Ogbonna, e se il Toro l’avesse venduto in estate?

Ogbonna, e se il Toro l’avesse venduto in estate?

Suggestione blasfema o affare economicamente vantaggioso? C’è chi sussurra, guardando le prestazioni e gli infortuni di Angelo Ogbonna, che sarebbe stato meglio vendere il centrale granata in estate e monetizzare.
 
Suggestione blasfema o affare economicamente vantaggioso? C’è chi sussurra, guardando le prestazioni e gli infortuni di Angelo Ogbonna, che sarebbe stato meglio vendere il centrale granata in estate e monetizzare.
 
A POSTERIORI – Tutti generali dopo la guerra (o battaglia se preferite), dice il proverbio. Forse oggi l’idea di vendere Ogbonna nel mercato estivo sembra un affare sfumato ma difficilmente si poteva preventivare la sua lunga assenza e altrettanto le prestazioni di alto livello di Rodriguez. Quest’ultimo era sin dall’inizio una garanzia per il curriculum vantato ma veniva pur sempre dal Cesena, squadra con la difesa più battuta dello scorso campionato. In più, Ventura aveva caldamente consigliato al ventiquattrenne di Cassino di rimanere al Toro per tutelare il suo futuro.
 
NON BRUCIARSI – Affrontare i palcoscenici della A in una piazza amica è sicuramente un vantaggio. Ogbonna ha indubbie qualità ma, come si è visto in alcune partite, deve migliorare dal punto di vista mentale, della concentrazione. Quest’anno poteva e può ancora essere l’anno della consacrazione per il centrale granata ma l’infortunio di Parma complica le cose (domani un’altra ecografia stabilirà i tempi di recupero ma si teme uno stop medio lungo). E le complica su tre fronti: il Torino sarà privo del suo centrale di maggior qualità per le prossime difficili sfide; il giocatore non avrà la possibilità di ritrovare il giusto equilibrio e il suo valore di mercato soffrirà di questa prolungata mancanza dal palcoscenico calcistico (Cairo chiederà e potrà ancora chiedere dodici milioni?).
 
CON I SE E CON I MA – Se è vero che con i se e con i ma non si fa la storia, guardando indietro la suggestione di chiedersi come sarebbe stato il Toro senza Ogbonna e con una cassa più consistente c’è. Magari Cairo avrebbe comprato qualche rinforzo e i granata avrebbero potuto contare su una rosa più consistente a questo punto del campionato. Ma si parla di fantamercato. Domenica c’è la Lazio, il Toro e i tifosi ripartiranno da lì. 
 
 
Redazione TN
(Foto Dreosti)
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy