Parma-Torino: Donadoni e una linea difensiva dal modulo flessibile

Parma-Torino: Donadoni e una linea difensiva dal modulo flessibile

Verso Parma-Torino/ In attacco i problemi principali: la squadra fatica moltissimo a trovare la via del gol

Commenta per primo!

Nonostante il momento drammatico dal punto di vista societario, con l’ormai accertato fallimento del club, il Parma di Donadoni nelle ultime partite che ha giocato ha mostrato orgoglio, riuscendo a fermare sul pareggio Roma e Atalanta. Dal punto di vista tattico però non è facile inquadrare una squadra che ha già saltato due partite di campionato e che va avanti di domenica in domenica senza mai avere la certezza assoluta di giocare la partita successiva.

LINEA DIFENSIVA A 3 O A 4?- Di certo è che con tutti i giocatori che se ne sono andati via a gennaio anche da un punto di vista della formazione schierata in campo il Parma risulta una squadra qualitativamente inferiore rispetto al Torino. Tatticamente i ducali sembravano aver deciso nelle ultime partite di optare per una più linea difensiva a 4, composta da Gobbi e Santacroce larghi e Mendes e Lucarelli centrali. Questo scelta ha dato buoni frutti contro Roma e Atalanta, fermate sullo 0-0 nelle due ultime occasioni in cui il Parma è riuscito a conquistare dei punti. In realtà però contro il Torino non è escluso un ritorno alle origini: Doadoni infatti potrebbe scegliere di tornare alla linea a tre, rendendo il suo schema speculare a quello di Ventura.

IL RUOLO DI NOCERINO – Ma se la difesa del Parma ogni tanto offre qualche buona prestazione, i problemi più gravi sono in attacco: nelle ultime 8 partite giocate il Parma ha segnato solo 4 reti. Come schema  da febbraio in poi Donadoni ha scelto di puntare sulla punta unica Belfodil, che però non è mai riuscito dal solo a creare grossi pericoli alle difese avversarie. Nelle ultime uscite è stato inserito alle sue spalle Nocerino, o come ‘falso trequartista’ in un 4-4-1-1 come successo contro Atalanta e Roma oppure come apice di un centrocampo di fatto a 5, come nel 4-2-3-1 utilizzato contro il Sassuolo. Questa sera però Donadoni potrebbe tornare a proporre un attacco a due, con Coda aggiunto a Belfodil, o a tre se invece preferisse mantenere la linea difensiva a 4. In questo caso agirevve in attacco anche Varlea con Nocerino che tornerebbe in mediana insieme a Galloppa e Lila.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy