Milan-Torino, la difesa rossonera: Donnarumma la stella, Gomez l’incognita

Milan-Torino, la difesa rossonera: Donnarumma la stella, Gomez l’incognita

Verso San Siro / Il portiere è una garanzia, mentre il classe ’93 paraguaiano è alla prima esperienza in Europa

1 Commento
CHEONAN, SOUTH KOREA - OCTOBER 10: Son Heung-Min of South Korea competes for the ball with Gustavo Gomez of Paraguay during the international friendly match between South Korea and Paraguay at Cheonan Sports Complex on October 10, 2014 in Cheonan, South Korea. (Photo by Chung Sung-Jun/Getty Images)

E’ un Milan non particolarmente “rimpinguato” dal calciomercato estivo quello che si presenterà domenica a San Siro per ospitare il Torino dell’ex degli ex Mihajlovic, per una sfida che – retoricamente – non sarà e non può essere come tutte le altre. La difesa rossonera è stata comunque rinforzata, anche se i pezzi da novanta non sono arrivati.

CENTRALI E PORTA – La novità della retroguardia (che sarà sempre a 4) di Montella è costituita dal giovane centrale paraguaiano Gustavo Gomez, prelevato dal Lanus in prestito con riscatto fissato ad 8 milioni. Una bella cifra per un classe ’93 alla prima prova in un campionato europeo. Il giocatore, comunque, potrebbe essere schierato dal 1′ vicino a Romagnoli, per il quale – dopo l’enorme investimento fatto l’anno scorso – potrebbe essere l’anno della consacrazione. Completano la conta dei centrali, Rodrigo Ely, Zapata, e soprattutto Gabriel Paletta, che pare rigenerato dalla cura Montella. In porta, invece, il Milan può contare su una splendida sicurezza: Gigi Donnarumma è la vera stella di questo Milan, e il classe ’99 a San Siro si troverà di fronte il suo ex mentore Mihajlovic.

Milan-Torino, Donnarumma, Belotti

FASCE – I terzini non mancano di certo ai rossoneri, che possono contare su una batteria discretamente invidiabile di laterali bassi. Sulla destra, il dualismo è quello composto da Abate e Calabria, con il giovane pronto a stupire tutti dopo le belle prestazioni dello scorso anno. Sulla sinistra, invece, il duello è ancora più serrato: Antonelli vorrebbe la maglia da titolare, ma un De Sciglio in forma Europeo non si può lasciare in panchina. Per la corsia mancina, inoltre, attenzione al nome di Vangioni, classe ’87 prelevato dal River Plate.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. The Mtrxx - 1 anno fa

    Chi non salta rossonero e’

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy