Napoli-Torino, i precedenti: la vittoria granata manca da 10 anni

Napoli-Torino, i precedenti: la vittoria granata manca da 10 anni

Precedenti / Tradizione negativa al San Paolo, furono Rolando Bianchi e Alessandro Rosina a griffare l’ultima vittoria in casa dei partenopei

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Due goal che potevano valere la salvezza e che sono invece serviti ad alimentare i rimpianti dopo la retrocessione del 2009. Sono quelli – splendidi – di Rolando Bianchi e Alessandro Rosina, entrambi di sinistro, che hanno permesso al Toro di espugnare il San Paolo il 17 maggio del 2009: è quella l’ultima vittoria del Torino a Napoli. Domenica sera la speranza dei granata dell’ex Walter Mazzarri, è quella di interrompere questo lunghissimo digiuno.

NUMERI – I numeri sono nettamente favorevoli al Napoli, anche se il risultato più frequente nella storia è stato il pareggio: ben 32 i segni X al San Paolo. I partenopei, però, hanno vinto 32 volte contro le sole 11 dei granata. Anche a livello realizzativo la differenza è netta: gli azzurri hanno segnato ben 104 reti, mentre il Torino 69. L’anno scorso però, i granata hanno interrotto una striscia di sconfitte che durava dal 2012, strappando un punto al Napoli di Sarri.

L’ULTIMO PRECEDENTE – Era la trentacinquesima giornata di campionato e il Napoli si giocava le residue chances di scudetto dopo la fragorosa sconfitta di Firenze (gli scherzi del calendario). Il Toro senza obiettivi particolari programmava già il futuro prossimo con Mazzarri in panchina ma mise lo sgambetto agli azzurri raggiungendoli per ben due volte. Un clamoroso errore di Burdisso regalò il vantaggio a Mertens, pareggiò Baselli al 10′ del secondo tempo e un eurogoal di Hamsik riportò avanti gli azzurri: fu un gran colpo di testa di De Silvestri a consegnare il definitivo pareggio ai granata.

MERTENS MATTATORE – L’assoluto protagonista degli ultimi confronti è senza dubbio Dries Mertens: è il miglior marcatore della storia di questa sfida al San Paolo insieme a Diego Maradona. Come detto l’anno scorso aprì le danze, mentre due anni fa disintegrò completamente i granata con un poker da urlo: memorabile il quarto goal personale con un pallonetto in girata da posizione impossibile che lasciò attonito anche Joe Hart e scatenò il boato del San Paolo.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. iugen - 1 mese fa

    Una cosa è sicura: questa volta nessuno del Toro segnerà su punizione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. robert - 1 mese fa

    E da domenica la vittoria mancherà da 11 anni !!!!!!L’anno prossimo 12 anni e così via …….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy