Meïté al Toro, Cairo: “Centrocampista polivalente, ha fisico e tecnica”

Meïté al Toro, Cairo: “Centrocampista polivalente, ha fisico e tecnica”

Calciomercato / Il commento del presidente granata al secondo acquisto della sessione

di Redazione Toro News

Arriva la seconda ufficialità del calciomercato granata: dopo Armando Izzo, è il turno di Souahilo Meité, centrocampista proveniente dal Monaco. Il benvenuto del presidente Cairo, dalle parole pubblicate sul sito ufficiale: “Soualiho Meité è dotato di importante struttura fisica e di buonissima tecnica. Nel suo ruolo è un interprete moderno, un calciatore polivalente che sa agire in tutte le zone della mediana. Ragazzo ambizioso, nel Toro troverà l’ambiente giusto per lavorare bene e compagni che parlano la sua stessa lingua: condizioni essenziali per agevolare il suo ambientamento nella nuova realtà e permettergli di esprimere tutto il suo potenziale. A nome della Società sono lieto di accogliere Meité con un affettuoso saluto: benvenuto in granata! Sempre Forza Toro!”

70 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. carlo - 4 mesi fa

    ancora; “ci sono alternative a Cairo? nessuna”. Ogni giorno per dieci anni questa storia. Pietà!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea Valentino - 4 mesi fa

      Hai le prove che non ci siano alternative a Cairo? Allora fammi un favore non scrivere eresie Grazie

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. A.C. TORINO (Il TORO vero) - 4 mesi fa

        guarda che volva dire l’opposto di quello che hai capito.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ischiagranata - 4 mesi fa

    è la prima stagione dell’era Cairo dove non si sia venduto un calciatore ,baselli sirigu nkouluo ,iago rimarranno con noi poi ho fiducia in mazzarri e nel suo lavoro e se belotti ritorna “gallo” ci dvertiremo….che poi Cairo poteva fare molto di più e fuori dubbio con un forte centrocampista questo toro avrebbe fatto sognare i tifosi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13814870 - 4 mesi fa

    io penso che Cairo è solo da ringraziare la nostra società è sana e a posto. .e certe società delle quali siete invidiosi magari non altrettanto..io penso che non dovete insultarvi uno con l’altro..ma dire le vostre idee senza deridere nessuno. quello che ha preso in giro Cairo l’altro giorno ha fatto una becera figura come lo studentello che ha preso in giro Macron il quale gli ha risposto x le rime..e Cairo ha fatto benissimo a rispondere. Ma è il nostro Presidente!!! ..pensate piuttosto ad andare allo stadio e tifare x il Toro tutte le altre parole sono inutili. Benvenuti al Toro ragazzi nuovi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ForzaToro - 4 mesi fa

    Belotti rinnovo lo scorso anno (non doveva venderlo?!), N’Koulou riscattato (non doveva poi venderlo?!), Iago Falque (non doveva venderlo?!), Baselli rinnovo lo scorso anno (non doveva venderlo?!), Sirigu rinnovo (non doveva soffiarcelo il Napoli?!)…se Cairo fosse in malafede avrebbe venduto i sopracitati a 200 Mln e ne avrebbe reivestiti 20 Mln…Zamparini docet…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. La Rovesciata Di Cristiano - 4 mesi fa

      Belotti è in vendita ufficialmente dallo scorso anno a 100 milioni, non è stato venduto solo perché non è arrivata quella cifra, falque nkoulu baselli e sirigu verranno venduti il prossimo anno quando avranno acquistato più valore.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ForzaToro - 4 mesi fa

        Ho sentito lo stesso discorso lo scorso anno…Belotti aveva una clausola di 100 mln per l’estero…se era in malafede lo vendeva al Milan a 50 mln…dai su…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. r.ponzon_482 - 4 mesi fa

          Hai ragione, non capiscono….

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. La Rovesciata Di Cristiano - 4 mesi fa

    Ma uno “normale”,con un ottima stagione alle spalle ( gol ,presenze) da pagare anche una 20 di mil, no eh

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata69 - 4 mesi fa

      Perché non fai qualche nome? Così per avere un’idea?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. La Rovesciata Di Cristiano - 4 mesi fa

        Che ne so tipo un acerbi x la difesa? Più ascolta io non sono un talent scout di calciatori professionisti, quello in TEORIA dovrebbe essere il lavoro di altri, giudico da tifoso. Per il centrocampo va bene pescare da campionati stranieri ma non sempre i soliti da rigenerare, qualcosa di buono e finito mai eh? non ti va sempre di kulu come con nkulu

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Granata69 - 4 mesi fa

          Tra Acerbi e Izzo non vedo questa gran differenza, poi lo prenderesti dal Sassuolo, non da chissà che squadra,se gioca li per chiunque lo compri sarà una scommessa.
          Vuoi fare il salto di qualità a centrocampo? Prendiamone un paio tra Kroos, Paulinho, De Bruyne, Kante, …ti sembra siano alla nostra portata? Non credo, quindi resta la strada di giocatori semi-sconosciuti, giocatori da rilanciare , in pratica scommesse,strada che percorrono tutte le squadre paragonabili a noi,…
          poi bisogna farlo bene, i pacchi ci saranno sicuramente, l’importante è che siano l’eccezione è non la regola.
          Io dico che dopo il periodo Ventura lo sbaglio è stato sull’allenatore e non tanto sui giocatori, ora Mazzarri mi soddisfa, lo slavo è stato una follia che ci ha rispedito indietro di 3/4 anni.
          Io dico forza Toro, forza Cairo, forza Mazzarri, forza Petrachi e forza giocatori e tifosi tutti ! ! !

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. La Rovesciata Di Cristiano - 4 mesi fa

    Bene bene anche quest’anno abbiamo fatto il pieno di “talenti”.
    Dopo gli scommettitori, non poteva mancare un classico ormai da diversi anni, tanto amato da certi finti tifosi-provocatori x professione: le meteore da rigenerare(*plusvalenza* di spera).
    Aspettiamo con ansia l’altro classico: i bolliti, presi come riserve ma trasformati titolari inamovibili durante la stagione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. InMalafede - 4 mesi fa

    Cairo va amato a prescindere! Ha salvato il Torino dal fallimento, ha ricostruito il Filadelfia, ci ha riportati in Europa dopo anni di serie b, ci ha fatto rivincere un derby. Non scherziamo! Ha portato una marea di giocatori in pianta stabile nel giro delle nazionali. È il miglior presidente che potesse capitarci. Senza di lui il Toro non esisterebbe neanche. Lunga vita a Urbano e a tutto il suo entourage. Chi lo contesta e come chi mette i meno a Maraton e Bacigalupo un gobbo di merda che non merita di stare qui su Toronews! FVCG sempre!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. La Rovesciata Di Cristiano - 4 mesi fa

      Peccato che i meno come i più stranamente non si possano più mettere, facile fare lo spesso così.
      Avresti più meno tu di tutti gli utenti di toro news messi insieme, le baggianate che scrivi non hanno nessun senso logico, son buttate li solo x provocare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granat....iere di Sardegna - 4 mesi fa

      Gobbo di merda sarai tu. Bacigalupo è un fratello che al contrario di te replica in modo civile e argomenta le sue posizioni. Non sei degno di menzionarlo…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. blackmapan_524 - 4 mesi fa

      1) Cairo non ci ha salvato dal fallimento perché il Toro è fallito (di fatti adesso si chiama Torino FC)
      2)Cairo non ha ricostruito il Filadelfia, ma è stata la fondazione Filadelfia
      3) con lui come presidente, se non sbaglio siamo stati 3 anni in serie b (e dovrebbe essere il record, sempre se non sbaglio, con peggior piazzamento)
      4)in EL abbiamo fatto una scappatella grazie al Parma e non per meriti acquisiti
      5) tra qualche nazionale ci ha anche portato un’infinità di brocchi (Gaston Silva, Carlao, ajeti, vescovic e tanti altri che non nomino per non dilungarmi)
      6) il Toro non esisterebbe più se non fossero intervenuti Marengo, Rossa e gli altri Podisti. Con questo spero che la tua sia ironia, ma se invece lo dici perché ci credi di almeno cose vere e non balle colossali

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. iard68 - 4 mesi fa

    Riporto anche qui per alimentare una discussione finalmente civile. La questione è sempre quella, Cairo o non Cairo. @Granatiere ha motivato perfettamente un punto di vista che va per la maggiore e che certamente, per larga parte, anch’io condivido. Io, e con me tantissimi altri, proviamo a guardare la situazione da un altro punto di osservazione, che secondo me (ma non è Vangelo!) viene prima. Vediamo anche noi che il toro di cairo è quello che è. L’ideale sarebbe tutt’altra cosa e penso lo sappiano tutti. Semplicemente, non credo a cairo sciacallo o terribilmente in malafede e peggio di altri. Fa il meglio per se e, compatibilmente, per il Toro, come farebbe QUALSIASI altro presidente nel contesto di oggi, con la situazione economica di oggi, a Torino, nella città che è ancora la città degli agnelli. Qualcuno ogni tanto ci ricorda cosa ha rappresentato il Toro oltre mezzo secolo fa. Non approfondisco oltre, ma ricordo che già negli anni 70, quando abbiamo vinto l’ultimo scudetto, la juventusmirafiori vinceva due scudetti su tre. Per volontà di un avvocato che amava vincere e non stravincere. E che voleva poter combattere contro un avversario e non contro una serie di pungiball, come adesso. Oggi il profitto è l’unico Dio e l’unico imperatore: finché non cambieranno i rapporti di forza a livello economico nel Paese e prima ancora in città, nulla potrà mai essere come prima. Dunque, non è a Cairo, né al prossimo presidente, che dobbiamo far la guerra. E comunque, questa è una guerra più grande di noi che, in fondo, credo, vogliamo solo tifare una squadra di calcio. Don Chisciotte è l’eroe romantico che rappresenta i sognatori: è simpatico, ma alla fine muore sconfitto. Si può sperare in un futuro migliore, ci mancherebbe. Ma è anche importante accettare la realtà, anche se è dura. Credo che comprendere tutto questo, che è vero, ci aiuterebbe ad essere più uniti, a non litigare inutilmente per cose futili e a fare, invece, tutti insieme, l’unica cosa che conta davvero: urlare forza Toro il più forte possibile, vada come vada, Cairo o non Cairo, plusvalenze o no! Noi non possiamo dividerci continuamente tra “puri” e Cairoti (come qualcuno, sempre in tono spregiativo, ama definire chi non è contro), perchè sono solo storielle. Questa è la mia opinione e credo di tanti altri. Non è campata per aria e merita rispetto, come tutte le altre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granat....iere di Sardegna - 4 mesi fa

      Sul discorso malafede sono d’accordo con te. Ammenoché non si voglia definire malafede il curare i propri interessi e cercare di non rimetterci. Al limite, se proprio devo contestare un aspetto della personalità del presidente, peraltro a titolo meramente personale, rileverei una costante inclinazione alle mezze verità o alle mezze bugie. Anzi qualche volta lo si sente dire 9/10 di bugia. Ma non è questo il punto. Potrebbe avere mille motivi per non dire certe cose, non necessariamente deleteri. Sulla tua invece (rispettabilissima) riflessione sul contesto attuale che impone a tutti le stesse modalità non mi trovo d’accordo. Certo il dio denaro impera sovrano però ci sono realtà dove questa “filosofia” si accompagna anche al perseguimento di risultati sportivi. Io credo che gran parte delle motivazioni che tendono a “giustificare” il comportamento del presidente provenga da una inesatta percezione delle potenzialità economiche e finanziarie del Torino FC spa. Noi costituiamo un unicum nel panorama calcistico europeo. E’ una società ancor più che sana, senza debiti verso il sistema bancario, con una disponibilità finanziaria invidiabile. Cairo questo lo sa benissimo, non centra nulla la supremazia cittadina delle merde, abbiamo target diversi, non potremmo mai competere come risorse economiche con loro. In sostanza non li “disturbiamo”, purtroppo da nessun punto di vista, dato che non riusciamo a vincere uno straccio di derbi in modo continuativo. Ecco perché personalmente non ritengo Cairo il presidente adatto al Toro.Le potenzialità ci sono tutte (ovviamente faccio riferimento a squadre della nostra fascia) ma lui non sogna, non ha l’ambizione di vedere il Toro primeggiare o almeno competere. Poi è chiaro che se mi chiedi se preferisco lui o un cinese squattrinato ti dirò sempre Cairo, però lasciami la possibilità di sognare che un giorno arrivi qualcuno che abbia buone potenzialità economiche, che sappia gestire in modo oculato la società ma che guardi anche al risultato sportivo che, sia detto per inciso, incrementa i ricavi, mica li diminuisce. Aggiungo, e non ti annoio oltre, che io non sono tra quelli che attribuisce tutte le colpe a Cairo. Io credo che buona parte ne abbia anche il DS che, a mio modesto avviso, non individua un giocatore in quanto utile ma solo per dimostrare di saper tirare fuori il coniglio dal cilindro e saper fare plusvalenze. Io credo che un ds debba saper fare di più. Va bene il giocatore in difficoltà o svincolato che ti esplode in squadra (n’koulu, sirigu ma anche altri) ma a un certo punto il tuo criterio non può essere solo questo. Se un giocatore è forte e può darti un quid in più lo sforzo lo devi fare. Non ti puoi orientare solo su giocatori a cui altri magari non avevano pensato, solo per poterti pavoneggiare di aver avuto intuizioni geniali (in tal senso ricordo una sua conferenza stampa successiva alla nomina di Ventura come ct). In giro ci sono DS che sanno fare plusvalenze ma poi sanno allestire, in sinergia col mister, squadre competitive che i risultati li ottengono. Noi ne abbiamo uno in casa che ha portato risultati che si aspettavano da anni (Bava). Non so se è pronto per la prima squadra, so però che lui ha un contratto di 4 anni e petrachi di due…e Cairo tutto può essere fuorché stupido.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. carlo - 4 mesi fa

        Granatiere apprezzo la tua passione. Ti faccio notare una cosa: Petrachi non si prende mai le responsabilità. (Come Cairo). Lui ha fatto un mercato “importante” ma l’allenatore ha tradito. E chi l’ha preso l’allenatore? ecco, secondo me con gente così non vai da nessuna parte. Il calcio non è fatto di marachelle, ci vogliono uomini.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. pinomu_368 - 4 mesi fa

    è vero che ognuno tira l’acqua al suo mulino, ma nessuno ha mai parlato di competere con Real, Barca,Psg o mostri simili, il fatto è che si resta regolarmente dietro a squadre del ns. livello societario, anzi la Lazio ci dà 20/25 punti a campionato. E questo, a mio parere, significa o non spendere o farlo male, da incompetenti. Basta paragonare gli acquisti di Tare con quelli di Petrachi. Poi siamo tutti supercontenti se questi acquisti, che io non conosco, ci portassero in Europa. Finora è successo grazie al Parma ed al troppo bistrattato Ventura, che, sempre secondo me, è una spanna sopra WM, sia per gioco che per valorizzazione dei giovani e, perché no, italiani.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Andrea Valentino - 4 mesi fa

    Il Toro non è l’altra o le altre squadre è il TORO, forse non ti è ancora ben chiaro di che squadra sei tifoso. Evidentemente Cairo vi ha fatto un bel lavaggio del cervello……Ripeto svegliatevi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. InMalafede - 4 mesi fa

    Ragazzo ambizioso ti troverai bene nel Toro di Urbano che fa dell’ambizione e del conseguimento dei risultati sportivi la sua ragion d’essere. Grazie Urbano vecchio cuore granata e FVCG sempre!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Cla79 - 4 mesi fa

    Caro presidente, meitè potrebbe essere cio che serviva in mediana, ma per cortesia mi spieghiperchè vendere barreca visto che abbiamo 60 milioni a riserva e quindi non abbiamo bisogno di incassare, a maggior ragione quando il terzino sinistro a noi manca…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giansiro - 4 mesi fa

      Te lo spiego io: pubalgia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. user-13734369 - 4 mesi fa

    cg— perché non ci vai al posto di Cairo così magari puoi comprarti Ronaldo magri Icardi e perché no anche Modric salutami Agnelli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Andrea Valentino - 4 mesi fa

    Basta scrivere eresie, fai la persona seria e ragionevole, lo vede anche un cieco che si naviga a vista e non vi è nessuna volontà di crescita, ma una continua e costante agonia ben architettata per gettare fumo negli occhi ai tifosi e allo stesso tempo non dare fastidio agli amici di Venaria. Continuare a difendere uno sciacallo come Cairo vuol dire essere in mala fede oppure accontentarsi del nulla più assoluto, oppure non essere consapevoli di che società è stata il TORO e di che società potrebbe essere ancora oggi. Forse qualcuno non ricorda cosa abbiamo rappresentato nel panorama calcistico nazionale e che da 69 anni ci impediscono di tornare ad essere leggenda. Sveglia……..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. r.ponzon_538 - 4 mesi fa

      Svegliati, cerca di essere realista, altrimenti vivrai sempre male !
      Ci sono alternative a Cairo ??? No, nessuna.
      Allora meglio Cairo con un Toro sano e da metà classifica in su che il nulla
      Ma poi, secondo te, tutte le altre 14 squadre che non ottengono risultati cosa dovrebbero fare ???? Ed i loro tifosi ???
      Direi che per la realtà che siamo, il Toro squadra ottiene già buoni risultati.
      Ovviamente tutti, io per primo, vorrei avere il Toro anni ’70, ma non credo, sinceramente che accadrà più (a meno che non ci compri un magnate russo, ma non so se gradirei questa soluzione)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. blackmapan_405 - 4 mesi fa

        Dal campionato 204/05 ad oggi: Udinese 1 volta terza, 2 volte quarta, una volta quinta e una volta settima. Sampdoria 1 volta quarta, 1 volta quinta, 1 volta sesta e 1 volta settima. Fiorentina 5 volte quarta, una volta quinta e 1 volta settima. Atalanta 1 volta quarta e 1 volta settima. Noi?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Andrea Valentino - 4 mesi fa

        Il Toro non è l’altra o le altre squadre è il TORO, forse non ti è ancora ben chiaro di che squadra sei tifoso. Evidentemente Cairo vi ha fatto un bel lavaggio del cervello……Ripeto svegliatevi

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. blackmapan_857 - 4 mesi fa

          Dici a me? Perché a me è ben chiaro

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Giansiro - 4 mesi fa

          Svegliati tu. Guarda il calendario e ascolta un telegiornale. Sarebbe bello che riuscissi anche a non tentare di sminuire i tuoi interlocutori nel vano tentativo di avvalorare le tue bambinesche tesi ma se non ci arrivi da solo…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Granat....iere di Sardegna - 4 mesi fa

    Tutte le argomentazioni sono valide (gli insulti non lo sono a prescindere). Si può dire che Cairo ha dato stabilità economica ed anche di classifica al Toro (per chi si accontenta), anche sfruttando favorevoli congiunture legislative (vedi legge Melandri sui diritti TV). Non è un delitto, lo sarebbe stato se non lo avesse fatto bene. Quello che invece è improponibile ed oggettivamente falso è che il Toro per sopravvivere debba fare plusvalenze stratosferiche. Sicuramente ogni anno sono necessarie per mantenere equilibrio nei conti. Il problema è quando ne fai troppe e non le reinvesti o le reinvesti male. Su questo mi spiace contraddire i fratelli ma non c’è argomentazione che tenga, i freddi numeri, proprio quelli che piacciono tanto al nostro presidente, non mentono, se li si vuole leggere senza acrimonia verso Cairo ma semplicemente come dati oggettivi. Qualcuno nei giorni passati argomentava che Cairo in realtà stava recuperando le perdite degli anni passati. Bene, con il mega utile dell’anno scorso tali perdite sono state recuperate. Cairo ha pareggiato le sue “perdite” nel Toro. Si può tranquillamente asserire che allo stato attuale dei conti il presidente nel Toro non ci ha rimesso nulla (e tralascio il fatto che se vendesse la “plusvalenza” non sarebbe trascurabile). Ora è un nuovo inizio, l’anno zero come ddavide ha sottolineato in altra pagina. Se il presidente continua a perseguire utili con plusvalenze stratosferiche, impoverendo il potenziale tecnico della squadra, non c’è più la scusante del recupero perdite pregresse e allora l’unica argomentazione valida è che vuole semplicemente accumulare utili da distribuire ai soci o per aumentare il “prezzo” di una eventuale cessione della società. Se invece il presidente, pur salvaguardando l’equilibrio economico e finanziario della società, (non l’ha prescritto il medico di fare utili per 37 milioni, si possono fare anche di 10 mlni o di 5 mlni IN UNA SOCIETA’ SPORTIVA) farà le operazioni strettamente necessarie salvaguardando il potenziale tecnico della squadra e anzi migliorandolo, allora W Cairo e Cairo For Ever….In fondo il problema sta tutto qui. Sintetizzare il dissenso con epitteti vari (gobbo, frustrato ecc. ecc.) non sposta di un millimetro la questione. Vedere il problema non è sintomo di gobbismo ma anzi sintomo di amore sconfinato, così come lo è non vederlo o sottovalutarlo, anche questa non è una colpa, il troppo amore spesso rende ciechi e io fino a pochi mesi fa ero il più cieco di tutti….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gud_74 - 4 mesi fa

      Ciao Granat….iere,
      leggo sempre con piacere i tuoi commenti sempre argomentati ( come quelli di altri fratelli che saluto) , conosco ormai i tuoi dubbi/curiosità su alcune questioni che riguardano Cario ( solo per citarne una se percepisce un compenso come presidente e si a quanto ammonta ? ) tutte legittime.

      Ed anch’io di curiosità ne ho parecchie, vorrei chiedergli tutto ciò che il Presidente non ci dice.

      Nelle interviste lui ribadisce solo cose che sappiamo già, quanto costa quello quanto ha speso per l’altro, quanti giocatori ha comprato quest’anno, quanti punti abbiamo etc etc…

      Sono tutte info che noi sappiamo già ( esistono gli organi di Stampa x questo )

      Presidente si esponga Finalmente, ci racconti i suoi progetti le sue ambizioni i suoi desideri ( è impossibile che non ne abbia ). E’ rischioso? certo che lo è!

      Mi creda pero, la percezione nei suoi confronti cambierebbe, noi che viviamo di Toro che viviamo di passioni non abbiamo paura ne della realtà ne della verità, ma non sopportiamo essere presi per il culo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granat....iere di Sardegna - 4 mesi fa

        Ciao gud anche io leggo volentieri i tuoi post e quest ultimo mi piace molto perché mi permette di dire alcune cose. Non v è dubbio che cairo abbia, abbia avuto e avrà guadagni indiretti e diretti dal Toro. Se si accompagna ad una crescita della squadra non gliene faccio una colpa. Tuttavia se vogliamo essere precisi e corretti il compenso del cda del Toro a bilancio figura per 20 mila euro (se non ricordo male). Insomma in termini di compenso formale si può dire che fa il presidente gratis. Però veniamo ai suoi sogni. Sognare un avvenire o un progetto per il Toro presuppone, a mio modesto avviso, un sentimento d amore per la squadra, per la sua storia unica. Ecco io credo francamente che lui non sia in grado di sognare in questo senso. È un freddo calcolatore, lo richiede il suo lavoro. Non può avere sogni perché per lui conta solo la realtà dei numeri. Non è dunque capace di slanci oltre l ostacolo e tanto meno di slanci oltre i numeri. Non gliene faccio una colpa. Ho sempre pensato che tifosi del Toro si nasce, non si diventa. Noi siamo dei predestinato. Però in cuor mio sarei contento se almeno ogni tanto facesse sognare noi. In fondo le risorse ci sono. Un bilancio si può chiudere anche in pareggio o con utili minimi, se serve per potenziare la squadra…Alla fine ho parlato dei miei di sogni…temo che con lui resteranno tali

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Gud_74 - 4 mesi fa

          le parole del commedator Beretta dello scorso anno ce le ho ben stampate nella mente, e sono l’unica cosa che mi fa davvero ancora sperare che per noi è possibile un futuro diverso.

          Ci credo sempre!

          Forza Toro!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. carlo - 4 mesi fa

    Poi, tanto che ci sono. Pur sapendo cosa vuole dire “un pollice”, cioè uno che non riesce ad esprimersi, pur sapendo della sua pochezza, potevo avere sempre un dubbio. Con ieri, con i pollici sulla “formazione del Toro”, ho capito che i pollici sono proprio il vuoto assoluto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. carlo - 4 mesi fa

    Innanzitutto ringrazio @giansiro per la gentilezza.
    Poi volevo finire un secondo il discorso di ieri. Siccome è roba che si legge da dieci anni tutti i giorni, oggi compreso.
    NON SI VEDE NESSUNO ALL’ORIZZONTE (INTESI COME ACQUIRENTI), per il semplice fatto che ne’ a cario ne’ a qualsiasi acquirente conviene agire allo scoperto.
    Cairo, se non è scemo completo, sa bene che vive del “dopo di me il diluvio” (infatti è così anche qui). Non deve far capire che ci sono potenziali acquirenti; gioca sul fatto che nessuno vuole il Toro e non c’è nessuno. Per cui, se vuol restare al Toro – come vuole restare -, non ha nessun interesse a far trapelare la cosa. Nessun interesse ne ha nemmeno l’acquirente, per ovvie ragioni (a meno che sia uno che si vuole fare solo pubblicità). Detto anche che, ovviamente, come in tutte le cose, gli acquirenti, per ovvie ragioni di prezzo e opportunità, si fanno avanti solo in caso di vendita, e non prima, si può ben dire che noi campiamo di questo. Di questa inutile frase da uomo nero: “non si vede nessuno all’orizzonte”. Per forza di cose. Tanto più che, per fare dei preliminari di vendita con emissari di entrambe le parti, con delegati, ci si fa ben presto senza che nessuno lo venga a sapere. Per cui, mi chiedo: che senso ha continuare, cairoti, con sta storia del dopo Cairo, del “non c’è nessuno”? dite: mi piace Cairo per questo e quest’altro, non dite, vi prego, cose che fanno ridere i polli e non stanno ne’ in cielo ne’ in terra. Poi fate come vi pare, ovviamente.

    Un’ultima aggiunta: anche chi, come i Della Valle, per esempio, o Preziosi, hanno avuto contestazioni, continuano: perché a loro conviene: una squadra di fascia medio alta conviene sempre, oggigiorno: anche solo per le plusvalenze, anche solo per i milioni annui di stipendio (cosa sono ? un 2/3% di sull’investimento totale? – mica male per oggi! e tutta la pubblicità e tutte le Riserve Straordinarie (hanno iniziato anche i Della Valle) e tutto il resto. Per cui, dipende quanto chiedi. Infatti i Della Valle sono ancora lì, magari non più con l’entusiasmo, ma ci guadagnano troppo, conviene troppo. Devi arrivare con MOLTI soldi, per fargli cambiare idea!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. iard68 - 4 mesi fa

    Ormai i contestatori cronici si chiamano user-xxxxx, costretti a reinventarsi continuamente per poter biascicare la solita serie di maldicenze e cattiverie. Perché i soliti noti dopo un po’ non se li fila più nessuno…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea Valentino - 4 mesi fa

      Basta scrivere eresie, fai la persona seria e ragionevole, lo vede anche un cieco che si naviga a vista e non vi è nessuna volontà di crescita, ma una continua e costante agonia ben architettata per gettare fumo negli occhi ai tifosi e allo stesso tempo non dare fastidio agli amici di Venaria. Continuare a difendere uno sciacallo come Cairo vuol dire essere in mala fede oppure accontentarsi del nulla più assoluto, oppure non essere consapevoli di che società è stata il TORO e di che società potrebbe essere ancora oggi. Forse qualcuno non ricorda cosa abbiamo rappresentato nel panorama calcistico nazionale e che da 69 anni ci impediscono di tornare ad essere leggenda. Sveglia……..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. iard68 - 4 mesi fa

        Ma sai, lo vedo anch’io che la situazione è quella che è. L’ideale sarebbe tutt’altra cosa, lo so e penso lo sappiano tutti. Semplicemente, non credo a Cairo sciacallo o in malafede peggio di altri. Fa quello che può per il Toro, e il meglio per i suoi interessi come farebbe qualsiasi altro presidente nel nostro contesto, oggi, con la situazione economica di oggi, a Torino, nella città che è ancora la città degli agnelli. Tu dici bene quando ricordi cosa ha rappresentato il Toro oltre mezzo secolo fa. Non approfondisco oltre, ma ricordo che già negli anni 70, quando abbiamo vinto l’ultimo scudetto, la mirafiori spa vinceva due scudetti su tre. Per volontà di un avvocato che amava vincere e non stravincere. E che voleva poter combattere contro un avversario e non contro una serie di pungiball. Oggi il profitto è Dio ed imperatore, finché non cambieranno i rapporti di forza a livello economico nel Paese e prima ancora in città, nulla potrà essere come prima. Dunque, non è a Cairo, né al prossimo presidente, che dobbiamo far la guerra. E comunque, questa è una guerra più grande di noi che, in fondo, credo, vogliamo solo tifare una squadra di calcio. Don Chisciotte è l’eroe romantico che rappresenta i sognatori: è simpatico, ma alla fine muore sconfitto. Comprendere queste cose, che sono vere, ci aiuterebbe ad essre più uniti e a fare, tutti insieme, l’unica cosa che conta: urlare forza toro il più forte possibile, vada come vada, Cairo o non Cairo. Questa è la mia opinion e non credo sia tanto campata per aria.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. drino-san - 4 mesi fa

    Speriamo arrivi presto un Cimminelli a salvarci da questo cattivone. Un bel fornitore fiat.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. iard68 - 4 mesi fa

      Questa mi piace!!! Non vedo l’ora ah…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Andrea Valentino - 4 mesi fa

      Sei patetico

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. fabrizio - 4 mesi fa

      non serve un fornitore Fiat (FCA magari). Basta che non interferisca negli “altri” affari di famiglia. d’altronde gli hanno lasciato via libera nella editoria…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. drino-san - 4 mesi fa

        Bisognerebbe chiedere a Della Valle se gli hanno lasciato via libera. Forse cairo é furbo ed elkann non é l’avvocato…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. fabrizio - 4 mesi fa

          forse e’ la ragione per cui facciamo acqisti e cessioni a cazzo…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Giansiro - 4 mesi fa

    Hanno paura gli infelici cronici, hanno intuito che vendendo gli esuberi e prendendo un centrocampista e un esterno di livello possiamo puntare all’europa molto seriamente. Se accadesse questo cosa farebbero delle loro inutili e moleste vite?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. user-13946838 - 4 mesi fa

    vero

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. user-13946838 - 4 mesi fa

    Concordo pienamente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. ddavide69 - 4 mesi fa

    Smettetela voi e cominciate ad essere un po’ meno ottenebrati dal tifo. L ho già spiegato tremila volte dove sono i soldi, riuscite a leggere?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. r.ponzon_635 - 4 mesi fa

      Compra il Toro, diventa Tu presidente, portaci in Europa…. poi potrai dire di aver fatto meglio di Cairo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 4 mesi fa

        Basterebbe l azionariato popolare. Tu e gli altri continuate a farvi le seghe con i bilanci in attivo e a far godere Cairo. Quelli che erano messi come noi tredici anni fa sono tutti davanti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. ddavide69 - 4 mesi fa

        A certo di alternative non ce ne sono. Sei sicuro? Hai sentito Cairo cercare un acquirente? Ma va.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. fabrizio - 4 mesi fa

        ancora con sta solfa??

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. granatadellabassa - 4 mesi fa

    Non vedo l’ora di vederlo all’opera.
    Come caratteristiche è quello che ci serve.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. ddavide69 - 4 mesi fa

    Basta con gli appecorati potrei dire. Invece meglio che ci siano punti di vista diversi l importante è argomentare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Puntmasingranata - 4 mesi fa

    Ma cosa pretendi da un presidente che in 13 anni ci ha rimessi allonor del mondo dopo fallimenti, retrocessione, presidenti di comodo, ma non vi ricordate in stato era il nostro TORO? Cairo sarà parsimonioso dite voi ma intanto qualche bel giocatore ce lo ha preso, e di quelli venduti con plusvalenza l’unico da rimpiangere è Immobile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. Tichy72 - 4 mesi fa

    Ma la finite di borbottare sempre?
    Ma cosa dovrebbe fare una società come la nostra, il calcio moderno e dei colossi come real barca e compagnia cantante, come dovremmo fare per sopravvivere noi?
    Spiegatemelo per favore, dove li prendiamo tutti i soldi che servono per mandare avanti una società?
    Ma la smettete per favore?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. user-13946787 - 4 mesi fa

    Basta questa Blatta ci prende per il culo da troppi anni non ne posso più di questo falso. Basta Sky basta la 7 basta Fila Basta giornaletti basta sponsor BASTA CAIRO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. r.ponzon_965 - 4 mesi fa

      e per concludere direi anche “Basta con te !” non se ne può più di gente che protesta !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Andrea Valentino - 4 mesi fa

        Invece di gente che si accontenta del nulla è sempre utile, così chi ci prende per il culo può continuare a farlo indisturbato.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. fabio.tesei6_523 - 4 mesi fa

      Cambi pianeta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. prawn - 4 mesi fa

      basta con te, ma che scrivi? ma vergognati, almeno motiva le tue sparate a zero su giocatori che non hai manco mai visto giocare, vergognati, sparisci

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. user-13685686 - 4 mesi fa

    Potenziale plusvalenza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabio.tesei6_947 - 4 mesi fa

      Beh che c è di male! Preferisci le minusvalenze?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. user-13685686 - 4 mesi fa

      No genio preferisco che spenda le plusvalenze create negli anni anziché stipendiarsi lautamente

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. prawn - 4 mesi fa

      ti fa schifo se un giocatore cresce al toro?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. fabio.tesei6_953 - 4 mesi fa

        No non mi fa schifo, ma se il tuo adorato mister non lo fe giocare sei costretto a venderlo. E poi non mi fa schifo vedere un nostro giovane andare a giocare in squadre che fanno la Champions. Vuol dire che il ragazzo può fare una bella carriera e noi restiamo nel calcio che conta.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy