Pescara-Torino 0-0: Acquah si fa cacciare e complica le cose

Pescara-Torino 0-0: Acquah si fa cacciare e complica le cose

Al break / Toro molle e con poche idee: il ghanese lascia in 10 i granata nel recupero, Hart spaventa e salva, mentre Martinez si divora il gol

Finisce 0-0  il primo tempo tra Pescara e Torino, con i granata che non brillano, soffrendo il giro-palla del Pescara. Prestazione negativa dei ragazzi di Mihajlovic, che rimangono anche in 10 per un doppio giallo oltremodo ingenuo di Acquah. Poche le occasioni di questo primo tempo,tanta la noia, con Martinez che si divora il gol nel finale, su ottimo spunto di Boyé.

Mihajlovic lascia in panchina Iago Falque dopo la prova incolore contro l’Empoli e lancia dal 1′ il classe ’95 Mattia Aramu. I primissimi minuti di partita sono di studio, con i granata che non riescono a fare gioco, e con il Pescara che oppone una grande densità a centrocampo, dove Verre e Benali vanno a dare una mano anche in fase di ripiegamento ai mediani biancazzurri. Nei granata si muovono sin da subito bene i terzini Barreca e Zappacosta, che combatte sulla destra, mentre ostenta sicurezza un Bovo galvanizzato: il primo brivido però, è per il Torino, con Hart che temporeggia pressato da Caprari, ma alla fine il portiere riesce a servire il compagno sulla fascia. Il Toro prende coraggio col passare dei minuti, ma il Pescara tiene bene il campo e fa girare con qualità il pallone, e per il Toro non è per nulla facile non farsi prendere dalla frenesia. Intorno al 15′ botta e risposta – vista la difficoltà per entrambe le squadre di entrare nelle rispettive aree – da fuori: prima Vives, che non trova la porta, e poi Biraghi, blocca Hart. La gara prosegue senza sussulti: il Toro cresce e prova a stanare il Pescara con giro palla e aperture improvvise, ma la difesa di casa tiene bene e sa ripartire. Davanti Boyè e Aramu (che si muove anche da trequartista) si dannano, mentre le due palle più interessanti arrivano sui piedi di Martinez: prima il venezuleano non riesce a sfuttare un’errata uscita di Bizzarri, e poi sul cross (l’ennesimo) di Zappacosta cicca la palla a centro area.

Al 27′ si scalda i guantoni Joe Hart, e questa volta la parata è decisiva: botta di Verre da fuori, vola il portiere a togliere il pallone da sotto la traversa. Risponde 10′ più tardi, dopo una fase di forcing del Pescara, il Toro con Martinez: tiro a giro che esce non di molto alla sinistra di Bizzarri. Nel finale succede di tutto: prima Hart si lascia scappare un cross di Cristante e per poco non combina la frittata, poi Martinez sbaglia a porta vuota su spunto di Boyè. Nel recupero,poi, l’episodio chiave: Acquah entra male, già ammonito, finisce ingenuamente sotto la doccia anzitempo. Servirà un altro Toro, sotto tutti i punti di vista, nella ripresa.

6 commenti

6 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. scannone15 - 3 mesi fa

    ma hart spaventa? ma che cazzo state dicendo? Ha giocato benissimo.
    Adesso si griderà al miracolo perché il Torino ha pareggiato in 9 contro 11: niente di più falso. Non si possono dimenticare le enormi cazzate compiute da un mister impreparato ed inadeguato. anche un bambino avrebbe capito che acquah sarebbe stato espulso, e che quindi era da sostituire con Obi. Capitolo Baselli: è veramente incomprensibile come si continui ad utilizzare un giocatore che ha più volte dato prova della sua nullità, fisica tattica ed agonistica. quindi il torino è fin dall’inizio che ha giocato in 10.
    Togliere Boye, che fino a quel momento si era dimostrato il migliore ed un autentico pericolo per il Pescara, è una cosa allucinante.
    Obi, che a mio avviso doveva essere schierato dall’inizio al posto di baselli, è entrato sfiduciato e poco propenso all’impegno (e non ha tutti i torti).
    Mihailovic: una delusione continua, che a bordo campo (e non è la prima volta), anche in presenza di situazioni pericolose per la squadra, non pensa altro che a sorridere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. scannone15 - 3 mesi fa

    Baselli: sei un ameba nullafacente.
    Mihailovic: se mi fai uscire Boye, che è stato l’unico a creare pericoli ed il migliore in campo, allora cambia mestiere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Placebo75 - 3 mesi fa

    H20 è un cretino e un fabbro, ci condizionerà una partita che non era malaccio. Meglio loro, ma il Toro giovane mi esalta. Benissimo Barreca e bene Aramu e Boyè. Martinez non ha null a che fare col mondo del calcio, davvero non capisco tutte queste chance. Vedo meglio i ‘vecchi’ ripetto i nuovi (Vives per Valdifiori, Moretti per Castan, Zappa per De Silvestri). Bene Bovo. Brividi e simpatia con Hart. Baselli, qui serve un esorcismo per farti tornare quel che eri. Sarà un secondo tempo impari e questo mi dispiace tanto. Confidiamo nell’idolo Gallo anche se, non vorrei mai rischiarlo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. miele - 3 mesi fa

    Per favore, non parlate più di noia! I tifosi veri stanno consumandosi il fegato alla visita di tanta pochezza e nel caso attuale stanno trepidando perché la probabile sconfitta di questa sera ci precipitera’ in piena zona retrocessione e le prossime partite sono proibitive vista la pochezza della squadra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. teo._398 - 3 mesi fa

    E inutile che si incazza Sinisa, prima lo mette in campo e poi non lo toglie dopo la prima ammonizione, da uno come Acquah c’era da aspettarselo, Testa di caxxo tutti e due, ma dove vogliamo andare con questi elementi?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. The Mtrxx - 3 mesi fa

    Siamo numero uno in classifica per:
    -infortunati
    -seghe che sono sempre state scarti in altre squadre
    -oggetti non identificati che giocano in attacco ma non sanno segnare, dribblare
    -anziani in pre pensionamento
    -noia
    -sfiga
    -arbitri contro

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy