Mihajlovic con Save the Children: “Voglio che anche il calcio faccia la sua parte”

Mihajlovic con Save the Children: “Voglio che anche il calcio faccia la sua parte”

Il tecnico granata in un’intervista alla Gazzetta dello Sport si è detto determinato a difendere i diritti dei minori

1 Commento

Il tecnico granata che segue da anni l’attività di Save the Children è stato intervistato dalla Gazzetta dello Sport parlando della campagna in favore dei bambini. Queste sono state le sue dichiarazioni apparse oggi sul quotidiano sportivo:

“Sono anni che seguo e apprezzo la campagna di Save the Children. Tutti conoscono la mia storia, le mie origini, tutti sanno che ero poco più che un ragazzo ho visto la guerra in faccia, che molti miei amici sono morti giovani. Il calcio mi ha aiutato a crescere, mi ha fatto diventare ricco e famoso e mi ha aiutato a formare la mia tribù, la mia numerosa famiglia, dove i bambini sono sempre stati il primo interesse mio e di mia moglie Arianna”

Ancora il tecnico granata: “Ora i nostri ragazzi sono cresciuti e sono abbastanza grandi per guardare oltre le mura della nostra famiglia e dei nostri amici fortunati. Anche per questo, per dare un esempio a loro, sto con Save the Children. Fino all’ultimo bambino, perchè anche in Italia e non solo nelle zona riconosciute come le più depresse del pianeta, ci sono giovani vite che crescono in povertà. Bambini che non hanno un pasto garantito al giorno, che non hanno prospettive di crescita sociale”

Infine, Mihajlovic: “So bene che è difficile centrare l’obiettivo di Save the Children, “fino al’ultimo bambino”. Ma i sogni esistono e vanno vissuti e i sogni possono diventare realtà. Nello sport, ma non solo. Servono volontà, impegno, passione e un po’ di fortuna. Purtroppo ancora oggi la discriminante per un’infanzia serena è molto spesso il luogo di nascita, la differenza culturale e religiosa, in certi Paesi addirittura essere una bambina anzichè un bimbo. Ecco: credo, voglio credere e voglio impegnarmi perchè lo sport, il calcio, contribuiscano al riconoscimento universale dei diritti dei minori. Ora, subito: fino all’ultimo bambino”.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. torino0405 - 1 mese fa

    Bravo Sinisa!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy