Parma, 4 clean sheet in 11 gare: Bruno Alves guida una difesa fisica e solida

Parma, 4 clean sheet in 11 gare: Bruno Alves guida una difesa fisica e solida

Focus on / La difesa crociata ha subito 14 goal ma è riuscita a mantenere la porta inviolata per 4 volte

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Quando il Parma ha inserito Bruno Alves tra gli obiettivi di mercato cercava un profilo carismatico e di esperienza che potesse guidare la difesa. Fino ad ora è stato proprio così: l’esperto centrale portoghese, nonostante i 36 anni, è stato sempre presente e mai sostituito. Un vero e proprio veterano, che guida una difesa che ha subito 14 reti (una in più del Torino) e che è riuscita a tenere la rete inviolata in 4 occasioni su 11. Merito dei difensori ma anche di un buonissimo portiere come Luigi Sepe, in prestito dal Napoli, che è tornato in questa stagione a giocare con continuità.

PARMA, ITALY - SEPTEMBER 30: Luigi Sepe goalkeeper of Parma Calcio gestures during the Serie A match between Parma Calcio and Empoli at Stadio Ennio Tardini on September 30, 2018 in Parma, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)
PARMA, ITALY – SEPTEMBER 30: Luigi Sepe goalkeeper of Parma Calcio gestures during the Serie A match between Parma Calcio and Empoli at Stadio Ennio Tardini on September 30, 2018 in Parma, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

SINGOLI – Ottimo anche il rendimento di Riccardo Gagliolo, altra certezza sia nello scorso campionato di Serie B, che nella massima serie. Insieme a Bruno Alves, Gagliolo (28 anni, ex Carpi) ha formato una coppia inamovibile al centro della difesa, che fa della fisicità l’arma principale. Sulle fasce invece, Iacoponi è il titolare indiscusso sulla destra (con Gazzola in panchina) mentre a sinistra la maglia da titolare è contesa. Allo stato attuale il titolare è un altro giocatore di grande esperienza, Massimo Gobbi (38 anni). Poi c’è Federico Dimarco, giovane cresciuto nell’Inter, che proprio quando stava conquistando il posto, si è infortunato.

GENOA, ITALY - OCTOBER 07: Luca Siligardi of Parma (left) celebrates with his team-mates Massimo Gobbi, Riccardo Gagliolo and Bruno Alves after scoring a goal during the Serie A match between Genoa CFC and Parma Calcio at Stadio Luigi Ferraris on October 7, 2018 in Genoa, Italy. (Photo by Paolo Rattini/Getty Images)
GENOA, ITALY – OCTOBER 07: Luca Siligardi of Parma (left) celebrates with his team-mates Massimo Gobbi, Riccardo Gagliolo and Bruno Alves after scoring a goal during the Serie A match between Genoa CFC and Parma Calcio at Stadio Luigi Ferraris on October 7, 2018 in Genoa, Italy. (Photo by Paolo Rattini/Getty Images)

ORGANIZZAZIONE – Avendo in attacco giocatori veloci come Gervinho, Di Gaudio, Inglese e Siligardi, il Parma punta molto sull’organizzazione difensiva per poi ripartire velocemente ed innescare gli esterni. Ciò non è avvenuto contro il Frosinone, in cui la paura di perdere e l’inferiorità numerica hanno alterato la partita. Nonostante questo proprio l’ultima partita dei crociati ha dimostrato quanto il Parma, pur quando non disputa le proprie migliori partite, riesca a difendere la propria porta: caratteristica fondamentale per centrare una salvezza tranquilla. Belotti (soprattutto) e Falque avranno a che fare con una difesa fisica ed organizzata, a loro il compito di perforarla.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. dattero - 2 settimane fa

    Granata,tocco palle..scherzi a parte,dall’art sembre che sia il realparma..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13726000 - 2 settimane fa

    Piano,che poi ci facciamo male…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Granata - 2 settimane fa

    Loro hanno un assenza pesantissima a centrocampo, quel Leo Stulac , molto bravo nelle due fasi attacco/difesa. Autentico ispiratore della manovra. Non credo ad un cambio modulo per sopperire alla sua assenza. Credo venga adattato Rigoni e non Scozzarella visto il rientro dall’infortunio. Bisognerà fermare le loro ripartenze sul nascere, come fatto con la Samp( Saponara imbavagliato ) ed attendere le giocata davanti di Iago o Belotti che arriverà. Non sarà facile ma il Toro è maturo. 1 fisso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy