Maksimovic, simbolo di un calcio che non ci piace

Maksimovic, simbolo di un calcio che non ci piace

Editoriale / L’ex difensore del Torino ha esternato delle dichiarazioni molto forti: quando la gratitudine viene costantemente dimenticata

Nell’ultima sessione di mercato, Nikola Maksimovic ha lasciato il Torino, dopo una lunga e a tratti estenuante trattativa che si è dilungato fino alle ultime ore, se non agli ultimi minuti dell’ultimo giorno di mercato. Dal punto di vista tecnico, i granata hanno perso un giocatore di qualità in difesa, subito dopo Glik, evento che ha causato una grande instabilità nel reparto: ma dal punto di vista umano, duole dirlo, sembra proprio che il Toro non abbia perso un elemento eccezionale. Nel corso della giornata di ieri, lo stesso difensore serbo ha esternato delle dichiarazioni, nelle quali ha affermato di non sentirsi più nell’ambiente giusto con la maglia granata, e da diverso tempo (QUI i dettagli).

Perciò nasce quasi spontanea una considerazione sulle sue parole. L’ingratitudine mostrata da Nikola Maksimovic nei confronti del Torino è stata totale: non solo si è comportato in modo poco professionale negli ultimi suoi giorni da granata, con una fuga improvvisa che si può configurare come una inadempienza contrattuale bella e buona, ma è anche stato in grado di calpestare il suo passato a parole. Non gli è dispiaciuto – ha detto – di aver lasciato il Torino, anzi, la partenza era un obiettivo che coltivava da anni.

Atalanta BC v SSC Napoli - Serie A

Di certo non si richiedevano le solite parole di rito a Maksimovic, ma quanto meno una richiesta di rispetto era doverosa: il Torino – tra Cairo, Petrachi e Ventura – ha deciso di puntare su Nikola Maksimovic quando il suo nome era assai poco conosciuto. La dirigenza granata lo ha sempre trattato con i guanti, cercando di rispettare sempre le sue volontà, anche per quanto riguarda il rinnovo del contratto, firmato quasi un anno fa e che i granata erano pronti a modificare ulteriormente al rialzo durante l’estate. Eppure, la gratitudine di Maksimovic si è fermata ancora prima di nascere, lasciando soltanto ancora più l’amaro in bocca a tutti quei tifosi che lo hanno adottato sin da subito e a tutte quelle persone che hanno lavorato per lui. Il classico “sputare nel piatto dove si è mangiato”.

E allora, mentre il Torino si gode una plusvalenza eccezionale (25 milioni per un difensore sono sempre un corrispettivo notevole), il  comportamento di Maksimovic mette in evidenza quanto il suo livello di maturità sia ancora molto basso; in fin dei conti, tenersi in casa un giocatore del genere, nello spogliatoio granata, avrebbe causato il rischio di compromettere la situazione creatasi nelle prime settimane. Ora abbiamo un solo, vero auspicio: che Nikola Maksimovic, resosi simbolo di un calcio che non ci piace – dove il dio denaro e le ambizioni di vittoria sono l’unica stella polare e valori come la gratitudine vengono costantemente dimenticati – non torni più sull’argomento Toro.

Gianluca Sartori

23 commenti

23 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. stefano.siclar_501 - 2 mesi fa

    Beh sul fatto che l’ambizione di vincere sia una “stella polare” da seguire messa sullo stesso livello del dio denaro, caro Sartori, non sono d’accordo: è una stella sacrosanta da seguire, senno’ che vadano a giocare al campetto o con Ventura, il Mr.MiAccontento

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. wimkieft - 2 mesi fa

    farai la fine di bianchi e balzaretti fuoriiiiiiiiii

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Tenente Sheridan - 2 mesi fa

    Tornerai a Torino per Toro-Napoli, pezzo di merda…!!

    E in quel momento prega che Sarri abbia il buon senso di non farti giocare la partita, perchè in caso contrario mi auguro che tu possa uscire orizzontale ed in barella.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. claudio sala 68 - 2 mesi fa

    Vediamo che carriera farà Maksimovic……i soldi ormai stanno rovinando questi giovani, capisco poi avesse scelto la Premier ma andare a Napoli…..saluti a tutti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RobyMorgan - 2 mesi fa

      Andiamo tutti alla partita con i fischietti e quando tocca palla sommergiamolo di fischi!!!
      Sei solo un mercenario , Infame!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. biribori.mugnai@gmail.com - 2 mesi fa

    Chi difende Maksimovic non ha 1 che sia 1 ragione.
    Questo quando firma un contratto lo deve rispettare.Che poi ti promettano che ti vendono è un altro discorso.Io ti vendo se la proposta è di mio gradimento sia economicamente e logisticamente.L’offerta deve essere valida dal punto di vista economico e deve anche se possibile non rafforzare una diretta concorrente(anche se il Napoli proprio diretta concorrente non lo è).Con me questo marciva in tribuna o se possibile restava senza stipendio fino alla fine del contratto.Purtroppo il Toro non se lo può permettere altrimenti ……e che caz…….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabrim7_593 - 2 mesi fa

      Mi pare che lo scorso anno Maksimovic si sia rotto un piede non giocando per metà stagione, quindi un pochino di gratitudine avrebbe dovuto riservarla alla società ma in questo mondo dove esistono solo i soldi campano elementi come lui………piccoli piccoli!!!!!!!!FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. TORO1960 - 2 mesi fa

      Concordo in pieno che vada a farsi fott……, la riconoscenza non è di questa terra!!!!!! FORZA TORO SEMPRE, COMUNQUE E DOVUNQUE!!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Como Granata - 2 mesi fa

    “Pezzo di Escremento” che non sei altro!!!
    Quando arriverai a Torino, vedremo quanto tempo resterai in campo??
    Farai la fine che hanno fatto…prima “Bianchi”…quando giocava nella Lazio dopo aver rifiutato il “TORO”, una prima volta….e poi quel traditore di “Balzaretti”!
    Giocare con uno Stadio intero che ti urla contro, non sarà molto bello…..penso.
    Addio!!
    Ingrato!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. princesse-8_509 - 2 mesi fa

    Maksimovic sarebbe voluto andare al Napoli già dalla passata stagione; è rimasto al Toro strappando una promessa a Cairo di cessione, se fosse pervenuta un’offerta di oltre 20 mln al club granata. La parola deve essere mantenuta dall’una e dall’altra parte, troppo comodo attaccare Maksimovic e non vedere in effetti le reali colpe dove siano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Akatoro - 2 mesi fa

      anche la parola data all’allenatore, quella da serbo a serbo,per intendersi va rispettata.
      La società ha rispettato accordi con glik , peres ecc nel momento che son voluti andare via; non ci credo che con maksimovic abbia adottato una politica diversa.
      poi non si scappa perchè il presidente non ti risponde al cell in giornata. Il presidente penso che abbia altri impegni oltre curare i vizi di un ingrato

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. silviot64 - 2 mesi fa

    Vanno via dal Torino pensando di essere dei fenomeni, la realtà è ben diversa. Anche lo stesso Darmian è finito nel dimenticatoio. Purtroppo la differenza di stipendio è così elevata che alla fine umanamente si pensa anche al proprio futuro. È questo sistema che è marcio. Poi c’è chi ne esce con più onore, ma la sostanza è quella. A Maksimovic contesto il fatto di non essere onesto, non è andato a Napoli per motivi tecnici, di possibilità di grandi vittorie (per questo si va alla Juve), ma per soldi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. wimkieft - 2 mesi fa

    singher solo questo merita il maksimovic nn sei stato serio e poi la fuga paiasu

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. giancator - 2 mesi fa

    Un altro che è arrivato nel “calcio che conta”,adesso gli auguro la stessa esaltante carriera del suo precursore!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. azteco - 2 mesi fa

      purtroppo la carriera conta meno , si può chiudere un occhio sulla carriera….ma il contratto che ha firmato da 2,8 milioni di euro per quattro anni……non facciamo finta di niente, sono mercenari….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. giancator - 2 mesi fa

        E’ vero sono mercenari,però andarsene in questa maniera irrispettosa verso chi ti ha aiutato a crescere e diventare un giocatore vero,è un comportamento vigliacco e meschino!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. azteco - 2 mesi fa

          sono d’accordo per quel che riguarda Maksimovic. Anche se lo pensi , se sei una persona intelligente stai zitto e te lo tieni per te.
          Ma io mi riferivo a Cerci visto la battuta “del calcio che conta”

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. giancator - 2 mesi fa

            Scusa non avevo capito che ti riferivi a Cerci (effettivamente macsimovic ha firmato per molto meno).Comunque è anche giusto che pensino alla loro carriera,al loro futuro,però è il modo in cui se ne vanno che fa la differenza!

            Mi piace Non mi piace
  11. sysma_558 - 2 mesi fa

    Articolo corretto che descrive perfettamente la situazione. Aggiungo solo che è un meschino del caxxo e prima o poi farà lo stesso al Napoli per qualche spicciolo in piu. Pur guadagnando tanto rimane un pezzente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. sergiored201_372 - 2 mesi fa

    L’unico modo di impedire al serbo di tornare sull’argomento Toro, è quello di non commentare più le sue farneticanti esternazioni, disgustose e degne di una persona senza valori. Invece, noto che TN concede spazio a questo tizio, pubblica articoli e commenti…Mi sembra una contraddizione a quanto auspicato da voi stessi. Ignorarlo si può, ora tocca a voi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. rogerfederer - 2 mesi fa

      Si chiama DOVERE DI CRONACA….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. sergiored201_562 - 2 mesi fa

        Evidentemente hai un concetto sbagliato del DOVERE DI CRONACA. Te lo dice chi, nel giurassico, è stato cronista di nera. Il dovere di cronaca scatta quando sei obbligato a dare una notizia, magari scomoda, per informare il lettore e frutto di una tua intervista o di un tuo servizio. Nel caso in esame, TN HA RIPRESO le interviste che il serbo ha rilasciato a giornali o TV del suo Paese, e ai media napoletani. TN NON HA INTERVISTATO direttamente il giocatore, ma si è limitato a commentare e proporre a noi un servizio non suo Dov’è il diritto di cronaca? Io lo definirei un atto molto furbo per suscitare interesse e provocare discussioni in rete. Obiettivo raggiunto!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. rogerfederer - 2 mesi fa

          Per me il giornalista che ha trovato su media stranieri una notizia che riguarda il Toro direttamente o indirettamente ha fatto benissimo a rilanciarla su questa testata..ciao ha fatto il suo lavoro di CRONISTA…che non vuol dire seguire la CRONACA IN DIRETTA solo o necessariamente.
          sta eventualmente a noi tifosi IGNORARLA….

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy