Non solo CR7: a Torino si aspetta il primo gol di… De Silvestri

Non solo CR7: a Torino si aspetta il primo gol di… De Silvestri

Focus On / Il laterale a Udine andrà a caccia del primo gol in campionato dopo i sette della scorsa stagione

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Tra i leader del Torino targato 2018/19 si annovera sicuramente Lorenzo De Silvestri. L’esterno – che ha compiuto 30 anni lo scorso 23 maggio – è sicuramente un trascinatore in campo, ma anche molto carismatico all’interno dello spogliatoio: diversi sono i video che compaiono sui social dei granata con l’ex Sampdoria che appare, spesso e volentieri, davvero scatenato. Tornando ai temi di campo, si tratta di un elemento fondamentale in questo Torino su cui Walter Mazzarri ha puntato molto sin da subito e adesso –  lo ha confermato in più occasioni il tecnico – lo considera un esempio per la squadra, uno di quei giocatori da cui possono imparare i più giovani.

RIVALUTAZIONE – Serio professionista, che ha patito l’ambientamento al Torino – a causa del trascinarsi dei gravi problemi fisici che aveva avuto nell’ultimo periodo di permanenza alla Sampdoria – non si è scoraggiato ma con la forza di volontà ha saputo rimettersi in sesto e, nonostante sia arrivato per volontà di Sinisa Mihajlovic, è con l’arrivo di Mazzarri che si è fatto rivalutare dal pubblico granata: diventando uno dei giocatori più ben voluti. L’allenatore toscano gli ha trovato la collocazione giusta in campo, con Miha il classe 1988 soffriva il fatto di dover fare entrambe le fasi – offensiva e difensiva – adesso, invece, essendo coperto da tre centrali difensivi, riesce ad esprimersi al meglio; anche grazie ad una forma fisica ottimale, ritrovata dopo duro lavoro. Non a caso di lui si è parlato nei giorni scorsi in tema Nazionale: Moretti lo ha sponsorizzato pubblicamente, lui effettivamente spera di rientrare nel giro azzurro.

MARATONETA – I numeri lo confermano, De Silvestri e tra i tre granata che ha percorso più km nell’avvio di campionato – davanti a Iago Falque (10.305 km) e Andrea Belotti (10.184 km) – meglio di lui hanno fatto solo Tomas Rincon (10.836 km) e Soualiho Meïté (11.205 km). 10 372 km in 216′ è ciò che ha totalizzato dell’esterno e, se si effettua il rapporto tra chilometri percorsi e minuti giocati, il suo dato è anche più alto rispetto ai due centrocampisti. Il giocatore è davvero in forma, adesso gli manca il gol. L’anno scorso si è rimbalzato alle cronache come difensore -goleador: mettendo a segno ben 7 marcature. Se negli ultimi giorni il tema dominante del campionato su molti media è l’attesa per il primo gol di Cristiano Ronaldo, a Torino c’è chi aspetta il primo gol stagionale di… De Silvestri. Al di là dell’evidente provocazione, il laterale non ha certo smesso di lavorare molto sugli inserimenti e sulle palle inattive in attacco, come dimostrano i due gol nelle amichevoli precampionato: e chissà che alla Dacia Arena il gol non possa veramente tornare.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. parodifran_63 - 2 mesi fa

    Giocatore esploso con l’arrivo di Mazzarri, che gli ha permesso di rispondere alle critiche dei tifosi trovandogli il ruolo ideale.
    Se sta bene fisicamente può essere una grande arma con la sua corsa e fisicità

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. cervix - 2 mesi fa

    Professionista serio. Manca ancora nella fase difensiva (primo goal subito con l’Inter) e essere più incisivo nei cross. Ottimo nelle finalizzazione e nei colpi di testa da palle inattive. Speriamo segno con l’Udinese.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy