Mazzarri, mette la freccia e il confronto con Miha torna a suo favore

Mazzarri, mette la freccia e il confronto con Miha torna a suo favore

Il tecnico di San Vincenzo ha ottenuto più punti del serbo, ha fatto più gol e ne ha subiti meno: gli aspetti sono positivi ma è presto per le sentenze

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Il Torino, dopo quattro sconfitte consecutive, si è ripreso. Walter Mazzarri è riuscito ad uscire dalla crisi grazie a due successi consecutivi, contro Cagliari e Crotone, che hanno addirittura permesso ai granata di riavvicinarsi alla zona Europa, portandosi a cinque punti dal settimo posto. Nel percorso del tecnico toscano ci sono stati alti e bassi, ed è naturale mettere a confronto il suo lavoro con quello del suo predecessore, Sinisa Mihajlovic, che ha lasciato il Toro da appena quattro mesi.

Spal v Torino FC - Serie A

DIFFICOLTÀ – Nel periodo più difficile per Mazzarri, con le quattro sconfitte in fila, il contesto si è fatto molto pesante. L’allenatore di San Vincenzo è stato messo sul banco degli imputati, come tutti i giocatori, a causa di un rendimento ampiamente al di sotto delle aspettative, tanto che il rendimento di Mihajlovic dopo 9 partite risultava anche migliore rispetto a quello di Mazzarri. Ma, per fortuna del tecnico e soprattutto del Torino, sono tornati i risultati, anche grazie ad Adem Ljajic, che ha portato più qualità e serenità nell’ambiente granata.

FAVORE – Continuando a fare confronti ora l’asticella pende nuovamente dalla parte di Mazzarri. Infatti, dopo undici partite, il tecnico ha totalizzato 20 gol fatti e 11 subiti, contro i 16 fatti e i 18 subiti dall’allenatore serbo. Sono state senza dubbio cruciali le ultime due gare, che hanno sollevato il morale e anche il bilancio numerico a favore di mister Mazzarri. Quindi il tecnico toscano ora si ritrova in una posizione di favore nel confronto con Mihajlovic, ma questa non è affatto una sentenza definitiva: prima della fine del campionato mancano otto partite, che non saranno affatto facili vista la caratura degli avversari, a partire proprio dall’Inter.

Torino FC v FC Crotone - Serie A

Come in precedenza, il confronto tra Mazzarri e Mihajlovic resta prematuro: sono innegabili i fattori positivi a favore del tecnico ex Napoli, ma la strada è ancora molto lunga e per disegnare una vera e propria sentenza sarà necessario vedere il cammino finale di questa stagione ma in particolar modo quello dell’anno prossimo, nel quale Mazzarri potrà preparare l’annata fin dall’estate.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. steacs - 6 mesi fa

    Che Mazzarri sia migliore di Miha é ovvio, quello di prima solo Cairo poteva prenderlo con il CV che aveva.

    Detto questo sto paragone è senza senso, ma lo abbiamo giá visto altre volte e lo faranno altrettante volte, tanto per parlare del niente e spostare l’attenzione su temi inconcludenti.

    Miha ha praticamente giocato senza Belotti e altri per mesi e Mazzarri ha una squadra costruita da altri per giocare in un modo diverso dal suo, quindi tra i 2 chi se la prende in quel posto siamo NOI TIFOSI, il resto é come parlare di sesso degli angeli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Conta7 - 6 mesi fa

    Per quanto io preferisca esageratamente Mazzarri a Mihajlovic, continuo a pensare (come ho sempre ribadito) che questi paragoni siano estremamente futili e poveri di significato.
    Per me siamo fortunati ad avere un Allenatore (con la A maiuscola) come Walter Mazarri, punto.
    Il resto lascia il tempo che trova, concentriamoci soprattutto sulla squadra!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy