Pillole dalla Sisport: Maxi Lopez ispirato

Pillole dalla Sisport: Maxi Lopez ispirato

Dalla Sisport / Squadra dimezzata e Baselli si allena a parte: ecco il resoconto dell’allenamento odierno

1 Commento

Il Torino  ha ripreso quest’oggi la preparazione in vista della sfida contro il Crotone in calendario il 20 novembre, dopo la sosta per le nazionali. I granata sono scesi in campo alle 15.00 per la sessione pomeridiana presso il centro sportivo Sisport con porte aperte ai tifosi. Assenti, per i rispettivi con le proprie rappresentative: Belotti, Zappacosta, Barreca, Benassi, Hart, Lukic e Martinez.

LA SEDUTA – Sotto un clima autunnale  e nuvoloso, data l’assenza dei Nazionali, il Torino si è allenato con la rosa ridotta ai minimi termini (circa 15 giocatori). Primi 45′ passati in palestra per i giocatori d’azione mentre i portieri si sono allenati in campo, successivamente, allenamento tecnico tattico per tutti: inizialmente partitella a tema, poi una esercitazione tattica di attacco contro difesa e partita finale conclusiva a campo ridotto, sette contro sette.

BASELLI A PARTE – Allenamento di ripresa con Solustri per Daniele Baselli. Il centrocampista ha svolto una seduta personalizzata correndo intorno al campo con il preparatore atletico a ritmi  alterni: prima correndo e poi ripetute. La sua condizione non preoccupa in quanto mancano ancora dici giorni alla sfida contro il Crotone.

MAXI LOPEZ ISPIRATO – Sia nelle partitelle a tema, attacco contro difesa, che in quella finale è apparso in forma ed ispirato. Tre reti ed una traversa per l’argentino che è apparso in piena forma, pimpante. Si può dire sia stato il giocatore che ha regalato le giocate migliori quest’oggi.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. ikhnos - 4 settimane fa

    Mi permetto di riportare una dichiarazione del Mister Rampanti sulle valutazioni attuali della squadra:
    Questo Torino può centrare l’obiettivo Europa League?
    “Secondo me c’è il potenziale persino per andare oltre. Io ricordo il Torino 1970/71 che rischiò la retrocessione ma vinse la Coppa Italia. L’anno dopo arrivò Giagnoni e facemmo un campionato incredibile, dove la Juve ci portò via il campionato per un gol non dato ad Agroppi un una partita contro la Sampdoria. Ecco, questo Torino mi ricorda quello di Giagnoni. Speriamo che Ljajic trovi continuità, che Valdifiori diventi più incontrista e le due mezzali riescano non solo ad attaccare ma anche ad aiutare dietro. Un po’ di equilibrio in più e si può davvero fare cose importanti”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy