Palermo, parla Iachini: “Con il Toro saranno importanti le motivazioni e la tattica”

Palermo, parla Iachini: “Con il Toro saranno importanti le motivazioni e la tattica”

Verso Palermo – Torino, il tecnico dei rosanero: “Contro i granata dovremo essere più cinici”

Alla vigilia di Palermo – Torino, in programma domani al Barbera alle 20:45, ha parlato il tecnico rosanero Giuseppe Iachini: “Contro il Torino, rispetto alla partita di Parma, dovremo essere più bravi a sfruttare le occasioni, perché al Tardini quelle tre palle sprecate davanti al portiere avrebbero potuto cambiare anche l’atteggiamento degli avversari, che potevano salire di più. Non è stata una domenica felice e c’è grande rammarico, perché ci avrebbe fatto piacere vincere. Adesso aspettiamo un Torino con motivazioni importanti dopo la vittoria nel derby. Noi dobbiamo fare la partita giusta sotto l’aspetto delle motivazioni e della tattica”.

Il mister ha poi parlato degli ex Darmian e Glik: “Non so cosa sia successo in passato per il loro addio. Oggi sono diventati due giocatori importanti del Torino e lo stanno meritando. Giocheranno per la loro squadra, com’è giusto che sia. Merito loro se si sono imposti in Serie A, cosa che non era affatto scontata”.

Sugli obiettivi stagionali della sua squadra afferma: “Vogliamo arrivare ottavi, in modo tale da avere qualche settimana in più di riposo quest’estate con la Coppa Italia”.

Sulla formazione anti – Toro spiega: “Non so ancora chi giocherà in porta, però in futuro mi piacerebbe dare qualche chance in più a Ujkani, per premiare la sua crescita e la sua grande professionalità nel lavoro. Valuteremo le condizioni di Andelkovic ma non sta benissimo, e al suo posto in difesa potrebbe giocare Terzi. Rigoni a Parma non ha giocato per motivi di rotazione mentre Makienok non è stato convocato perché ha accusato qualche problema durante l’allenamento di ieri”.

Iachini elogia poi il Torino e il suo allenatore: “Ventura è un ottimo tecnico, ogni anno gli è stato inserito il pezzo giusto al posto giusto, nonostante la partenza di giocatori importanti. E’ un mix di giocatori di esperienza e giovani di qualità, una squadra che gioca a memoria, contro cui il Palermo dovrà fare la partita perfetta. I granata hanno elementi che possono trovare la giocata giusta in qualunque momento. Il loro progetto può essere un esempio per noi e uno stimolo per fare lo stesso percorso. Quest’anno abbiamo avuto anche tanta sfortuna: con qualche palo o traversa in meno avremmo potuto dire la nostra anche per l’Europa League”.

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy