Massa, un talismano all’Olimpico

Massa, un talismano all’Olimpico

di Valentino Della Casa – Il bottino che Davide Massa ha accumulato con il Torino, nei due unici incroci (tutti in questa stagione), è decisamente positivo: due vittorie e sei goal all’attivo, contro le tre reti subite. Stiamo parlando di Torino-Modena e Torino-Pescara, gare molto simili, dove i granata di Lerda passarono in svantaggio prima di mettere in pratica le belle rimonte.

Nel match contro il Modena,…

di Valentino Della Casa – Il bottino che Davide Massa ha accumulato con il Torino, nei due unici incroci (tutti in questa stagione), è decisamente positivo: due vittorie e sei goal all’attivo, contro le tre reti subite. Stiamo parlando di Torino-Modena e Torino-Pescara, gare molto simili, dove i granata di Lerda passarono in svantaggio prima di mettere in pratica le belle rimonte.

Nel match contro il Modena, a dire il vero, il primo autore della rete fu Alessandro Sgrigna, che sbagliò anche, in seguito, un giusto rigore assegnato dal fischietto ligure. In seguito, i canarini, con una doppietta di Cani si portarono in vantaggio. Ma un’altrettanta doppietta, quella del miglior Danilo D’Ambrosio della stagione, permise ai granata di ottenere i tre punti.

Così come le reti di De Vezze, Antenucci e Bianchi (che fece quel famoso gesto del dito sul naso contro il suo mister) fecero sì che il Toro superasse la squadra di Di Francesco, passata in vantaggio con un goal di Diamoutene, figlio di un’incredibile dormita difensiva.

In entrambi i casi, Franco Lerda sapeva di essere decisamente in bilico sulla panchina del Toro. Ora, dopo essere stato richiamato, sa che quest’ombra non incuterà su di lui, fino al termine della stagione. Sperando anche nell’arbitro talismano all’Olimpico.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy