Nkoulou, Falque, Sirigu: testimonianze di un Toro che è più di una passerella

Nkoulou, Falque, Sirigu: testimonianze di un Toro che è più di una passerella

Focus on / A Torino per restare e passare gli anni della maturità calcistica: ora centrare l’Europa è importante

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Qualcosa è cambiato, qualcosa cambierà: c’era una volta il tempo di Cerci, Immobile, D’Ambrosio e Maksimovic. Giocatori lanciati dal Torino, che sono transitati e si sono consacrati nella massima serie con la maglia granata prima di approdare in club più blasonati. Come dimenticare il pressing di Maksimovic per la cessione al Napoli o il mancato rinnovo di D’Ambrosio per trasferirsi all’Inter o ancora peggio il salto di Alessio Cerci nel “grande calcio”. Attualmente, il Torino si è guadagnato un altro status e anche i giocatori guardano il club da un’altra prospettiva: non più una semplice passerella, ma una squadra in cui crescere per rimanere.

QUALCOSA È CAMBIATO – Basta guardare nel Toro attuale e anche alle ultime sessioni del calciomercato, a giocatori che sono arrivati come Nkoulou, Falque, Sirigu e Rincon e alle conferme come Baselli e Belotti. Con il tempo il Torino sta diventando (o meglio tornando) una società in cui trascorrere la maturità calcistica, perché i calciatori si trovano bene e la squadra vuole strutturarsi nelle zone che contano: lo dimostrano i rifiuti a Valencia e Tottenham in estate per Falque, lo dimostrano le resistenze alle sirene per Nkoulou, Sirigu, Baselli e Belotti.

QUALCOSA CAMBIERÀ – Quest’estate il Torino ha mantenuto la propria ossatura, aggiungendo pezzi importanti e rinnovando un gruppo che può dare ancora moltissimo. Il prossimo passo da fare per crescere sotto tutti i punti di vista, è quello di centrare l’Europa. Anche a livello personale, giocatori di questo calibro devono e vogliono calpestare i palcoscenici internazionali e sono rimasti perché sanno di poterlo fare in granata. Il processo di crescita della società e della rosa, la conferma di un gruppo importante: questi sono tutti gli aspetti che passano dalla conquista dell’Europa.

21 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Katia Sereni - 1 mese fa

    Al momento sto investendo con la società di investimenti Amicus Invest e mi sto trovando molto bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Vanni - 2 mesi fa

    Mah. Non possiamo prendere gente come Perotti e Pereyra per gli stipendi troppo alti. Dov’è la crescita della società? Stiamo parlando di 2 milioni non di 4-5 come in molte società. E non mi riferisco ai gobbi li 4 o 5 sono il minimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. GREZZO - 2 mesi fa

    Articolo sfacciatamente filo – governativo…L invito è quello di essere un po’ più lucidi ed obiettivi in sede di analisi: come si fa a scrivere simili fesserie? Sono anni che il sig. Cairo avrebbe la possibilità di rinforzare DAVVERO la rosa per quell auspicato salto di qualità ( l Europa League, mica la Champions…) eppure siamo sempre li, incompiuti, ma in quella posizione di classifica funzionale all unico vero obiettivo: la plusvalenza. Arrivare noni/ decimi é quello che serve: se vai su ricavi degli introiti dalla qualificazione che devi re investire e non puoi legittimare a questo punto le cessioni. Se vai troppo giù in classifica i tuoi giocatori buoni si svalutano troppo e non fai cassa… e allora un bel dignitoso ottavo/ nono/ decimo posto e tutti lì a dirci che ci riproviamo l anno prossimo, che questo anno è andata così per colpa del mister, per colpa degli arbitri, per colpa del sistema ecc…quando l unico vero responsabile è LUI, e il suo lacchè Petrachi…
    Cmq…forza Toro sempre ( e non forza Torino fc).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. GlennGould - 2 mesi fa

      Profilo: non andare allo stadio, non fare l’abbonamento, contestare il più possibile poi però, al fondo, scrivere forza toro.
      Risultato: media spettatori da retrocessione, numero abbonati da retrocessione, pretese Europee.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 2 mesi fa

        Guarda che dovrebbe essere il presidente a dover dimostrare, soprattutto dopo 13anni, di tenere al Toro e all obiettivo minimo della Europa, visto che aveva dichiarato quando ha rilevato per zero euro la società di portarci in alto come meritavamo di stare. Mi pare che dopo 13 anni di nulla la gente possa essersi un po’ disamorata… O no?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ddavide69 - 2 mesi fa

          Ohh perché non è vero??? 19 piciu

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Vanni - 2 mesi fa

        Si certo il business ora è con gli spettatori. Allora alla gobba sono idioti ad aver fatto uno stadio da 40000 invece di 100000. Già.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. GranataForce - 2 mesi fa

          La differenza sta nell’aveee 100000 seggiolini in affito o 40000 di proprietà, la differenza non è chi e quanti si siedono sui seggiolini

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. gianTORO - 2 mesi fa

      …mi spiace dovertelo dire ma sembrerebbe che il tuo in nick vada oltre il mero soprannome diventando aggettivo direttamente proporzionale ai tuoi argomenti…
      è vero che la passione è ormai una delle poche cose che ci rimangono in questa società però proprio per questo bisogna dosarla, non lasciarla perdere ma solo circoscriverla nella sua accezione emotiva del termine, per goderne a pieno senza troppe aspettative.
      tutti vorremmo una squadra da champions…ma il fatto è che non ci arriveremo mai e faremo fatica (leggi non ci faranno arrivare) ad arrivare anche all’europa league. ce ne sono 6 prima di noi sponsorizzate e ben infiltrate nel tessuto corrotto della federazione e siccome pecunia non olet arriveranno sempre prima di noi perchè coppe significano soldi per le società…non traguardi sportivi. gli unici sportivi ormai siamo solo più noi tifosi passionali…e non in tutti i casi.
      FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. RDS - 2 mesi fa

        No ci faranno arrivare mai? L’Atalanta è due anni che ci va, il.Sassuolo ci è andato due anni fa, noi anni fa…fai una squadra all’altezza poi vediamo se non ci vai.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ddavide69 - 2 mesi fa

          Infatti

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. anpav - 2 mesi fa

      Grezzo, mi permetto di dire che non sei proprio sul pezzo. Gli investimenti sono stati fatti, comopresi i 2 milioni di ingaggio per un mister, che denotano interesse a salire, crescere. Non ricerca della sola sopravvivenza. Che poi alcuni investimenti, non abbiano fruttato, questo è un altro discorso. Ma parliamo allora di errore, non di deliberata strategia al ribasso. o alal conservazione, come dici Tu.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 2 mesi fa

        Quali investimenti? Per me investire significa metterci del proprio, come quando fai un mutuo. Per ora Cairo ha messo i soldi derivati dagli incassi e dalle tv, non certo soldi propri.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. GranataForce - 2 mesi fa

    Un Amico mi diceva …fammi indovino che ti farò ricco!
    Siamo tutti fenomeni “Oggi” a dire che Soriano e una Pippa e Aina Didji Izzo ecc. sono acquisti azzeccati.
    Trovo che l’incoerenza regni sovrana, sia tra le fila dei lettori che tra gli editorialisti
    Io pensavo che Zaza e Soriano fossero due bei colpi, degli altri poco sapevo se non su Izzo. Ora mi devo ricredere, ma fare il Guru del Mercato o del Giornalismo…, questo no.
    Leggo tanti articoli inutili, e contraddittori, ma anche commenti che spesso mi chiedo, ma veramente questi sono tifosi del Toro?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. alrom4_81 - 2 mesi fa

    Chissà su quale nuvoletta vive l’articolista Luciani : scrivere che” quest’estate il Torino ha mantenuto l’ossatura aggiungendo pezzi importanti ” mi pare che superi anche i sogni dei pi’ ottimisti. Dei 2 pezzi importanti uno è già stato spedito a fare miracoli altrove e con l’altro siamo ancora nel campo delle speranze . Sono pensionato con molto tempo libero , assumetemi come articolista che probabilmente sono più informato di alcuni attuali .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabio.operto@libero.it - 2 mesi fa

      Izzo. Meite. Aina. Djidji.
      Direi proprio di sì…il Toro quest’estate ha aggiunto pezzi importanti.
      Poi, che Soriano si sia rivelato una delusione, non è in dubbio.
      Su Zaza, preferisco sospendere il giudizio…credo possa trasformare le critiche (alcune giuste, altre esagerate) in applausi da qui alla fine della stagione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. anpav - 2 mesi fa

      Non sono d’accordo con te alrom. Gli inserimenti sono stati fatti e sono risultati pesanti. Izzo, Djidji, Meite sono 3/11 nuovi di zecca, che stanno portando un apporto importantissimo. Ola Aina gioca spesso e quindi anche lui”dà credito” al giornalista.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. alrom4_565 - 2 mesi fa

        Caro anpav Izzo era già più rodato per noi ma Djidji Meite ed Aina rappresentavano le solite scommesse del duo Gatto&Volpe che ogni anni tentano toccando ferro. Che poi si stiano rivelando scommesse riuscite buon per loro e per noi ma sempre scommesse erano. I due pezzi ad 90 ( Cairo dixit ) che ci avrebbero fatto fare il salto di qualità erano Zaza e Soriano cioè un buco e mezzo. Stop.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ALESSANDRO 69 - 2 mesi fa

          Zaza e Soriano sulla carta erano due buoni acquisti, che poi si siano rivelati tutt’altro è altra storia ma non puoi dare la colpa alla società. La storia del calcio è zeppa di questo genere di episodi mercatari. Quanti giocatori sono arrivati in Italia con la fama di fenomeni per poi rivelarsi dei fallimenti ???? E tute le società sono cadute in queste trappole perchè in sede di mercato nessuno è esente da questi rischi. Critichiamo pure questa società ,gli elementi non mancano , ma non sparando a casaccio…..

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. okami - 2 mesi fa

      forse la lista della spesa per il supermercato , quella la potresti scrivere

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. alrom4_251 - 2 mesi fa

        La lista della spesa la faccio quasi ogni giorno senza inserirci minchiate , ci puoi giurare. Quanto agli innesti importanti garantiti da Cairo ( come ho già ricordato all’ amico anpav più sopra ) dovevano essere Zaza e Soriano e non quegli altri che stanno andando bene . Forse non te ne sei accorto (e con te l’articolista ) ma Soriano e Zaza sono una sola e mezza .

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy