Mazzarri, Oddo e la media dei due punti a partita: è sfida tra subentri vincenti

Mazzarri, Oddo e la media dei due punti a partita: è sfida tra subentri vincenti

Il confronto / I due nuovi allenatori, appena subentrati, hanno rivitalizzato le proprie squadre riuscendo a temprare il cuore e lo spirito dei propri giocatori

di Marco Notaro, @MarcoNotaro17

Domani pomeriggio alle 15.00 si giocherà Torino-Udinese. Questa sfida oltre ad essere uno dei crocevia della stagione granata, sarà anche il primo confronto fra MazzarriOddo. I due allenatori subentrati rispettivamente a MihajlovicDel Neri stanno dimostrando tutto il proprio valore in questo campionato. Sebbene il tecnico livornese sia arrivato solo alla quarta panchina in stagione, sono notevoli i miglioramenti da lui apportati alla squadra piemontese, e lo stesso si può dire anche per l’ex terzino della Nazionale che sta stupendo tutti da quando è alla guida dei friulani.

LEGGI: Mazzarri pre Torino-Udinese: “Sono curioso, voglio continuità. Belotti? E’ in pole”

LEGGI: Oddo pre Torino-Udinese: “Mazzarri ha ridato equilibrio. Domani sarà dura”

PUNTI A CONFRONTO – La prima panchina di Mazzarri col Toro risale circa ad un mese fa, alla vittoria per 3-0 col Bologna in casa. Da allora sono arrivati per i granata un’altra vittoria per 3-0 contro il Benevento e i due pareggi esterni contro Sassuolo Sampdoria. Un totale di 8 punti per l’ex tecnico del Watford, la cui media punti è pari a 2 punti a partita. I progressi sono notevoli non solo sotto il punto di vista dei risultati, ma anche e soprattutto per quanto riguarda lo spirito e il cuore dei giocatori che nell’ultima gara a Genova, nonostante l’uomo in meno, hanno dimostrato tutto il loro valore sfiorando anche la vittoria in uno dei campi più difficili della Serie A. Ma c’è ancora tanto lavoro da fare e la sfida di domani potrebbe essere emblematica per capire quanto Mazzarri sia riuscito ad inculcare i propri dettami tattici ai giocatori, considerando anche il fatto che in panchina ci sarà il suo vice Nicolò Frustalupia causa della squalifica comminata dal giudice sportivo dopo l’espulsione ricevuta nella gara contro la Sampdoria. Chi, invece, ha ridato un’identità alla propria squadra  è sicuramente Massimo Oddo. L’allenatore abruzzese ha sostituito Del Neri, il suo duro lavoro e l’impegno costante da lui profuso ha fatto sì che De Paul e compagni una macchina quasi perfetta capace di totalizzare ben 21 punti in 10 partite. Un rullino di marcia da Champions, inferiore solo a quello del Napoli e della Juventus (LEGGI QUI L’APPROFONDIMENTO), con 6 vittorie, 3 pareggi e una sola sconfitta. Media punti pari a 2,1 punti a partita e un gioco brillante che ha riportato i friulani in alto in classifica. Anche la media di Mazzarri, del resto, è di due punti a partita, ma il tecnico granata ha all’attivo solo quattro panchine in questo campionato.

SUBENTRI VINCENTI – Mazzarri Oddo hanno, dunque, risollevato il morale delle proprie squadre anche e soprattutto temprando lo spirito e il cuore di giocatori che sono tornati ad essere protagonisti. Niang, Obi e Berenguer hanno dato il meglio di sé stessi in questo periodo. Mentre, dall’altra parte il tecnico friulano è riuscito a ridare grande linfa a Widmer, Behrami, Lasagna e Jankto tutti giocatori che sembravano essersi spenti sotto la guida di Del Neri e rinati anche grazie al 3-5-2 ridisegnato da Oddo. Domani  Torino-Udinese sarà una sfida tra due grandi allenatori vogliosi di continuare a stupire ancora, grazie al loro grande lavoro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy