‘Pensiamo a noi stessi’

‘Pensiamo a noi stessi’

dal nostro inviato a Lecce  Carlo Quaranta

Al termine della sfida-salvezza del Via del Mare, ai nostri microfoni il Presidente Cairo è apparso piuttosto sollevato per un pari insperato dopo i primi 45’ ed ha toccato diversi temi.

 

Presidente, avrebbe scommesso su una rimonta del…

dal nostro inviato a Lecce  Carlo Quaranta

Al termine della sfida-salvezza del Via del Mare, ai nostri microfoni il Presidente Cairo è apparso piuttosto sollevato per un pari insperato dopo i primi 45’ ed ha toccato diversi temi.

 

Presidente, avrebbe scommesso su una rimonta del Torino nell’intervallo?

Beh, il calcio ci ha abituato a tante cose inaspettate. Certamente essere andati sotto di due gol, subendo per di più il raddoppio in chiusura di primo tempo, ed aver reagito in quel modo ad inizio della ripresa è un fatto molto positivo. Subire poi il terzo gol e rimontare nuovamente lo è stato ancora di più. Per cui siamo soddisfatti del risultato in casa di una diretta concorrente”.

Buona la reazione però i primi minuti hanno visto in campo un Toro dimesso con una difesa abbastanza incerta.

Dobbiamo fare tesoro degli errori fatti poiché evidentemente tre gol subiti sono troppi però la reazione, il carattere, la voglia dimostrata nel secondo tempo è ciò su cui costruire”.

Ed anche in chiave mercato stanno arrivando dei rinforzi importanti sui quali poter costruire?

Diciamo che stiamo lavorando su questo: Foschi è con noi soltanto da sette giorni, sta lavorando su una serie di cose e credo che certamente in settimana qualche notizia la avremo”.

Tre gol realizzati ma gli attaccanti non sono andati a segno. Lei come giudica la prova del reparto avanzato?

Ho visto delle buone cose, anche nel primo tempo, con un bel colpo di testa, Bianchi è andato molto vicino al gol ed è stato bravo Benussi a salvare la propria porta. Ma tutta la squadra ha fatto bene, in fondo nei primi 45’ il Lecce ha capitalizzato al massimo le uniche due palle gol avute”.

I numeri dicono che il Torino in trasferta ha fatto solo tre punti contro le dirette concorrenti Chievo, Reggina e Lecce. E’ questa allora la reale forza del Torino?

Io dico di no. Innanzitutto bisogna tener conto che abbiamo giocato giovedì a Roma. E secondo me la forza del Toro è maggiore di quanto non dicano i risultati, questo è senz’altro un punto che fa morale e classifica e faremo di tutto affinché la forza diventi ancora superiore”.

Acquisti, prestiti per rinforzare questa squadra? Si parlava di un acquisto per reparto.”

Ho delegato a Foschi che è una persona di grande livello le operazioni, ovviamente ci sentiamo giornalmente ma credo che sia giusto rispettare il lavoro che sta facendo anche con un minimo di riservatezza”.

Oggi le è piaciuto qualche giocatore in particolare tra i granata?

Direi che oggi ho visto la squadra creare delle buone cose davanti ed anche a centrocampo ho notato diverse cose positive. Per quanto riguarda la difesa prendere tre gol non è certo l’ideale ma devo dire che Novellino sta lavorando molto sulla compattezza e personalmente ho visto un buon Ogbonna che si è spinto molto bene sulla sinistra ed ha creato delle occasioni importanti. E’ evidente che se si attacca con più giocatori si hanno più possibilità di andare in gol”.

I risultati odierni non sono stati positivi: Cagliari, Catania e Siena stanno scappando via. E’ preoccupato?

Secondo me quello che conta di più è lavorare su noi stessi e fare bene noi perché poi il fatto degli altri è molto relativo. Il campionato italiano è molto fluttuante per cui chi ha fatto bene oggi può fare meno bene domani. Dunque quello che conta è che facciamo bene noi. Se questo accade tutte le cose si risolvono

Come giudica l’arbitraggio di Trefoloni? Sul terzo gol leccese ci sono state delle recriminazioni.

Mah, adesso io non so perché non ho visto il terzo gol. Mi hanno detto che c’è stato un fallo di mano ma sinceramente non l’ho visto per cui non posso giudicare”.

Il primo gol del Torino è stato abbastanza rocambolesco. Concorda?

In parte anche il secondo ed il terzo lo sono stati, alla fine i gol vengono anche nei modi più impensati, questo conferma che bisogna tirare spesso in porta”.

Per quanto riguarda il silenzio stampa e le porte chiuse agli allenamenti? Ci saranno variazioni?

Io sto parlando, da parte mia non c’è silenzio stampa. Per quanto riguarda mister e giocatori penso che lo chiuderemo presto, da parte mia c’è tutta l’intenzione di chiuderlo in fretta: lasciamo prima passare il mercato magari e poi vedremo. O la prima vittoria, perché no. Per le porte chiuse sapete quanto io tenga ai tifosi, è stato fatto per dare una concentrazione maggiore ai giocatori e permettere loro di allenarsi al meglio evitando qualsiasi tipo di distrazione. Certamente a me non fa piacere ricorrere a ciò per cui vedremo…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy