Maxi Lopez si presenta al Toro: “Contro l’Inter per fare punti”

Maxi Lopez si presenta al Toro: “Contro l’Inter per fare punti”

Parla il nuovo arrivato in casa granata: “Contento di essere qui. Social network? Solo fake”.

Nella sala conferenze dello stadio Olimpico il nuovo acquisto del Torino, l’attaccante argentino Maxi Lopez, incontra i media per la sua presentazione.

Prende la parola il team manager Giacomo Ferri . “Presentiamo un nuovo acquisto che da noi è partito alla grande e speriamo possa continuare così”.

Prende poi la parola il diretto interessato: “Sono contento di aver iniziato così bene. Già lo scorso anno avevo la possibilità di venire qui ed ero felice. Torino è una piazza storica e il Toro è gemellato con il River, la mia squadra del cuore. So che qui la gente segue la squadra con passione e questo per me è molto importante. La mia intesa con Quagliarella? Aspettiamo a definirci nuovi gemelli del gol, perché Pulici e Graziani non si toccano. Tuttavia io e gli altri attaccanti speriamo e cerchiamo di fare bene, magari come Immobile e Cerci. Sappiamo di avere sulle spalle grandi responsabilità”.

Sulla sfida con l’Inter afferma: “Per me non sarà un derby, ma una sfida delicata. Dobbiamo portare a casa un risultato utile. La squadra è carica, stiamo lavorando molto e non vogliamo sbagliare”.

Sulla trattativa che lo ha portato sotto la Mole Maxi dice: ” E’ stata una trattativa semplice, sapevo che il Toro mi voleva e ho accettato subito. Con il presidente e con il direttore sportivo ho un ottimo rapporto”.

Anche su Ventura l’ex attaccante del Milan ha le idee chiare: “E’ uno dei pochi tecnici in Italia a proporre calcio, lui prepara le partite nel dettaglio. Voglio mettermi a disposizione per fare bene. Non vedo l’ora di giocare in Europa League”.

Sul rapporto con i social network spiega: ” Ringrazio Toro News per la domanda. Non sono social, sono simpatico (ride ndr), ma non sono social. Non ho Twitter, né Facebook, né Instagram, per cui il mio profilo è sicuramente un fake. Se devo dire qualcosa lo faccio di persona, non tramite i social network. Quando poi vengono messi in mezzo i miei figli, ci rimango anche male. Quindi grazie per avermi dato la possibilità di fare ancora una volta chiarezza”.

Sulla sua particolare esultanza dichiara: “Il gesto della gallina è nato al River, proprio perché la gallina è il nostro simbolo. E’ un’esultanza che piace anche ai miei figli, e sono contento di averla potuta fare di nuovo”.

La scelta della maglia numero 11?: “So che è stata indossata da grandi campioni, ma non ho la presunzione di accostarmi a loro, semplicemente mi piaceva questo numero. Per il resto la 9, la 10, la 11, la 7, qui in granata è pieno di numeri storici, proprio come accade nei grandi club. Qui in Italia mi sento a casa perché ho origini italiane da parte materna”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy