Non solo Immobile: anche Maksimovic ha cambiato il volto di questo Torino

Non solo Immobile: anche Maksimovic ha cambiato il volto di questo Torino

Focus on / Al di là delle sirene di mercato, il centrale serbo sta cercando riportarsi sui livelli dello scorso anno, garantendo qualità dietro

4 commenti

Era già stato detto e ripetuto, da Cairo e da Ventura, che il vero rinforzo del mercato invernale del Torino sarebbero stati i ritorni in gruppo di Avelar e Maksimovic. Con l’arrivo a Caselle di Immobile le loro parole sono state – felicemente – smentite, ma il ritorno del figliol prodigo rischia di metter in ombra due rientri fondamentali; se quello dell’esterno brasiliano si è compiuto fino a metà, il serbo si è riappropriato immediatamente della sua casella a destra nella difesa a tre venturiana, cercando di trasmettere di nuovo sicurezza e qualità dietro.

Sia chiaro: Bovo, come sostituto, si è comportato benissimo, dando esperienza e affidabilità al reparto e aiutando anche i compagni con due gol belli e pesanti: il primo alla Juevntus nel derby d’andata, il secondo a Bergamo, per il match-winner contro l’Atalanta. Tuttavia, è indubbio che un Maksimovic nuovamente sano può diventare un fattore decisivo per il tentativo di risalita del Torino verso le zone più alte della classifica. La differenza sta soprattutto nel modo di impostare l’azione. La gestione della palla del serbo, spesso additata come spregiudicata, è un elemento decisivo per donare imprevedibilità alla manovra venturiana. Quando l’esterno di competenza (Peres o Zappacosta) è marcato, invece di tornare da Glik, l’ex Stella Rossa ha piedi e coraggio per fintare sull’avversario e smarcarsi verso il centrocampo, trovandosi davanti spazio e tempo per pensare alla prossima mossa.

ripresa
Maksimovic impegnato contro l’Empoli

Così facendo, la manovra granata si velocizza e si alleggerisce. Certo, i rischi sono maggiori, ma l’unica altra soluzione al pressing alto delle punte è il lancio lungo, che coincide, spesso e volentieri, con una palla persa. Dopo aver saltato il primo uomo, invece, Maksimovic si trova a poter scegliere tra varie soluzione, come l’imbeccata alle mezzali o, perché no, anche un ripiegamento su Glik. Senza il rammarico, però, di non averci provato. E se la società e il giocatore riusciranno a resistere alle omeriche sirene del mercato, ecco che, passate le acque turbolente di gennaio, la strada verso Itaca potrebbe farsi decisamente più agevole.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. bertu62 - 12 mesi fa

    Condivido i pensieri di tutti: recuperare gli infortunati dando allo stesso tempo modo e tempo ai giovani di mettere Km nelle gambe e ore di gioco/schemi nel cervello….La parte alta della classifica non ci sfuggirà in un campionato così corto……!!! FVCG!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Papa Urbano I - 12 mesi fa

    …sarà un caso che prima di farsi male il TORO era secondo in classifica ? …e da quando è tornato 4 punti in 2 gare ? …non penso…ed è ancora al 60%…ancora 2 o 3 partite e vedremo il vero Maksi…20mln li vale tutti…e forse anche 25-30…altro giocatore da champions tirato fuori dal nulla da CAIRO-PETRACHI-VENTURA…di difensori di 191cm coi suoi piedi e personalità ce ne sono veramente pochi in giro…allungargli il contratto al 2019 è stata veramente tanta roba…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Cecio - 12 mesi fa

    Fondamentale per noi, il suo rientro ha coinciso con 1 vittoria ed un pareggio…sarà un caso?
    Certo è arrivato anche Ciro, ma per conto mio è Maksi che ha spostato l’ago della bilancia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Seagull'59 - 12 mesi fa

    Maksimovic e’ il miglior talento che il Toro ha la fortuna di aver scoperto: personalità, tocco di palla, colpo di testa, marcatura, potrebbe quasi fare il centrocampista… Non è ancora al top fisicamente, e lo si vede nel secondo tempo, ma il suo rientro ha dato immediata sicurezza anche alla difesa (perché in campo si fa sentire) e anche Glik e’ infatti più tranquillo.
    Di centrali che fanno assist ce n’è ben pochi in Europa e, quando sarà al 100%, farà ancora di più la differenza. Peccato che lo perderemo (spero però a giugno 2017) ma si merita indubbiamente la Premier League e non la seria a italica…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy