Pagelle Torino-Catania

Pagelle Torino-Catania

Taibi 6: Sorpreso sul gol, un pallone che taglia tutta l’area e s’infila sul secondo palo. Attento nelle uscite e inoperoso tra i pali, il Catania non lo impegna mai severamente.

Martinelli 6,5: si preoccupa di coprire Fantini con diligenza, concede poco. Deve uscire perchè toccato duro alla caviglia, sfortunato. (Brevi 6: entra in un momento caldo e si posiziona nell’inedito ruolo…

Taibi 6: Sorpreso sul gol, un pallone che taglia tutta l’area e s’infila sul secondo palo. Attento nelle uscite e inoperoso tra i pali, il Catania non lo impegna mai severamente.

Martinelli 6,5: si preoccupa di coprire Fantini con diligenza, concede poco. Deve uscire perchè toccato duro alla caviglia, sfortunato. (Brevi 6: entra in un momento caldo e si posiziona nell’inedito ruolo di esterno destro cavandosela senza affanni)

Melara 6,5: sempre più a suo agio nella difesa a quattro. Concentrato, quasi mai falloso, ha riconquistato la fiducia del tecnico.

Orfei 6,5 : è la prova che il lavoro paga. Sacrificio e umiltà le sue doti, ora appare anche sicuro.

Balestri 6,5: Iaio spinge come ai bei tempi, sta ritrovando brillantezza. La grinta, quella, non gli è mai mancata. Strepitoso nell’azione che avvia il gol di Abbruscato.

Fantini 6: nel primo tempo inizia bene poi si eclissa. Più determinato nel secondo, comunque generoso.Ammonito, era diffidato, niente Modena. (Rosina 7,5: l’arma vincente di De Biasi. Realizza la profezia di Cairo, entra e segna: freddo sul rigore che all’ultimo respiro vuole tirare lui, benchè Gallo sia il designato. Si assume tutta la responsabilità e regala, al Toro la vittoria, a se stesso il decimo gol in campionato)

Gallo 7: Cresce di partita in partita. Verticalizza appena può, ordinato e preciso sbaglia di meno. E i compagni gli affidano volentieri le chiavi della manovra.

Ardito 7 : Ma quanto corre? E’ ovunque, "morde" gli avversari, sradica palloni, aiuta i compagni. Colonna di questo Toro.

Ferrarese 7: Pericolo costante, salta l’uomo con facilità, va sul fondo e crossa. A sinistra con Balestri forma un tandem sempre più affiatato.

Muzzi 6,5: si tiene "alla larga" da Abbruscato, tra la metacampo e l’area avversaria. Seguendo i dettami debiasiani appoggia alle spalle il compagno di reparto. Solito combattente, l’istinto del gol lo porta due volte a sfiorarlo con deviazioni aeree. Esce stremato. (Stellone 6: pochi minuti ma decisivi, con l’assist ad Abbruscato nell’azione che porta al rigore)

Abbruscato 8: un gol fantastico, di prepotenza e astuzia nello stesso tempo. Tanto movimento, sponde, falli conquistati: determinante quello in area siciliana al novantesimo. La sua miglior prestazione da quando veste la casacca granata.

De Biasi 8: Ha ragione lui, di nuovo. A Cesena,la scelta di Vryzas al posto di Rosina aveva generato perplessità diffuse. Con il Catania fa ripartire l’azzurrino dalla panchina e lo mette – come annunciato – nell’ultima parte del match, risolvendo la contesa. Gli gira anche bene, ma se lo merita.

Arbitro. Paparesta della sez. di Bari 5: troppi episodi dubbi a sfavore del Torino. Il rigore finale era netto. Partita non cattiva che rischiava di diventare nervosa a causa di una conduzione un pò superficiale.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy