Mazzarri e il rapporto con gli arbitri: tra le etichette e l’oggettività dei fatti

Mazzarri e il rapporto con gli arbitri: tra le etichette e l’oggettività dei fatti

Quella di ieri è stata la venticinquesima espulsione in carriera per il tecnico toscano, ma…

di Lorenzo Bonansea, @BonanseaLorenzo

Non sono state dichiarazioni leggere quelle di Mazzarri nel post Torino-Fiorentina, e non poteva essere altrimenti. Al termine della sfida del Grande Torino, il tecnico granata si è lasciato andare in un lungo sfogo, inquadrando nel mirino gli arbitri, rei secondo l’allenatore di utilizzare due pesi e due misure: “Io vorrei essere rispettato come gli altri allenatori, che fanno anche peggio di me. Probabilmente non sto simpatico” il sunto del suo intervento nel commentare l’ennesima espulsione in carriera. La numero 25, per precisione. Al di là del merito della vicenda, tuttavia, è arrivato il momento di abbassare i toni – come per altro auspicato dallo stesso Cairo nell’intervista di oggi.

E’ uno stigma non facile da scollarsi, quello del “lamentino”. Il tecnico toscano lo sa bene, perché ormai – volente o nolente – ce lo ha un po’ incollato addosso: “merito” delle numerosissime espulsioni maturate in carriera (già tre nella sua avventura in granata) e di alcuni tormentoni divenuti meme della rete, come l’ormai proverbiale “gesto dell’orologio”. Scorrendo il palmares, con il Napoli e con la Reggina i “record” (16 espulsioni in totale tra Calabria e Campani), mentre nessun allontanamento nella sua avventura in Premier League, come per altro ricordato dallo stesso nella conferenza di ieri.

Lo stereotipo, il vestito che forzatamente ti si cucisce addosso, è roba difficile da scollarsi, e rischia spesso di far sembrare superfluo ogni ragionamento in proposito. Ma questa volta è lecito chiederselo: Mazzarri, ieri, andava davvero espulso? No, probabilmente no. Al di là del merito (il giallo a Vitor Hugo, nell’occasione, ci stava eccome) la protesta del tecnico granata non è parsa esagerata, o almeno non così tanto da motivare l’allontanamento del tecnico dalla panchina. Un allenatore dovrebbe sempre conservare lucidità ed evitare di farsi cacciare perchè ciò va a discapito della squadra. Ma Mazzarri è umano e il nervosismo si porta dentro da settimane è giustificato: in queste prime 10 giornate, il Torino ha subito almeno tre torti poi decisivi (contro Roma, Udinese e Bologna) nel quale il VAR non è mai intervenuto, vuoi per errore umano vuoi per grave negligenza. Punti che poi rischiano di pesare a fine campionato. Ma anche qui, occorre cercare di rimanere freddi e di non perdere la bussola: l’espulsione va sempre a discapito della squadra, e Mazzarri dovrà cercare – in futuro – di evitare proteste più o meno plateali

Insomma, Mazzarri ha ben donde di essere incavolato per il trattamento riservato al Torino dagli arbitri, ma ha (quasi) sempre mantenuto un certo aplomb nei commenti riguardo i direttori di gara, lasciando a Petrachi e Cairo gli interventi in proposito. Ieri, però, dopo l’ennesima ingiustizia (si parla dell’espulsione dello stesso), il tecnico non ha retto e ha sbottato, forse esagerando nei toni ma non nella sostanza. L’etichetta che ingiustamente si porta dietro Mazzarri non deve rischiare di annebbiare l’oggettività dei commenti in proposito. Perché è evidente che il Torino  in queste prime dieci giornate  è stato pesantemente penalizzato. E se non si può nemmeno contestare questa evidenza, allora il problema è duplice. E gravissimo. Ancora di più. Ora è tempo di abbassare i toni, conservando una buona fede che – nonostante i tanti torti – deve rimanere un punto di riferimento. Perché le espulsioni, giuste o ingiuste che siano, sono sempre uno svantaggio per chi le subisce.

20 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Akatoro - 3 settimane fa

    Mazzarri avrà pure esagerato nelle contestazioni ma di sicuro sull’episodio scaturente le proteste aveva ragione, inoltre direi che dopo 5/6 partite su 10 che subiamo ingiustizie ci sta anche perdere le staffe. Tutti gli anni ne subiamo ma quest’anno è accanimento. Più passa il tempo più mi convinco che i posti in Europa sono già decisi a priori, le solite grandi e ogni tanto una piccola senza pretese di crescita, vedi Sassuolo Atalanta Samp, il Torino no, toglierebbe scintillio ai gobbi e se cresce più potrebbe infilarsi troppo spesso tra le big

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pepe - 3 settimane fa

      Non si puó non essere daccordo con te, la sfiga del toro non é altro che frutto di piccole decisioni prese dalla mafia del calcio che ci mettono i bastoni tra le ruote, ma gli scapperá di mano la situazione prima o poi e allora il bastone noi glielo metteremo nel culo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Conta7 - 4 settimane fa

    Al di là di un paio di “eccezioni che confermano la regola” (chiamiamole così, anche perchè certi commenti non si possono neanche leggere), mi fa piacere che ci siano punti di vista costruttivi ed oggettivi.
    Il fatto che Mazzarri, soprattutto dopo l’esperienza all’Inter, sia stato vittima della lobby mediatica è evidente, perchè non è il ruffiano di nessuno e pensa solo ad allenare la squadra.
    E in un mondo “da circo”, come quello calcistico, in cui tutti vanno alla ricerca di sensazionalismi, purtroppo risulta scomodo e antipatico ai più.

    Io, invece, lo trovo semplicemente vero e competente.. E aggiungo che ha fatto bene a lamentarsi, perchè è inaccettabile non poter rivolgere una parola all’arbitro ed essere calpestati come lo siamo stati noi finora!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bergen - 4 settimane fa

    Potete fare tutte le analisi psico-sociologiche che ritenete ma quell’entrata da dietro di Hugo era da rosso diretto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Granatissimo1973 - 4 settimane fa

    E a proposito di arbitri…ma lo avete visto Rugani ieri come si è rivolto a Calvarese in Empoli-Juve? ma che sono amici? Tra l’altro Calvarese dai tempi di Padova-Torino in serie B è una delle nostre tante bestie nere col fischietto.
    Possibile che sembri normale che durante una partita di serie A i giocatori di una squadra (una a caso…) si prendano queste confidenze con l’arbitro?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. parodifran_11 - 4 settimane fa

    Il Toro è stato fatto di gente come Mondonico, che ha alzato una sedia per protestare in una finale europea, o come Giagnoni, che dette un pugno a Causio.
    Questa è la gente da Toro, e sono contento che Mazzari non ci stia a subire torti e a passare per fesso ogni domenica.
    La verità è che iniziamo a far paura e vogliono metterci in difficoltà

    Io sto con Mazzarri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Claudio70 - 4 settimane fa

    A leggere certi commenti, prawn e Michele, mi viene il voltastomaco.

    Belotti non segna per colpa di Mazzarri? Belotti non segna perché è un centravanti normale, non uno da 100 milioni e prima se lo mette in testa lui (e Cairo) è meglio è.

    Sul gioco e gli schemi, io credo che ieri sera si sia visto un Toro di altissimo livello. Se la stessa partita l’avesse fatta un Giampaolo con la Samp saremmo qui a idolatrarlo.

    E sulle porte chiuse è ora di smetterla, le porte chiuse le fanno tutti in Serie A

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. marcocalzolari - 4 settimane fa

    C’e gente (Pioli) che fa peggio di Mazzarri e non viene mai richiamato. Ieri sera Pioli si lamentava a ogni fallo.

    C’e poi l’oggettività, il Toro è stato pesantemente penalizzato. Perché con la classifica così corta, con 5 punti in più saremmo stati là davanti

    Detto questo ieri il Toro ha fatto una grande partita, ripartiamo da questo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Granatissimo1973 - 4 settimane fa

    Finale di coppa Uefa 1992, partita di ritorno Ajax-Torino, a meta’ primo tempo l’arbitro non fischia un rigore abbastanza solare al Toro. Il mister granata EMILIANO MONDONICO non si limita a protestare o a “sbraitare” ma, in eurovisione arriva ad agitare minaccioso una sedia contro il malcapitato fischietto.
    Su Toronews fioccano le sdegnate critiche di tanti tifosi (!) granata che si dicono scandalizzati di avere un allenatore frignone che invece di pensare a far giocare e vincere il Toro osa contestare in modo cosi’ maleducato l’arbitro. Vergogna Mondonico, non sa neanche l’inglese e si comporta in una finale di coppa come neanche nella piu’ malfamata osteria bergamesca….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-13758358 - 4 settimane fa

    prawn, una curiosità. segui il Toro dall’Inghilterra?
    mimmobg

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. prawn - 4 settimane fa

    Bravo cairo a chiamare la squadra alla pazienza e al silenzio (e al lavoro).

    WM e’ pagato per aiutare la squadra non per sbraitare agli arbitri, in premier non si e’ mai fatto cacciare per il semplice motivo che non ha mai imparato l’inglese! per cui non ha mai imparato ad insultarli qui in inghilterra!

    deve ora fare sei punti nelle prossime due e smetterla di lamentarsi, non se ne puo’ piu’ .

    ancor meglio, il toro deve cominciare a segnare sul serio , altrimenti siamo messi proprio male!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Granatissimo1973 - 4 settimane fa

    A chi chiede l’esonero di Mazzarri vorrei chiedere di fare uno o piu’ nomi di possibili sostituti, giusto per farmi due risate grazie.
    P.s. vedo che alcuni buontemponi continuano a criticare Mazzarri perche’ fa gli allenamenti a porte chiuse, vorrei far notare che tale pratica è una consuetudine di tutti gli allenatori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Marco Toro - 4 settimane fa

    Molto di quello che dice Mazzarri è vero.. Cmq continuare a ripeterlo non risolverà la situazione.. Quindi su le maniche e fai vedere un po’ di coraggio 3-4-3 con Parigini Belotti Falque! PEra sbloccarsi Belotti ha bisogno di tanti palloni in area quindi servono 2 esterni come Falque e Parigini a dargli palloni.. ForzA! La squadra non è poi così male!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. GlennGould - 4 settimane fa

    Mi pare che quello che ha detto si sia capito. Anche per me è una espulsione esagerata.
    Mazzarri sa quello che fa, sarebbe giusto giudicarlo a maggio e non adesso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. michelebrillada@gmail.com - 4 settimane fa

    dovrebbe andarsene al piu presto il sig (porte chiuse al fila) ci sta facendo perdere punti con una formazione senza senso non c’è uno schema di gioco affine a fare gol non un cross dalle fasce (è li che si vincono le partite )se il povero gallo deve venire a centro campo per toccare palla di gol ne farà pochi rincon è un o scarso da serie b o c sa solo fare falli ,da espulsione diretta (quello di ieri) graziato dall’arbitro desilvestri disastroso (berenguer in panchina )spero che cairo si svegli prima che sia troppo tardi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 4 settimane fa

      personalmente mi tirerei fuori dalla testa che WM possa andarsene prima della scadenza del contratto e cmq prima di un anno di permanenza.

      due motivi: il costo dello stipendio (e non vedo altre squadre che vogliano san lamentino nella loro panchina al momento) e il fatto che cmq si e’ costruita (o distrutta) una squadra in base a quello che piace al mazzarri, la difesa a 3, il centrocampo muscoloso, le ali, l’assenza di attaccanti …

      ok che niang e boye possono sempre tornare (con miha e ljacic!) ma sarebbe un esborso pazzesco prendere un altro allenatore ora

      c’e’ uno spiraglio pero’ : se cairo si accorge che e’ per colpa di WM che il gallo non rende e che la sua maxi plus valenza se ne va in fumo.. magari ci pensa.

      ma ancora una volta, il gallo pure con il secondo anno di miha si spense…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Simone - 4 settimane fa

    Sig. Bonansea su che basi lei sostiene che wm probabilmente non andava espulso?
    È a conoscenza di ciò che ha detto all’arbitro?se cosi fosse ci renda anche noi partecipi.
    Ci lasci giudicare anche a noi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. IlDadoDelToro - 4 settimane fa

      Sig. Simone, partiamo dal fatto che davanti alle telecamere Mazzarri ha riportato a chiare lettere quanto riferito sul campo all’arbitro, quindi sappiamo che non andava espulso. Il labiale in diretta discolpa di nuovo il nostro allenatore, il quale poi ha palesemente esagerato con la reazione a seguito dell’espulsione (ribadisco a seguito dell’espulsione).
      Al suo posto mi preoccuperei di più di capire cosa stia succedendo all’AIA: è uno stillicidio di scelte e interventi arbitrali veramente inspiegabili.
      Visto che arbitro in campo e arbitro al VAR sono costantemente in comunicazione, al suo posto, esimio Simone, sarei MOLTO più curioso di sentire cosa si dicano le giacchette nere durante l’arco della partita.
      Perché l’atteggiamento di Mazzarri può al limite essere giudicato sbagliato ma comprensibile, quello degli arbitri è sbagliato e pure incomprensibile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granat....iere di Sardegna - 4 settimane fa

        Mah…Più che cosa si dicono le giacchette nere il dato rilevante sono le 25 espulsioni in carriera…Non sono poche e non mi stupirei se a livello arbitrale il nostro mister non fosse ben visto…staremo a vedere. In ogni caso mi auguro che questa cosa venga messa da parte e il mister si concentri sulla risoluzione dei problemi della squadra che, oggettivamente ci sono….

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Simone - 4 settimane fa

        Sig. Dado, come lei ben saprà non è sufficiente ascoltare la versione del “imputato” ma serve quella di colui che l’ha espulso o del iv uomo.
        Come lei avrà certamente notato le telecamere sono andate su.mazzarri ben dopo il fattaccio x cui se è stato detto.qualcosa prima non ci è dato saperlo.
        Egregio Dado, quello che lei reputa più interessante è una sua opinione, non la mia.
        Il mio post era x l’autore dell’articolo dove lo invito a renderci partecipi di informazioni che forse lui ha.
        Forse

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy