Martinez e Iago, dalla delusione Empoli alla chance Pescara per rilanciarsi

Martinez e Iago, dalla delusione Empoli alla chance Pescara per rilanciarsi

Focus On / I due attaccanti granata hanno steccato la prestazione in casa, dove serviva vincere: contro gli abruzzesi dovranno essere ancora loro a trainare l’attacco

Il Torino, questa sera, sarà allo stadio Adriatico di Pescara per sfidare la formazione neopromossa di Massimo Oddo, in quella che sarà la quinta giornata di campionato e il primo turno infrasettimanale della stagione. La squadra granata arriva al match dopo due partite deludenti, contro Atalanta ed Empoli, nelle quali sarebbero serviti tre punti, mentre ne è stato totalizzato solo uno nel complesso: perciò, dopo l’impatto contro la squadra di Martusciello, occorre ripartire ed in particolare in attacco, cercando di ritrovare la via del gol che aveva contraddistinto il Toro delle prime partite in Serie A. Senza Ljajic e Belotti, però, a trascinare la manovra offensiva ci saranno ancora Josef Martinez e Iago Falque, in cerca di una buona prestazione per cancellare quella incolore andata in scena allo stadio Grande Torino.

MARTINEZ – Le due situazioni sono differenti, ed è giusto separare i casi: l’attaccante venezuelano aveva dimostrato di essere in un grande stato di forma, grazie al gol e alla prestazione nel complesso molto positiva contro il Bologna e anche alla rete realizzata con la sua stessa Nazionale, in un match tutt’altro che facile contro l’Argentina. Ma al rientro dal ritiro, le tracce di Martinez sono andate perdute: se a Bergamo il venezuelano aveva l’attenuante dell’infortunio ancora sule spalle rimediatosi nel match contro l’Argentina, contro l’Empoli aveva il compito di suonare la carica, ma così non è stato. Oggi, a Pescara, servirà una prova di carattere per sostituire al meglio gli infortunati e dimostrare a Mihajlovic di poter essere un attaccante titolare.

FC Torino v Empoli FC - Serie A

IAGO FALQUE – Situazione lievemente diversa per l’attaccante spagnolo: Iago è l’ultimo superstite dell’attacco originario del Torino e, perciò, essendo lui un titolare affermato e in cerca di costanza, contro l’Empoli ci si aspettava una prestazione al livello di quella contro l’Atalanta, quanto meno. Invece anche lui ha deluso, toccando pochi palloni e rimanendo nel completo anonimato fino alla sostituzione: contro il Pescara di Oddo ha un’altra possibilità, per cercare di mettere da parte subito i problemi ed essere proprio lui il trascinatore dei granata verso la vittoria.

9 commenti

9 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. LoviR - 3 mesi fa

    Aramu lo vedo più interno che esterno, ma all’occorrenza credo possa disimpegnarsi bene a sinistra, ma occorrebbe meglio giocare con il 4-4-2 con e con Boyè e Martinez di punta. Era meglio tenere Parigini, che al posto di Falque avrebbe fatto la sua degna figura, piuttosto che vederlo in panca al Chievo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tenente Sheridan - 3 mesi fa

      Esatto.

      Qualcuno mi dica qual’è l’utilità di aver prestato Parigini al Chievo se lo stesso Chievo lo tiene in panca e non lo fa giocare…???

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Baveno granata - 3 mesi fa

        Vero Petrachi?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Marco Toro - 3 mesi fa

      Davvero, tanto per non giocare al Chievo a sto punto lo tenevamo noi almeno in questi momenti avremmo avuto una valida alternativa in più.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Baveno granata - 3 mesi fa

    Rispetto le scelte di mister Sinisa,ma come tanti tifosi vorrei vedere in campo Mattia Aramu.
    Il giocatore merita spazio e può fare sicuramente meglio di Falque o Martinez che nelle ultime uscite Hanno offerto prestazioni mediocri.
    ha talento ed è’ bravo sui calci piazzati,sarà’ ancora acerbo ma per maturare deve giocare e considerando le assenze in attacco questo è il momento buono.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tenente Sheridan - 3 mesi fa

      Parole sante.

      Se si devono far giocare dei Giovani, se si vuole consentir loro di esordire, acquisire minuti di gioco ed esperienza e se si devono fare esperimenti, meglio farli ad inizo di campionato, quando ancora non vi è nulla da perdere, magari contro squadre dello stesso livello o di livello leggermente inferiore e non aspettare tempi più lunghi, dove potrebbero sorgere problemi di classifica o di altr natura.

      E’ venuto il momento di dare fiducia a Barreca, Aramu e Boyè, viste le mediocri prestazionie condizioni di Falque e Martinez.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Kathmandu Granata - 3 mesi fa

    Secondo me Martinez non ha grosse colpe le azioni si sviluppano sempre sulla fascia di De Silvestri….e allora Jago gioca di piu perche gli arrivano anche dei palloni, sulla fascia opposta il Torino non spinge mai e allora palloni a Martinez da portare negli ultimi 20 metri non gli arrivano mai!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pako69 - 3 mesi fa

      Stasera comunque dovrebbero giocare zappa e barreca vediamo come vanno le cose.martinez a me sembra più una seconda punta che un laterale d’attacco

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Marco Toro - 3 mesi fa

      E già.. Voglio vedere quando rientrerà Ljiaic se le azioni non si svilupperanno a sinistra ma solo a destra.. A prescindere da chi saranno i 2 terzini.
      A me Martinez sembra più un giocatore che può far panchina in una squadra che punta alla salvezza o giocare titolare in una squadra di serie B

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy