Palermo-Torino: all’andata il 2-2 che segnò l’inizio della rinascita

Palermo-Torino: all’andata il 2-2 che segnò l’inizio della rinascita

Verso Palermo-Torino/ Ad inizio dicembre il pari della svolta proprio contro i rosanero

Commenta per primo!

Era il 6 dicembre 2014 e dopo tre sconfitte consecutive il Torino riusciva a prendere finalmente una boccata di ossigeno pareggiando in casa 2-2 contro il Palermo di Dybala, in quel momento una delle migliori squadre del campionato, reduce da cinque risultati utili consecutivi.

GOL E SPETTACOLO – La partita è spettacolare: per parte rosanero vive delle invenzioni proprio di Dybala che dopo 16′ sforna un grande assist e mette Rigoni in condizione di segnare: 1-0 per i siciliani. I granata però non si abbattono e dopo aver sfiorato il pari con Quagliarella lo trovano con Josef Martinez, che realizza il suo primo gol in Serie A alla sua seconda partita giocata da titolare. Durante il corso della partita il Toro lancia segnali di ripresa, confermando quando di buono fatto vedere nel derby, dopo la sconcertante sconfitta con il Sassuolo. El Kaddouri sfiora anche il vantaggio, ma è  ancora Dybala alla fine del primo tempo a punire i granata. Nella ripresa però dopo una grande chance capitata sui piedi di Martienz e un’altra su quelli di Quagliarella è Kamil Glik a segnare di testa su azione d’angolo il gol del pareggio, il secondo di quella che nella seconda parte della stagione diventerà per lui una lunga serie di gol in campionato.

L’INIZIO DELLA RISALITA – Il pareggio alla fine della sfida viene visto come un piccolo tampone messo alla ferita dei tre ko consecutivi. Nessuno sospetta che quel 2-2 sarà l’inizio di una lunga cavalcata di 12 risultati utili consecutivi e che da quella partita fino alla sfida di ritorno i granata conquisteranno qualcosa come 34 punti in 18 partite, venendo sconfitti solo due volte. Un capovolgimento incredibile, tutto merito di mister Ventura e dei suoi ragazzi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy