Lucas Boyè, voto 6: ampi margini di miglioramento, servono i gol

Lucas Boyè, voto 6: ampi margini di miglioramento, servono i gol

Il Pagellone / L’argentino ha dimostrato di avere molte qualità da sfruttare, ma troppo spesso ha mancato l’appuntamento col gol: serve continuità

Il Torino di Sinisa Mihajlovic ha da poco concluso il campionato, ed ora si continuano a dare i voti ai protagonisti di questa annata, che ha visto i granata partire forte, per poi ritrovarsi a fronteggiare grandi difficoltà, in particolare in difesa. Parlando, invece, di attacco, cominciamo a dare i giudizi sui giocatori offensivi della squadra granata: il primo della lista è Lucas Boyè, che nel bilancio generale della sua stagione si merita una sufficienza, anche se i margini di miglioramento sono davvero molto ampi.

FC Torino v AC ChievoVerona - Serie A

OTTIME PREMESSE – Boyè è arrivato al Torino con delle buone premesse: il giocatore era stato strappato alla concorrenza della Roma, che per questo mancato acquisto perse il ds Sabatini (QUI i dettagli). Ma non solo, perché nel primo match con la maglia granata (in Coppa Italia), ha realizzato un gol da cineteca dopo pochi minuti dal suo ingresso in campo, con una girata al volo di sinistro che ha messo sul 4-1 il punteggio del match contro la Pro Vercelli. Perciò i granata si aspettavano molto da questo giocatore, le cui qualità non sono mai state messe in discussione.

FC Torino v Empoli FC - Serie A

GOL – L’unica pecca di questo ragazzo è lo scarso feeling con il gol: sembra assurdo a dirsi, data la bellezza delle reti che in questa stagione ha realizzato, ma è purtroppo una realtà. In alcuni match in cui avrebbe potuto prendersi la scena e un posto da titolare fisso (contro l’Empoli nel match d’andata, per esempio), ha sempre steccato, ed ha mancato l’appuntamento con il gol evidentemente troppo spesso. Alla fine il gol è arrivato, l’ultima giornata di campionato contro il Sassuolo, con una rete tecnicamente molto bella, con un destro a giro da posizione defilata sulla sinistra.

TURIN, ITALY - APRIL 02:  Lucas Boye of FC Torino in action during the Serie A match between FC Torino and Udinese Calcio at Stadio Olimpico di Torino on April 2, 2017 in Turin, Italy.  (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
TURIN, ITALY – APRIL 02: Lucas Boye of FC Torino in action during the Serie A match between FC Torino and Udinese Calcio at Stadio Olimpico di Torino on April 2, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Lucas Boyè dovrebbe riuscire a seguire la filosofia del “non è mai troppo tardi”, per cercare di trovare la continuità sotto porta, fattore fondamentale per un attaccante di Serie A: la prossima stagione potrà cercare di diventare davvero un protagonista di questa realtà granata.

Lucas BOYÈ
 # Campionato Coppa Italia
Presenze 30 3
Gol 1 2
Assist 2 0
Minuti giocati 1444 163
Ammonizioni 5 0
Espulsioni 0 0
VOTO: 6
4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Filadelfia - 6 mesi fa

    Talento per ora ancora inespresso. Ma ha dalla sua l’età e il fatto che arriva da altro continente. Diamogli il tempo di esprimere le sue qualità. Ma sono certo che ce la farà. Se l’aveva scelto Sabatini x la Roma …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. abatta68 - 6 mesi fa

    Boye, Benassi, Baselli, Belotti, Barreca, Zappacosta, Lyanco, Bonifazi… 8 giocatori tra i 20 e i 24 anni! tutti tecnicamente validi e con la voglia di affermarsi. Non so quante altre squadre italiane possono vivere una situazione come questa… di questi otto non dovrebbe essere venduto nessuno e i tifosi dovrebbero avere pazienza di aspettarli, esattamente come si è fatto con Belotti. Se il Toro vuole crescere deve partire da questi otto e prenderne altri 3-4 di livello ed esperienza superiore, ci teniamo qualche usato sicuro come Moretti e Molinaro e il gioco è fatto! non manca tanto… l’importante è centrare qualche acquisto mirato, più che pensare di incassare 100milioni per Belotti e non sapere chi andare a prendere…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. torinodasognare - 6 mesi fa

    Se uno l’ha veramente osservato non dovrebbe che scriverne bene. È un giocatore in costruzione, ma come scrive il collega Torello, è giovanissimo, cosa si pretende, la doppia cifra al primo anno in Italia? Anzi, è stato fin troppo in panca.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Torello_621 - 6 mesi fa

    Su Boyè bisogna sempre ricordare che è un classe 1997, quindi un anno dopo degli attuali Primavera nessuno dei quali è minimamente paragonabile al ragazzo, così come, purtroppo, non si sono rivelati all’altezza Aramu e Parigini. Per concludere buon acquisto da rivedere il prossimo anno, io spero in un’evoluzione alla Mertens schierandolo come falso 9.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy