Napoli-Toro: lavoro finito, domani rifinitura per entrambi

Napoli-Toro: lavoro finito, domani rifinitura per entrambi

Ci sono partite nel corso della stagione che possono fare da spartiacque, da intermezzo tra il vecchio e il nuovo. Che possono segnare una svolta. Napoli-Toro non può essere considerata tale. Perchè?

Primo, perchè siamo solo alla nona giornata di campionato….

Ci sono partite nel corso della stagione che possono fare da spartiacque, da intermezzo tra il vecchio e il nuovo. Che possono segnare una svolta. Napoli-Toro non può essere considerata tale. Perchè?

Primo, perchè siamo solo alla nona giornata di campionato. Il Toro, finora, ha mostrato il meglio e il peggio del proprio repertorio. La cronica difficoltà nel gestire i vantaggi (o paura di vincere?) e la forza di lottare fino al 90′ e oltre. La consapevolezza di potersela giocare contro chiunque – anche se spesso non si raccoglie quello che si semina – e la preoccupante fragilità della difesa (13 gol presi). Un po’ troppi. Il Toro è questo. Predere o lasciare. I dieci punti, comunque, fanno ben sperare per il proseguo della stagione. Anche se domenica c’è il Napoli e la settimana dopo la Roma capolista.

Secondo, perchè una sconfitta contro il Napoli a questo punto della stagione non sarebbe grave e darebbe ai granata molto sul quale riflettere. Ovviamente il discorso “non è contro queste squadre che dobbiamo fare dei punti” lascia il tempo che trova. Ma nascondono sempre un fondo di verità. I tifosi vorrebbero che la propria squadra del cuore vincesse sempre, ogni domenica, sbaragliando gli avversari. Questo non è possibile. Specialmente se ti chiami Toro. Hai una storia leggendaria. La “sfiga” contro dal 1906 e l’arbitraggio non ti sorride.

Perchè non sarebbe grave una sconfitta? Il Toro parte per Napoli in emergenza. Questa può essere già un’attenuante. Va bene Cerci in grande spolvero (e magari galvanizzato dal giocare in un grande stadio) e i nuovi polmoni di Gazzi a Barreto a dare manforte, ma quando non puoi contare sui due terzi della squadra titolare diventa difficile. Ventura, comunque, sta provando e riprovando da una settimana quelle che potrebbero essere le contromosse per bloccare Higuain e soci. Senza però dimenticarsi – come ribadito dal tecnico granata – di provare a fare la partita. Sempre e comunque. Anche contro il Napoli. Il lavoro in Sisport è terminato con la sessione tattica di oggi. Quel che è fatto è fatto. La voce adesso passa al campo del San Paolo.

Federico Lanza

(foto Dreosti)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy