Mondiali, la Serbia si gioca tutto: Ljajic può tornare titolare

Mondiali, la Serbia si gioca tutto: Ljajic può tornare titolare

Mondiali / Chi vince è qualificato: Serbia e Brasile si giocano un posto agli ottavi. Ljajic verso una chance dal 1′

di Nicolò Muggianu

All’Otkrytiye Arena di Mosca, meglio conosciuto come Spartak Stadium, va in scena il match che sarà lo spartiacque del Gruppo E. La Serbia di Krstajic affronta il Brasile di Tite, in un match che decreterà quale tra le due formazioni si qualificherà agli ottavi di finale del torneo. Due squadre che arrivano con il morale agli antipodi: dopo una vittoria convincente nel match d’esordio, Ljajic e compagni non sono riusciti a ripetersi contro la Svizzera; rimediando un amaro 1-2 nei minuti di recupero. Destino opposto invece per la Seleção: dopo il pareggio all’esordio, nell’ultima giornata è arrivata la vittoria, anche in questo caso in extremis contro la Costa Rica (2-0). Gli uomini di Tite hanno a disposizione due risultati su tre per accedere agli ottavi di finale, senza guardare quello che faranno gli elvetici contro i centroamericani. Appuntamento questa sera alle ore 20.

RITORNO – Una partita in cui, nonostante le premesse, i verdeoro cercheranno di ottenere i tre punti per assicurarsi il primato del Girone E e proiettarsi alla seconda fase da testa di serie. Non c’è tempo per fare calcoli: chi vince passa, o meglio, se la Serbia non vince è eliminata. Anche per questa ragione, dopo un turno di riposo, il ct Krstajic è pronto a lanciare nuovamente Adem Ljajic dal 1′. Nell’ultimo match contro la SvizzeraKostic (sostituito proprio da Ljajic al 64′) non ha particolarmente brillato e il fantasista di proprietà del Torino è pronto a riprendersi l’out di sinistra nella partita più importante della stagione.

La Serbia si fa rimontare dalla Svizzera: Ljajic entra nella ripresa

LE SCELTE – Ma quali scelte faranno i due ct? Krstajic dovrebbe cambiare poco rispetto all’ultima uscita. Nel 4-2-3-1 serbo ancora l’insostituibile Stojkovic tra i pali, davanti a lui Milenkovic si gioca il posto con Rukavina, con Ivanovic, Tosic e Kolarov a completare il reparto difensivo. L’altra novità, come anticipato, potrebbe arrivare sulla trequarti dove Ljajic è pronto a rilevare Kostic sull’out mancino. Al suo fianco ancora una volta Milinkovic-Savic, oltre a Tadic e Mitrovic di punta. Nessun cambio in vista invece per il Brasile. Nella conferenza stampa della vigilia il ct Tite ha confermato: “Giocheranno gli stessi che hanno battuto la Costa Rica“. Sarà ancora 4-2-3-1 dunque, con Alisson tra i pali, davanti a lui riconfermati Fagner a destra a comporre il reparto arretrato con Thiago Silva, Miranda e Marcelo. A centrocampo Casemiro e Paulinho a difesa del poker offensivo di puro talento composto da CoutinhoNeymar, Willian e Gabriel Jesus.

LE PROBABILI FORMAZIONI

Serbia (4-2-3-1): Stojkovic; Milenkovic, Ivanovic, Tosic, Kolarov; Milivojevic, Matic; Tadic, Milinkovic, Ljajic; Mitrovic. A disposizione: Rajkovic, Dmitrovic, Spajic, Veljkovic, Rodic, Rukavina, Zivkovic, Grujic, Kostic, Prijovic, Radonjic, Jovic. Allenatore: Mladen Krstajic.

Brasile (4-3-3): Alisson; Fagner, Thiago Silva, Miranda, Marcelo; Paulinho, Casemiro, Coutinho; Willian, Gabriel Jesus, Neymar. A disposizione: Cassio, Ederson, Geromel, Filipe Luis, Marquinhos, Danilo, Renato Augusto, Fernandinho, Fred, Firmino, Taison. Allenatore: Tite.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Vanni - 3 mesi fa

    La vedo dura per Ljajic, dovevano far fuori i formaggini.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy