Mercato, amichevoli, academy: la crescita del brand Toro in Europa

Mercato, amichevoli, academy: la crescita del brand Toro in Europa

Dall’arrivo di Hart, alle vendite eccellenti nei quattro maggiori campionati europei degli ultimi due anni: il Toro non è solo più storia e simbolo, ma anche esempio di società moderna e internazionale

E’ un Torino che guarda all’Europa, come obbiettivo e come slancio, ma è anche e soprattutto un’Europa (quella dei top club e dei grandi interessi) che adesso – come mai negli ultimi vent’anni – guarda al Torino. Negli ultimi cinque anni i risultati sportivi dei granata hanno fatto sì che un brand già pregno di storia e leggenda, ridiventasse – agli occhi del mondo – anche un fenomeno attuale, un modello di società moderna, capace di sfornare grandi giocatori (leggasi Darmian, Glik, ma anche Cerci ed Immobile – al di là dell’involuzione personale) e di attirarne a sua volta, con il recentissimo avvento di Joe Hart dal Manchester City che segna davvero un punto di svolta non secondario.

SUL MERCATO – La gestione di Ventura – lo sanno tutti – ha premiato in questo senso, anche se si è attirata critiche discretamente pesanti, perché apparentemente (per molti tifosi) atta ad indebolire ogni anno la rosa della squadra, e a rimpinguare le tasche societaria. Tuttavia, ponendosi a questa situazione con attitudine globale, inserita in un contesto come quello del calcio moderno e delle sue attuali dinamiche, il Torino ha sì venduto i propri pezzi pregiati anno dopo anno (per scelte degli stessi giocatori, comunque), ma oltre a rendere sano e virtuoso il bilancio – e qui su TN ve ne abbiamo parlato in maniera dettagliata, ha permesso alla dirigenza di rinforzarsi ogni anno un po’ di più, al di là dei risultati del campo. E l'”internazionalizzazione” del brand, quindi, ha fatto il resto: i granata, negli ultimi due anni solari, hanno venduto giocatori a Borussia Dortmund, Atletico Madrid, Manchester United e Monaco, entrando dunque in affare con quattro top club dei quattro massimi campionati europei. Nelle dirigenze più griffate e importanti d’Europa, dunque, il Torino è entrato dalla porta principale, facendo cassa e – a volte – guadagnandoci anche alla luce delle prestazioni poco felici che gli stessi ex granata hanno poi messo in campo nelle nuove squadre (si pensi a Cerci ed Immobile).

TRA AMICHEVOLI E ACADEMY – Mercato, ma non solo: a fare da componente fondamentale a questo slancio oltre i confini nazionali, sono anche le amichevoli illustri, ad esempio. Su tutte, chiaramente – sempre nel segno di un miglioramento annuale e continuo – quella di quest’anno in occasione del Trofeo Eusebio contro il Benfica, ma anche quella dello scorso anno contro lo Stade Rennais in Francia. E che dire, poi, delle Academy, le scuole calcio dove si formano baby granata in giro per l’Italia, e – adesso – anche in giro per l’Europa? In questo senso, proprio qualche giorno fa vi avevamo dato notizia (qui i dettagli) della nascita dell'”Ali demi Academy”, la prima Academy legata al Torino FC a nascere oltre confine, più precisamente in Albania.

Il Torino, dunque, internazionalmente, è tornata ad essere riconosciuta come una società importante non solo per storia e simbolo, ma anche per una fenomenica totalmente riferita la presente. Una società con cui poter fare affari, e che attira su di sé importanti investimenti, e dall’ultimo mercato – rimanendo sui top club – anche una società capace di portarsi a casa il ventinovenne portiere del Manchester City. L’arrivo di Joe Hart al Toro, infatti, è un chiarissimo segnale di quanto questa politica stia premiando, dal punto di vista della qualità generale della rosa, e da quello delle relazioni con i club più importanti del vecchio continente. Ora sta a Mihajlovic e soprattutto ai giocatori in campo fare la loro parte, perché l’Europa entri nel presente granata come due stagioni fa: con la ribalta, su campo internazionale, in un importante torneo europeo, come l’Europa League. Perché le soddisfazioni più grandi possono essere solo quelle del campo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy