Molinaro: un rientro positivo e quello spirito che piace al tifo granata

Molinaro: un rientro positivo e quello spirito che piace al tifo granata

Torino-Inter 2-2 / Il terzino rientra da titolare dopo l’infortunio al crociato e dimostra grande carattere ed esperienza. E a giugno…

1 Commento

Dopo il rientro a partita in corso durante la Lazio, Cristian Molinaro ha giocato contro l’Inter per la prima volta dal 1′ dopo il brutto infortunio e la rottura del legamento crociato dello scorso autunno, tornando in tempo di record e in buona condizione agli ordini del tecnico Sinisa Mihajlovic. La sua prestazione è stata generosa e ricca di spunti offensivi, con il terzino che ha dimostrato di poter dire ancora (più di) qualcosa in questa squadra, in vista anche della scadenza del suo contratto il prossimo giugno.

Molinaro ha giocato una partita ordinata dietro, nonostante si trovasse di fronte due degli esterni più letali del campionato, come Perisic e Candreva: il classe ’83, però, non ha patito il rientro in campo, tenendo bene in fase difensiva e proponendosi con spunti interessanti davanti. La buona prestazione del terzino contro i nerazzurri non può che costituire una buona notizia per i granata: Mihajlovic, infatti, dopo aver “spremuto” il giovane Barreca da ottobre a questa parte (con buoni risultati) ha trovato il ricambio adatto sulla fascia sinistra, e visto il buon impatto, un po’ di alternanza non avrebbe fatto male anche in altre fase del campionato.

TURIN, ITALY - AUGUST 28: Cristian Molinaro of FC Torino in action during the Serie A match between FC Torino and Bologna FC at Stadio Olimpico di Torino on August 28, 2016 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
TURIN, ITALY – AUGUST 28: Cristian Molinaro of FC Torino in action during the Serie A match between FC Torino and Bologna FC at Stadio Olimpico di Torino on August 28, 2016 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Molinaro, infatti, è parso dare quel giusto mix di esperienza e ordine che l’esuberante Barreca nelle ultime partite non ha saputo fornire con continuità, visti anche i tanti impegni consecutivi in cui si è visto impegnato. Sulla fascia sinistra, vista l’assenza prolungata (e ancora permanente) di Avelar, l’ex Parma costituiva (e costituisce tuttora) di fatto l’unica alternativa al classe ’95, e anche in ottica futura andrà valutato questo fattore. Il Toro e Molinaro si siederanno presto al tavolo, per capire qual è (se c’è) il margine per un prolungamento, ma nel frattempo Mihajlovic può contare su un’alternativa in più, e – anche a questo punto del campionato – non guasta di certo.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. LoviR - 1 mese fa

    Un altro rinnovo alla Masiello ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy