Toro, Niang fa il contrario di ciò che serve: poca grinta e nervosismo coi tifosi

Toro, Niang fa il contrario di ciò che serve: poca grinta e nervosismo coi tifosi

Focus On / Il senegalese è sceso in campo contro la Fiorentina nella ripresa senza riuscire ad incidere nella gara, un po’ com’era già successo contro la Roma

di Marco Notaro, @MarcoNotaro17

Il Torino viene sconfitto per la quarta volta consecutiva in campionato. La débâcle interna contro la Fiorentina è pesantissima, soprattutto a causa di una prestazione orribile da parte dei giocatori che dimostrano gravi limiti caratteriali oltre che fisici. Ben poca reazione d’orgoglio, nessuno scatto di rivalsa da parte di un gruppo demotivato che, a dieci gare dalla fine del campionato, ha già terminato il suo campionato. Tra i peggiori in campo dell’ultimo match c’è sicuramente Niang che, entrato al 58′ minuto per sostituire Berenguer, non riesce ad incidere in alcun modo sul match.

NESSUN IMPATTO – Come già successo contro la Roma, l’ex Milan entra in campo nel secondo tempo e subito dopo Veretout segna il gol del vantaggio viola. Sbaglia un controllo e subito dopo riceve un cartellino giallo che gli farà saltare la prossima trasferta contro il Cagliari. Non sgomita, né lotta, non riesce a rendersi pericoloso ed ha un pessimo impatto a gara in corso come già successo contro la Roma. La mascherina al naso non è un alibi e dopo un girone d’andata fallimentare ci si aspettava ben altra reazione da un giocatore che, invece mostra continuamente limiti mentali e caratteriali. Non c’è un nuovo Niang, nonostante alcune partite di spessore il senegalese ricade nei propri errori e si dimostra fragile, forse colpa dei suoi 23 anni. Un rendimento che non giustifica affatto i 15 milioni di euro investiti su di lui in estate.

GESTACCIO INOPPORTUNO –  Ingenuo e incapace di imparare dai propri errori, già compiuti in passato, l’atteggiamento del senegalese desta malumori fra i tifosi che lo fischiano sonoramente. Critiche più che legittime considerate le sue ultime prestazioni che, però, non sono state digerite da Niang che ha risposto loro con un gestaccio poco simpatico. L’ex Milan poi è corso subito negli spogliatoi. Il numero 11 granata è stato convocato in Nazionale e non sarà a disposizione di Mazzarri fino alla settimana prossima, ma avrà tempo per riflettere su se stesso visto che contro il Cagliari sarà squalificato e potrà rientrare a disposizione solo per la gara contro il Crotone del 4 aprile.

17 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. rogozin - 9 mesi fa

    Giocatore schifoso per qualità tecniche e caratteriali. C’è da sperare che sia vera la storia dei russi che vogliono prenderselo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. FVCG-70 - 9 mesi fa

    Delusione totale.
    Sapevo cosa (non) valeva ma mi sono illuso che potesse essere un nuovo Cerci (ripudiato da tutti ma diventato grande qui a Torino – ma c’era un certo GPV, da criticare finchè si vuole, ma conoscitore di calico).

    Senza grinta e con una tecnica comunque discutibile (Lijaic per me, con tutti I suoi difetti caratteriali, ha altri piedi).

    Per onore di cronaca, la Maratona lo ha fischiato sonoramente, provocando la sua reazione, quando su una palla vagante in area dell Viola a tre metri da lui, manco si è mosso!!!

    E allora, di cosa caxxo stiamo parlando?????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13651922 - 9 mesi fa

    niang pezzo di merda…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. torracofabi_579 - 9 mesi fa

    La brutta copia di Balotelli…. E detto tutto! Nuovo Njang? Non esiste, questo è il ‘giocatore’ che abbiamo comprato, questo è quello che è sempre stato e sarà. C’è poco da aspettarsi, attendere giugno e svendere o regalare…. Che poi a onor
    del vero che non sia un capro espiatorio …è tutto un altro discorso…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Bito58 - 9 mesi fa

    Lui e Rincon sono state 2 marchette. Che il capo ha fatto ai relativi proprietari non in cambio di favori sportivi ma di altro…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. pinomu_368 - 9 mesi fa

    … E Ciro Immobile ben 4 mln in meno. Grande la società che non l’ha riscattato, eppure se il Gallo è cresciuto si deve a Ciro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Granatissimo1973 - 9 mesi fa

    Niang l’ha voluto Mihailovic, siccome adesso son tutti bravi a dare addosso a Mazzarri e a sparare cazzate tipo cpn mihailovic era meglio, ricordiamocele certe cose. E il bello è che ha deluso anche con Mihailovic

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-13685686 - 9 mesi fa

    Ricordo a tutti che Al Shaarawy costava 2 milioni in meno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Scott - 9 mesi fa

    Questi sono gli affari che si possono fare con i potenti procuratori, il Milan, i gobbi. Marchette. Ripartiamo da trent’anni fa: niente gobbi in squadra. Arriveremo a metà classifica lo stesso, ma almeno recupereremmo l’identità granata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Athletic - 9 mesi fa

      Sì, ma per avere in cambio cosa? Le marchette si fanno per soldi, noi invece abbiamo preso dei pacchi (ben consapevoli del fatto che fossero sicuramente dei pacchi) e li abbiamo pure strapagati. Che senso ha?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Scott - 9 mesi fa

        Il mondo degli affari è variegato

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. morassut.maur_742 - 9 mesi fa

    Siamo affranti x la sua fondamentale assenza a cagliari:come faremo? Sia maledetto il serbo che ci ha fatto prendere un simile pacco e pure a caro prezzo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 9 mesi fa

      E cairo dov’era e petrachi dov’era ?
      Che ne sappiamo di chi aveva chiesto come prima scelta mihailovic ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. christhrash 68 - 9 mesi fa

    Secondo me il problema non sono tanto i singoli giocatori , ma creare un gioco funzionale alle caratteristiche che si vogliono dare alla squadra , cosa che nè Mazzarri , nè Miha hanno saputo fare.Prendiamo ad esempio l’Atalanta o la Samp ; non hanno chissà quali campioni , sicuramente non superiori ai nostri, ma giocano da squadra vera , con degli schemi , mentre i nostri vanno a spasso per il campo sperando che qualcosa succeda….. e che non succede quasi mai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Athletic - 9 mesi fa

    Niang è l’emblema della campagna acquisti, che a dispetto dei pronostici, si è rivelata un fallimento totale. Adesso abbiamo una squadra da ricostruire, mancano 5 o 6 giocatori, anche di più se qualcuno dei pochi buoni se ne andrà. Le colpe adesso se le prende tutte Cairo, ed è giusto perchè la responsabilità dei fallimenti è sempre di chi comanda, ma io resto convinto che Miha è stato una autentica sciagura. E non tanto per i risultati sportivi o per gli obiettivi non centrati, quanto per gli acquisti insensati che ha richiesto. Ed è stato da folli accontentarlo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Daniele abbiamo perso l'anima - 9 mesi fa

    Pensavo si fosse ripreso, invece.
    Niang
    Baselli
    Valdifiori
    Acquah
    De Silvestri
    Rincon
    Molinaro (solo in panchina )
    Tutta gente da mandare via il prossimo anno.
    E Belotti che faccia il capitano o lasci pure lui.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. SiculoGranataSempre - 9 mesi fa

      No dai Baselli in panchina l’anno prossimo ci può stare. E se Ansaldi non fa vedere la differenza, via anche lui altrimenti sta in panchina. FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy