Nazionali, per Hart vittoria allo scadere e porta inviolata

Nazionali, per Hart vittoria allo scadere e porta inviolata

Nazionali / Il portiere britannico abbassa la saracinesca e i Tre Leoni gioiscono con Lallana. Oggi tocca a Gustafson

2 commenti

Buona la prima da granata per Joe Hart, portiere dell’Inghilterra sceso in campo ieri sera per il match di qualificazione ai Mondiali 2018 contro la Slovacchia. Anche nel nuovo corso che vede in panchina Sam Allardyce il neo acquisto del Torino rimane il punto fermo tra i pali, e l’ex City non ha tradito le attese, abbassando la saracinesca nelle poche offensive slovacche, con la squadra di Hamsik rimasta in 10 nell’ultima mezz’ora per la doppia ammonizione subita da Skrtel e puntia da un gol allo scadere di Lallana. Ora Hart avrà modo di concentrarsi definitivamente sul Torino, rientrando in Italia e cominciando ad entrare nel mondo granata, con l’obiettivo di partire titolare già per il match di domenica prossima, in programma con l’Atalanta.

Oggi, invece, tra i granata pronti a scendere in campo c’è soltanto Gustafson, impegnato con l’Under 21 svedese contro la Spagna, alle 18:45. Partita non facile, con gli scandinavi che hanno il compito di tenere lontani gli iberici dal secondo posto, che al momento li tiene in corsa per una qualificazione ai playoff (passano le prime e le due seconde che si qualificano da un palyoff di quattro). Vincere porterebbe addirittura la squadra di Gustafson in testa al girone, sorpassando la Croazia. Dopo l’entrata a partita in corso proprio nel pareggio con i balcanici, ora il giocatore granata spera di poter partire titolare.

Infine, si stanno per concludere tutti gli impegni: domani scenderanno in campo Benassi e Lukic con le rispettive Under 21 (Italia e Serbia), contro Andorra e Repubblica di Irlanda. Amichevole invece per Acquah, reduce dalla qualificazione alla Coppa d’Africa, alle 18 contro la Russia. Non ci sarà Belotti nell’esordio nelle qualificazioni mondiali per l’Italia, in programma contro Israele: il giocatore è rientrato a Torino per qualche problema fisico. Infine, quando in Italia sarà già il 7, Martinez scenderà in campo contro l’Argentina con il suo Venezuela, in un torneo di qualificazione per cui la Vinotinto ormai ha poco da chiedere.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. ziocane66 - 11 mesi fa

    Owner a lonely HART!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. faber.fibr_698 - 11 mesi fa

    beh…. cerchiamo di essere obiettivi però. il tabellino della slovacchia recita 0 tiri in porta e 0 tiri totali… lo credo che ha tenuto la porta inviolata!!! hihihihi
    invece carine le dichiarazioni di caballero, il suo secondo al city…
    “”Lo avete capito vero che avete preso un portiere clamoroso? È un professionista assoluto, ha una grande dedizione al lavoro. È una macchina, un robot, lavora duramente giorno dopo giorno. Avete capito che razza di fuoriclasse è arrivato in serie A? È un leader vero, un crack totale”. “Non ci metterà tanto ad imporsi. Credetemi, se non lo conoscete vi stupirà, se non lo avete mai visto all’opera rimarrete a bocca aperta”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy