Maxi Lopez: anche dalla panchina, serve più incisività

Maxi Lopez: anche dalla panchina, serve più incisività

Focus on / Il bomber sta trovando poche chance da titolare. Ma nelle ultime partite, quando è entrato, non ha dato la scossa che ci si aspettava

2 commenti

Maxi Lopez ed il Torino, una storia cominciata poco più di un anno fa e destinata a proseguire anche nelle prossime stagioni, a giudicare dal prolungamento di contratto risalente a pochi mesi or sono ed alle parole di stima che Ventura e società non perdono occasione di dispensare nei confronti del bomber argentino. In effetti, il bomber nel corso dei suoi primi sei mesi all’ombra della Mole ha dimostrato di essere assolutamente in grado di fare la differenza e di poter rappresentare un leader per i compagni di squadra, trascinati a successi di notevole importanza a suon di gol. Ecco perché la sterilità sotto porta che l’ha colpito in questa stagione rappresenta una grossa perdita ed un problema da risolvere al più presto per il Torino tutto.

Torino FC v AC Chievo Verona - Serie A
Maxi Lopez si dispera per un’occasione fallita

Con il ritorno di Ciro Immobile alla corte di Ventura nel mercato invernale, è sbocciato un feeling immediato tra il bomber partenopeo e quell’Andrea Belotti che fino a quel momento era sembrato ancora imballato: i due sono così diventati di fatto la coppia titolare del Torino e l’intesa cresce di giornata in giornata, “togliendo” spazio proprio a Maxi Lopez che si è quindi ritrovato relegato in panchina molto più spesso di quanto fosse accaduto nel girone d’andata. Superati i problemi fisici di cui era stato protagonista però, l’argentino è tornato tra i convocati e tecnico, compagni e piazza si aspettavano prestazioni di livello da parte sua: prestazioni che tuttavia finora non sono ancora arrivate. Come detto, il bomber non trova più soventemente la gioia della maglia da titolare, ma anche inserito a partita in corso potrebbe rivelarsi una chiave tattica importante a vantaggio dei granata: a maggior ragione se Ventura volesse buttarlo nella mischia per cambiare modulo e passare ad un attacco a tre, soluzione già utilizzata in parecchie occasioni dal tecnico genovese.

Maxi Lopez è ormai rientrato pienamente in carreggiata
La difesa del pallone è una della qualità principali di Maxi Lopez

La scossa attesa non è però finora arrivata e Maxi Lopez, quando entrato dalla panchina, non è riuscito nelle ultime occasioni (al di là del rigore fallito contro il Carpi, sotto l’aspetto della pura prestazione offerta )ad incidere positivamente come avrebbe potuto e dovuto e come era sua caratteristica fare anche all’inizio di questa stagione quando, anche solo sotto l’aspetto psicologico, il suo ingresso in campo offriva un grande impatto al match in corso. Le qualità dell’argentino non possono essere messe in discussione e proprio per questo il Torino ha bisogno del vero Maxi Lopez per questo ciclo di fuoco e poi ancora per la volata finale di questa tribolata stagione: dal primo minuto o a partita in corso, l’argentino deve riprendersi i granata.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. RDS- toromaremmano - 1 anno fa

    Ma mica è un mago, entra a 15 dalla fine e deve fare quel che agli altri in 90 minuti non riesce?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Pazko - 1 anno fa

    Purtroppo e’ ritornato quello degli anni ante Toro, che non veniva utilizzato dal Chievo ecc. Speriamo che si dia una smossa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy