Moretti ancora titolare contro l’Inter: una “guida” imprescindibile per questo Toro

Moretti ancora titolare contro l’Inter: una “guida” imprescindibile per questo Toro

L’esperto difensore si ritrova titolare (provvisorio?) nonostante il ricco mercato. E sa come stupire a San Siro…

di Lorenzo Bonansea, @BonanseaLorenzo

E’ da due anni, almeno, che si parla di Moretti come di “un veterano all’ultima stagione in maglia granata“. E invece, campionato dopo campionato, il difensore è ancora lì al suo posto. E non in un posto “ai margini”, ma in tutto e per tutto dentro il progetto Toro, da Ventura a Mazzarri, passando per Mihajlovic.

Emiliano Moretti, 37 anni compiuti, ha giocato da titolare le prime due partite ufficiali di questa stagione, e anche questa sera sarà al suo posto vicino a Nkoulou e Izzo, per cercare di strappare un risultato positivo contro l’Inter di Spalletti. Niente Bremer, niente Lyanco (ancora non convocato dopo lo stop di 8 mesi): Mazzarri si vuole (deve?) affidare al suo difensore più esperto, che per altro non ha fatto rimpiangere nessuno in questo primissimo inizio di stagione.

Contro la Roma, Moretti è risultato di fatto tra i migliori in campo, marcando a tutto campo l’inviperito Under (16 anni in meno) e mostrando agli scettici uno stato di forma invidiabile anche per giocatori dalla carta d’identità nettamente “più verde”. Sul piano umano, poi, la figura di Moretti è imprescindibile per questo Toro – tanto da costituire una sorta di “capitano in pectore” all’interno dello spogliatoio “giovane” a disposizione di Mazzarri.

Contro l’Inter, quindi, spazio ancora a Moretti – che a San Siro ha già saputo illuminare e decidere anche con i gol. In un estate di nuovi arrivi e tante conferme, il rinnovo di Emiliano va visto come un operazione di mercato importante e decisiva. E’ bene ricordarlo sempre.

16 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. fabriziosign_366 - 7 mesi fa

    Il mio commento e vero arriva dopo la partita ma sarebbe stato uguale prima…Moretti e un campione sia come giocatore che come uomo e per me e imprescindibile e solo chi non capisce di calcio o non ha cuore Toro puo dire il contrario.Emiliano per sempre anche quando smetterai spero tu rimanga al Toro per continuare ad insegnare calcio e umanita

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. granatadellabassa - 7 mesi fa

    Quante polemiche inutili.
    Bremer è da un mese in Italia e non ha mai giocato a tre dietro. Djidji è qui da 15 giorni. Lyanco è ancora rotto.
    A regime è evidente che Moretti tornerà in panchina.
    Se ciò non accadrà potremo parlare di fallimento dei sopracitati giocatori (a meno che Moretti faccia i numeri).
    Ma per ora ci sta che giochi Moretti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. FVCG'59 - 7 mesi fa

    Se Mazzarri vuole un mancino sinistra, Moretti è l’unica scelta. Questo è però un grosso problema, non risolto dal mercato. Bremer e lo scioglilingua francese, in attesa di Lyanco, devono essere impostati e adattati a giocare il quel ruolo: non ci sono alternative.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Riba - 7 mesi fa

    Anch’io con il massimo rispetto di Moretti come giocatore e come uomo mi chiedo come WM possa prediligere in un calcio attuale fatto di velocità un giocatore di 38 anni rispetto a Bremer o altri giovani al momento non disponibili

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sysma_558 - 7 mesi fa

      Perché rispetto al Brasile in Italia la difesa si fa in maniera completamente diversa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Vecchiotifoso - 7 mesi fa

    Ljiajic al Besiktas
    Breaking news su TV turche

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Leo - 7 mesi fa

    Dal che si deduce che Bremer è una sola, come dicono a Roma, e Lyanco è rotto come il ponte Morandi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 7 mesi fa

      Bremer è forte, ma è giovane e forse a San Siro contro Icardi serve gente un filo più esperta. Che dici?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Leo - 7 mesi fa

        Dico che la storia del calcio è fatta di esordi importanti di giovanissimi in partite clou. Ma si tratta di campioni. Poiché stimo Mazzarri ho ragione di ritenere che Bremer sia un buon giocatore ma non un campione. Grazie per il commento al mio post, mi dai modo di dialogare e questo, diciamo così, aiuta. FVCG.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. sysma_558 - 7 mesi fa

      Sta cazzata di commento te la potevi anche risparmiare, lyanco è tornato in Italia 2 settimane fa, solo il tuo neurone solitario può pensare che non gioca perché rotto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. sysma_558 - 7 mesi fa

      Su bremer bastava che ti fossi fatto una domanda – l’ultimo campionato dove ha giocato ? – E forse ma forse saresti riuscito a darti una risposta. Ma anche no.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. GlennGould - 7 mesi fa

    Boh. Massimo rispetto per Moretti e per Mazzarri ma, con tutti i difensori acquistati, il mister dovrebbe dare spiegazioni sul fatto che un centrale che quest’anno compie 38 anni anni gioca titolare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kieft - 7 mesi fa

      Unico mancino in difesa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. PrivilegioGranata - 7 mesi fa

      Forse che, al di là dell’età anagrafica, è ancora un giocatore forte e con un grandissimo bagaglio di esperienza?
      Non dico che debba giocare per tutto il campionato, ma dopo una preparazione tosta come quella di quest’estate (e lui tirava il gruppo, non dimentichiamolo) penso che sia in forma smagliante.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. GlennGould - 7 mesi fa

        Ma guarda che non volevo creare polemiche o provocazioni. Semplicemente mi sono chiesto il perché. E mi auguro che la situazione sia provvisoria. Io con la Roma,ho visto Moretti non in grado di reggere il livello di Izzo e Nkoulou. Senza offesa e con il massimo rispetto per Moretti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. PrivilegioGranata - 7 mesi fa

          Mazzarri avrà optato per l’affidabilità di Moretti, fatta di mestiere e buon posizionamento, piuttosto che per l’energia prorompente di Bremer, ancora in parte da scoprire e soprattutto da affinare tatticamente.

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy