Mihajlovic propone un Torino nuovo: gioco verticale e aggressività

Mihajlovic propone un Torino nuovo: gioco verticale e aggressività

Approfondimento / Il tecnico serbo ha subito messo in evidenza la sua impronta: è un Torino molto diverso da quello di Ventura

Torino – Pro Vercelli ha subito messo in chiaro una cosa: il Torino di Mihajlovic propone qualcosa di molto diverso dal Torino di Ventura. Chi ha visto ieri la squadra granata giocare per la prima volta ha potuto notare l’evidente differenza, che era già balzata gli occhi a chi ha assistito alle precedenti amichevoli. Certo, diverso non vuol per forza dire migliore e il tecnico serbo deve ancora dimostrare di poter raggiungere risultati apprezzabili come lo sono stati quelli del guru genovese ora CT della Nazionale. Limitandosi però ai fatti oggettivi,  dal punto di vista tecnico-tattico ciò che cerca la squadra di Mihajlovic è totalmente differente da quello che cercava la squadra di Ventura.

GIOCO OFFENSIVO – Con Ventura si era abituati a un possesso palla prolungato nella propria metacampo, al fine di “stanare” gli avversari e farli uscire dalle posizioni di partenza, per poi cercare la profondità con lanci lunghi oppure lo sfogo sulla fascia esterna. Mihajlovic predilige invece arrivare più velocemente alla trequarti campo avversaria: certo, contro la Pro Vercelli ai granata questo riusciva abbastanza facilmente, ma l’intenzione era chiara. Arrivando poi ai 30-35 metri, l’idea è quella di trovare l’imbucata vincente grazie a combinazioni e fraseggi veloci.

mihajlovic, Ventura
Giampiero Ventura ai tempi del Torino

GIOCO DIFENSIVO – Con il maestro genovese la squadra aveva spesso un atteggiamento spiccatamente attendista, aspettando spesso l’avversario nella propria metacampo. Certo, nel calcio d’oggi in fase difensiva quasi tutti aspettano con undici uomini dietro la linea della palla, ma Ventura era particolarmente “tifoso” di questa tattica difensiva, peraltro assolutamente lecita e funzionale se si pensa che nei suoi periodi migliori il Torino di Ventura era tra le migliori difese d’Italia. Mihajlovic invece predica aggressività, e un recupero palla “alto”, per far sì che poi gli attaccanti si trovino subito vicino alla porta.

Una disamina oggettiva, insomma, non può non evidenziare le differenze di gioco e stile tra le due versioni del Torino. Il futuro dirà poi se Mihajlovic riuscirà ad avere successo come o più di Giampiero Ventura.

10 commenti

10 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. toiomeroni - 5 mesi fa

    Concordo con Alberto Fava e non cominciamo con polemiche che non servono a niente.
    Solo e sempre Forza Toro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alberto Fava - 5 mesi fa

      Grazie :-)
      Solo e sempre Firza Toro!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Clozza - 5 mesi fa

    Sono grato a Ventura per quello fatto in questi cinque anni ma il suo tipo di gioco fatto di retropassaggi non mi e’ mai piaciuto… Fiducia piena a Miha ma la societa’ si adoperi per aquistare le pedine mancanti… Forza Toro…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. corradini_stefan_541 - 5 mesi fa

    ma per caso gli hanno proposto una fee sulel plusavalemnze????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Max63 - 5 mesi fa

    Non c’è confronto. Ventura non aveva un gioco ma una melina che prevedeva un possesso palla tra Glik, Moretti Bovo o maski con il completamento attraverso una verticalizzazione verso Padelli con un risultato che portava la palla nella propria rete se andava male e fuori dal rettangolo di gioco se andava bene. Miha propone aggressione nella trequarti avversaria verticalizzazione e poche palle in orizzontale. Come qualcuna ha scritto riesco a stare sveglio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. pingo - 5 mesi fa

    a me basterebbe rimanere sveglio durante la partita, cosa che col Toro di Ventura a volte mi riusciva difficile….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Alberto Fava - 5 mesi fa

    Per me rimane e continua a sembrarmi ingeneroso paragonare il nuovo Mister ( che ha avuto un gran bell’impatto), a colui che ha contribuito a ricostruire il Toro.
    Per me il primo meriterebbe un monumento, il secondo e già sulla buona strada.
    Tutto qui.
    Poi se non piace la definizione di “articolo” dello scritto, beh chiamiamola come ci pare, l’importante è farsi capire.
    Sempre e solo Forza Toro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alberto Fava - 5 mesi fa

      Ma forse non ho considerato l’ipotesi che la risposta venga dall’autore.
      Se in qualche modo si è sentito offeso dal mio commento chiedo scusa, volevo solo esprimere il mio parere sullo scritto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. abatta68 - 5 mesi fa

    Ingeneroso per chi? o per cosa? l’articolo dice solo che con Ventura si giocava cosi e adesso cosà… sempre che lo si voglia chiamare articolo… diciamo un’annotazione giornalistica…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Alberto Fava - 5 mesi fa

    l’articolo mi sembra ingeneroso a proporre un confronto.
    Credo che i veri “Tifosi” debbano ringraziare il primo, ed accogliere a braccia aperte Miha.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy