fanno perché stanchi dalle troppe partite ravvicinate o ansiosi e stressati perché messi sotto pressione da un pubblico esigente? Ma stiamo scherzando vero? Se vogliono giocare a calcio a certi livelli queste sono le condizioni indiscutibili, altrimenti cambi mestiere. Giochiamo solo il campionato, grazie ad un derby di coppa italia da dimenticare se mai ci riusciremo, e ci tocca sentir parlare di stanchezza nelle gambe di giovani che dovrebbero spaccare il mondo, di turn over che tipo col genoa ci ha fatto regalare punti,per uno sporadico turno infrasettimanale? Sarà forse,caro Ventura,tutte scuse campate per nascondere la verità che sta dietro una preparazione atletica superficiale che non solo da quest’anno contraddistingue i campionati del toro? Concludendo,a parer mio,di motivi per iniziare a giugno con un allenatore nuovo,con piu ampie prospettive,piu affamato e meno fossilizzato,dalla mentalità piu vincente…ci sarebbero. A patto che il toro non ceda tutti i suoi pochi big,e che completi l’opera senza comprarci ovviamente CR7, ma un buon portiere e un buon centrocampista…che ci mancano come il pane!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. prawda - 11 mesi fa

    Forse perche’ da oltre quaranta anni seguo il Torino, ho visto striscioni ben peggiori di questo che tra l’altro non ritengo assolutamente offensivo. Si puo’ discutere se era il momento adatto per esporlo ma credo che non ci sarebbe mai un accordo in tal senso; penso fosse il tentativo di mandare un messaggio a Cairo, dopo le dichiarazioni sulla conferma di Ventura per altri due anni, tra l’altro era firmato UG. Purtroppo credo sia un lodevole intento ma perfettamente inutile, perche’ lo spumeggiante e libidinoso gioco di Ventura ci accompegnera’ ancora per il prossimo biennio.
    Investire per un imprenditore significa mettere delle risorse aggiuntive nella propria azienda, non cambia concettualmente che siano proprie o ottenute tramite ricorso al credito, che poi sia fatto per acquistare un capannone, per sostituire un macchinario, per costruire uno stadio poco importa; questo dai bilanci e’ evidente non e’ mai stato fatto. Un progetto presuppone come obiettivo una crescita di squadra e risultati e presuppone la volonta’ di investire da parte della proprieta’, ovvio che stante l’assenza di investimenti ipotizzare una crescita e’ estremamente arduo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. SwanSong - 11 mesi fa

    Mi unisco alla conversazione, che spero si svolga pacatamente e civilmente per dire la mia.
    Intanto saluto tutti dal momento che è il mio primo intervento su TN. Sito che seguo da tanti anni ma al quale non mi ero ancora mai loggato.
    A parte la partita col Carpi di ieri che mi ha rovinato la giornata, devo dire che ancor prima ed ancora di più me l’ha rovinata questo assurdo striscione. Provo a spiegarvi il motivo, anche perché, a volte, chiacchierando con altri fratelli granata, mi pare di parlare un’altra lingua o di non riuscire a farmi capire, eppure mi sembra di esprimermi in un italiano comprensibile.
    Allora, partiamo da una considerazione preliminare: spero di sbagliarmi, perché significherebbe che la stagione da qui alla fine si risolleva alla grande, ma io credo che Ventura sia arrivato al capolinea e l’impressione è che la squadra abbia grossi problemi. Più di testa che tecnici o tattici secondo me, perché quando sbagli cose elementari giocando in casa con lo stadio pieno vuol dire che non ci sei con la testa.
    Ed è proprio questo il punto capite? Ci sono tifosi che vogliono che Ventura se ne vada? Ok l’hanno detto milioni di volte, l’abbiamo capito, basta! Cairo in settimana ha detto avanti con Ventura (e cosa doveva dire? Adesso lo cambio?). Bene, per come la vedo io, ieri, dopo una partita convincente fuori casa contro il Palermo, si va allo stadio e si tifa Toro e si scrive in Maratona: “Siamo sempre con voi!” (sottotitolo non scritto: “a prescindere da chi allena”!). Perché alla fine è questo quello che conta. Quello che deve contare! Se invece esponi uno striscione contro l’allenatore (contro il miglior allenatore che abbiamo avuto negli ultimi 20 anni, aggiungo io ed aggiungono i fatti), dimenticandoti dove (anche grazie a lui) stavamo giocando nemmeno un anno fa, beh, secondo me tu non sei un tifoso che vuole il bene del Toro in generale e di questa squadra in questo momento particolare. Sei uno che, credendo di parlare per migliaia di tifosi – e non è vero – in realtà vuole solo destabilizzare un ambiente già precario e di questo, in tutta sincerità, non credo che ne abbiamo bisogno…
    Bon, quello che dovevo dire l’ho detto. Scusate lo sfogo, non vuole essere offensivo nei confronti di nessuno e massimo rispetto per chi la pensa diversamente da me.
    Ancora un caro saluto a tutti e Forza Toro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Brawler Demon - 11 mesi fa

      Mi trovi d’accordo e mi auguro che chi ha esposto quello striscione non abbia avuto la supponenza di parlare a nome di tutto il Popolo Granata. C’è da dire però che è una forma di critica civile, ciò va riconosciuto. Sta al Mister e alla squadra fare risultato, facendo annegare critiche e fischi.
      FVCG!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ziocane66 - 11 mesi fa

      Per essere la prima volta che scrivi hai preso 35 mi piace(mio compreso) :direi di scrivere ancora!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. gian.ca_162 - 11 mesi fa

    Cito testualmente:
    “…il Sig. Urbano Cairo che, se non sbaglio (e non sbaglio), di soldi negli ultimi anni ne ha investiti parecchi in proporzione alle sue sostanze…”

    Potresti, gentilmente, indicarmi gli INVESTIMENTI del Presidente atteso che, per quanto mi risulta, gli unici soldi spesi sono quelli derivanti dalle cessioni illustri degli ultimi anni (a partire da Ogbonna per finire a Darmian…).???

    A parte questo, da un allenatore che ha raggiunto il massimo della sua non giovane carriera con il 7° posto di 2 anni fa, quale ulteriore crescita potremmo aspettarci?

    Inoltre dov’è questo tanto decantato progetto di crescita visto che un giovane, ammesso che sbocci, per stessa ammissione di Cairo e dello stesso Ventura, non dovrà generare altro se non una possibile plusvalenza???

    Se poi ci accontentiamo di campionati da metà classifica o di salvezze tranquille allora mortifichiamo la storia di questo glorioso club e della sua tifoseria, quella che ha fame di, non dico VINCERE ma quanto meno COMPETERE, cosa che, ad eccezione di una stagione e mezza dell’era Cairo (che dura da più di un decennio…) non mi risulta sia stata la REGOLA bensì l’ECCEZIONE…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Zlobotan - 11 mesi fa

      Bhe, a casa mia utilizzare soldi ricavati da plusvalenze vuol dire INVESTIRE. Non investire danaro invece vuol dire incamerare e non spendere. Quindi su questo aspetto penso di non aver scritto una cazzata.

      In secondo luogo ho scritto che meritano un’altra possibilità perchè fin qui hanno fatto bene. Da quando è arrivato è stato un continuo crescere, fino allo stop di questa ultima parte di campionato. Quindi secondo me merita un’altra possibilità.

      Infine, non ho detto che bisogna accontentarsi. Ho detto di lasciarli lavorare e poi vedere se veramente il tempo di cambiare. Farlo ora mi sembra inopportuno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. gian.ca_511 - 11 mesi fa

        INVESTIRE significa metterci soldi propri (di Cairo, intendo…)…se io ho 10.000 € in banca che mi fruttano 1.000 € all’anno ed ogni anno investo solo i 1.000 € dov’è l’investimento???

        Il continuo crescere in realtà si è arrestato lo scorso anno a metà aprile…da allora è un rapido decrescere.

        Non ho detto che Ventura vada cambiato ora, non servirebbe visto che non abbiamo alcun obiettivo stagionale (sigh…) ma, se nelle restanti 12 partite il trend restasse questo, allora sarebbe masochistico proseguire con lui per un altro o addirittura 2 anni…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. crocian_786 - 11 mesi fa

          Per me un dirigente investe ovviamente soldi dell’azienda. Ma a te lo stipendio lo paga il tuo principale con i soldi di casa sua o dell’azienda?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. gian.ca_351 - 11 mesi fa

            Hai usato un termine giusto…azienda, quello che per Cairo è il Toro, nulla più…ma la parola INVESTIRE con Cairo non c’entra proprio nulla e l’ho spiegato prima…INVESTIRE: in economia per investimento si intende l’attività finanziaria di un soggetto economico detto investitore atta all’incremento di beni capitali e l’acquisizione o creazione di nuove risorse da usare nel processo produttivo al fine ultimo di ottenere un maggior profitto futuro o incrementare la propria soddisfazione personale…
            Si vede che Cairo ha letto WIKIPEDIA…

            Mi piace Non mi piace
  14. Daniele abbiamo perso l'anima - 11 mesi fa

    Striscione fuori luogo e inutile.
    Ma perseverare con Ventura l’anno prossimo sarebbe forse diabolico.
    Hanno finito cicli allenatori più grandi e vincenti di lui.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. granata67 - 11 mesi fa

    Ma qui stiamo rasentando la pazzia: non vinciamo in casa da più di una mesata (4-2 contro il mostruoso Frosinone…). Nel mezzo prestazioni imbarazzanti con avversari mediocri o,al più, alla nostra portata…E non dovremmo obiettare su niente? Ma ragazzi, di che parliamo?! Qui non siamo al circolo del golf…Il tifoso che spende soldi di tasca propria ,pagando il biglietto, ha tutto il diritto di contestare e criticare, fischiare o esporre striscioni purchè non si trascenda nella violenza o nella maleducazione. Mi pare che lo striscione sia stato il minimo sindacale per come è ridotto ora questo povero Toro:fatevi un giro in piazze calde come Firenze o Roma prima di giudicare…e imparate a rispettare il tifoso con il suo sacrosanto diritto di critica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Zlobotan - 11 mesi fa

      Nessuno vuole porre veti alla critica; solo ci sia data la possibilità di dire che quello striscione, ieri, è stata una tremenda cazzata!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Zlobotan - 11 mesi fa

    Ci terrei a dire due cose visto che secondo me la situazione si sta un attimo ingigantendo.
    Leggo commenti e articoli di giornale in cui si dice peste e corna di Ventura e Cairo, in cui si augurano le dimissioni dell’allenatore etc.
    Ora, secondo me bisogna calmarsi un attimo. Sinceramente che siano quattro ultrà della curva a decidere le dinamiche societarie mi lascia un po’ perplesso, e mi fa anche sorridere. Vogliamo lasciare a loro la decisione sulla guida tecnica, sugli schemi e sul calciomercato? Ma fatemi il piacere. Mi dispiace per loro ma il proprietario del Torino Fc è il Sig. Urbano Cairo che, se non sbaglio (e non sbaglio), di soldi negli ultimi anni ne ha investiti parecchi in proporzione alle sue sostanze (CR7 non lo abbiamo semplicemente perchè non possiamo permettercelo).
    È vero, la squadra non ha girato come ci aspettavamo, ma io non credo che sia la fine del mondo. Abbiamo fatto due annate stupende e ora ne è arrivata una di transizione. Ci sono molto giovani, questo è un dato di fatto e non un’opinione, che devono crescere soprattutto in termini di personalità. Ci sono stati brutti infortuni. C’è stata parecchia sfiga.
    Insomma, non mi sembra il caso di fare striscioni con cui si decreta la fine della guida tecnica. Primo perchè non ne hanno (grazie a dio) il potere. Secondo perchè non siamo nel baratro più totale: stiamo facendo una stagione bruttina, ma non butterei all’aria un progetto pluriennale per alcuni risultati insoddisfacenti.
    Guardiamoci in faccia: alcuni anni fa eravamo in B nell’oblio più assoluto. Ora invece sono 3 anni che riempiamo stadi e facciamo buoni risultati. E il merito è di una ritrovata e seria pianificazione, inutile negarlo. Pianificazione per giunta essenziale per club con le nostre disponibilità economiche.
    Molti diranno: “si è vero, però ora che ci hanno portato qui devono lasciare spazio a chi ci porterà ancora più in su”. Possibile, lecito immaginarlo, ma io darei ancora una possibilità a chi questo progetto lo sta portando avanti. E ciò per una elementare ragione: eccetto l’ultimo periodo queste persone hanno sempre fatto bene. È con la razionalità che si guida una squadra, non con gli striscioni.
    Quindi consiglierei sì di criticare, ma non di esagerare, non mi sembra né il caso né il momento propizio. Vi prego, non diventiamo una piazza ridicola come quella giallorossa.
    Un saluto e scusate lo sfogo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rok - 11 mesi fa

      Concordo con te, ieri quando sono entrato allo stadio e ho visto lo striscione l’ho trovato proprio fuori luogo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. SwanSong - 11 mesi fa

      Ecco secondo me un commento equilibrato, onesto intellettualmente, obiettivo (ed oggettivo). Complimenti, mi hai tolto le parole dalla tastiera!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. SwanSong - 11 mesi fa

      Ecco, secondo me, un commento equilibrato, onesto intellettualmente, obiettivo (ed oggettivo). Complimenti, posso dire che mia hai tolto le parole dalla tastiera!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy