Parigini e gli intrecci del destino: possibile esordio in Benevento-Torino

Parigini e gli intrecci del destino: possibile esordio in Benevento-Torino

Focus on / L’esterno, inseguita per anni la permanenza in granata, per la prima volta potrebbe non fare rientro alla base: e domenica pomeriggio…

3 commenti

Talvolta, il destino è beffardo e le sue strade si incrociano in modo davvero inaspettato: e proprio il destino sembra aver telecomandato il percorso di Vittorio Parigini, uno dei prodotti del settore giovanile granata di più puro ed autentico talento sfornato nel corso degli ultimi anni, che tuttavia non è ancora riuscito a trovare la propria definitiva consacrazione e – probabilmente – maturazione. Dopo quattro stagioni in prestito secco lontano dall’ombra della Mole, nella scorsa sessione estiva è arrivata la svolta inaspettata ma, dal punto di vista degli interessi del giocatore, ragionevole: Parigini è stato ceduto al Benevento, là dove possa avere l’occasione di esplodere in Serie A, con la formula del prestito ma con diritto di riscatto e che, in caso di salvezza dei sanniti, si trasformerebbe addirittura in obbligo.

Si tratta dunque della prima volta in cui il Torino potrebbe davvero perdere completamente il controllo del giocatore, nel corso degli anni più volte richiesto da altri club di livello nel massimo campionato italiano. Pochi giorni fa abbiamo intervistato proprio il procuratore dell’esterno, Paolo Paloni, che in merito ha spiegato: “Solo il futuro ci potrà dire chi aveva avuto ragione. Per fare crescere i giocatori bisogna metterli nelle condizioni ideali. Sarebbe stato il quinto prestito consecutivo che non sarebbe servito a nessuno. Dopo quattro stagioni cercavamo, come comprensibile, un club che credesse nelle qualità del ragazzo e ci puntasse decisamente. L’abbiamo trovato nel Benevento, che ha fatto un sacrificio economico importante” (qui l’intervista completa ai nostri microfoni) Il talento granata è attualmente impegnato con l’Under 21, ma al rientro svolgerà dunque i  primi allenamenti con i nuovi compagni in Campania.

E proprio a questo punto si possono notare le trame del destino: dopo anni trascorsi ad inseguire il sogno di una permanenza nella rosa granata, Parigini potrebbe esordire con la maglia del Benevento – quella che potrebbe appunto diventare la sua nuova casacca per le prossime stagioni – proprio domenica pomeriggio, contro il Torino. Una incredibile coincidenza, che metterebbe il ragazzo di fronte ad un marcato punto di svolta tra passato e futuro. “Certamente sarà una partita” ancora Paloni “che sentirà davvero tanto dal punto di vista emozionale. Se segnasse? Non so se esulterebbe o meno bisogna chiedere a lui…” Nel frattempo, le possibilità di un esordio nella nuova realtà proprio contro la squadra del suo cuore sono elevate. Vittorio Parigini ed il Torino: una storia condita dalle fitte trame del destino.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. abatta68 - 3 settimane fa

    Ma che esulti pure, ci mancherebbe! io spero che questo ragazzo diventi un professionista vero e questa potrebbe essere la sua occasione, glielo auguro.
    Dopodichè i giovani, anche del nostro vivaio, non si possono aspettare in eterno… siamo il Toro, non il Benevento, dobbiamo ambire a vedere competizione tra giocatori di un certo livello ai quali, al momento, il buon Parigini non si avvicina ancora…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 3 settimane fa

      vedo che molti non sono d’accordo con me… evidentemente pensano che Parigini sia molto più forte di Njang o Iago Falque, o che un anno seduto in panchina ad osservare come questi giocano possa servire a consacrarlo al grande calcio.
      Il Benevento (squadra di serie A, non dimentichiamolo, esattamente come il Crotone dello scorso anno) gli dà questa grande opportunità… se sarà in grado di essere protagonista e di contribuire a suon di goal e assist alla salvezza del Benevento, sarà l’inizio della sua fortuna… cosa che gli auguro davvero!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Gatto012 - 3 settimane fa

    Se segnasse??? Esulterebbe??? Ma chi???? Parigini????

    No dai se ci dobbiamo preoccupare pure di Vittorio Parigini siamo a posto

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy