Torino: Quagliarella punto fermo, Belotti in crescita

Torino: Quagliarella punto fermo, Belotti in crescita

Post Torino-Sampdoria / Anche domenica grande prova degli attaccanti granata, ma ora deve sbloccarsi il resto del pacchetto avanzato

2 commenti
statistiche

Un successo che ha fatto anche divertire il pubblico. Questo è stato l’esito della sfida interna del Toro alla Sampdoria, ostacolo ostico sulla via della crescita. La doppietta di Quagliarella, il due a zero imposto ai blucerchiati dagli uomini di Ventura è simbolo di una superiorità che è stata schiacciante, in particolar modo nel primo tempo. Per quanto il risultato non sia arrivato attraverso uno strenuo possesso palla, 52% quello granata, i numeri parlano chiaro: i padroni di casa hanno effettuato otto tiri nello specchio della porta avversaria, contro i sei degli ospiti, e sono addirittura 14 quelli totali (otto quelli della Samp)

 Il grande protagonista della vittoria sui blucerchiati è appunto stato indubbiamente Fabio Quagliarella: il bomber di Castellammare ha messo a segno entrambe le reti che hanno steso gli avversari, dando continuità all’ottimo stato di forma messo in luce in questo inizio di stagione. Finora Quagliarella si è dimostrato l’unico elemento imprescindibile del reparto avanzato di Ventura: al suo fianco ruotano i vari Maxi Lopez, Belotti e Martinez (Amauri deve ancora conoscere l’esordio in questa stagione) ma il punto fermo rimane sempre lo stesso, il Quaglia. A Verona, contro il Chievo, potrebbe arrivare il momento della prima panchina stagionale per lui, di modo da preservarlo per la sfida al Palermo di domenica prossima.

Belotti in azione durante l'amichevole contro la Prosettimo
Andrea Belotti sta crescendo partita dopo partita anche al fianco di Quagliarella

Quagliarella, deve poter rifiatare, per questo gli altri attaccanti dovranno farsi trovare pronti. Intanto l’intesa con Belotti cresce in maniera notevole:questo è emerso dalla vittoria contro la Samp, con i due centravanti che riuscivano a trovarsi meglio ed a combinare belle giocate con molta più frequenza rispetto alla trasferta contro l’Hellas. Il secondo centro di Fabio è frutto di un assist del Gallo, che ha avuto anche un paio di occasioni per trovare la prima rete personale di fronte al nuovo pubblico. Ancora più nette le occasioni avute dal numero 27: due reti sprecate che fortunatamente non sono state decisive ai fini del risultato, dovute probabilmente anche alla stanchezza e alla poca lucidità nel finale di partita.

Torino FC v UC Sampdoria - Serie A
Maxi Lopez a differenza di Quagliarella cerca il primo gol stagionale contro il Torino

Ha cercato la gloria personale in un’occasione anche Maxi Lopez: la grande intesa del numero 11, subentrato a Belotti, con Quagliarella non fa più notizia, risalendo alla passata stagione, ma consente a Ventura una più ampia possibilità di scelta per le coppie offensive. Ottimo impatto quello di Maxi anche contro i doriani, come nelle due precedenti partite: grande possesso palla e buon dialogo con i compagni, come sempre.

In un match nel quale tutti hanno giocato molto bene, l’attacco del Torino nel complesso è  stato protagonista di una prestazione positiva: come detto potevano essere segnate più reti, ma le due occasioni capitalizzate hanno deciso la partita e sono emersi evidenti miglioramenti. Il giudizio finale sul reparto avanzato granata è positivo; un reparto sempre più competitivo, i cui interpreti possiedono grandi potenzialità che dovranno essere ben dosate da mister Ventura nel corso della stagione.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. F.V.C.G. - 2 anni fa

    secondo me e’ troppo presto x giudicare questo giovane ragazzo. pian pianino entrera’ negli schemi di mister Ventura e anche lui dara’ tutto x questa grande squadra,ne sono sicuro, ha solo bisogno di tempo e del sostegno di tutti,specialmente di noi tifosi,senza pressarlo troppo. e’ da poco che e’ con noi e presto fara’ la differenza la davanti. F.V.C.G. SEMPRE E FORZA RAGAZZI,SIETE GRANDISSIMI,CONTINUATE COSI’!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Wendok - 2 anni fa

    Trovo sinceramente questi articoli un po disonesti intellettualmente parlando. Ero allo stadio e ho condiviso l opinione di decine di persone intorno a me: belotti ha sicuramente delle potenzialità, sicuramente tra non molto saremo pronti ad incoronarlo come nuovo ciccio graziani del toro etc etc. Ma perchè continuare a mentire sul suo rendimento attuale ? In questo momento, con tutte le attenuanti che si voglia ( il poco tempo con i compagni, la voglia di strafare, l intesa da affinare etc etc, lopez vale 5 belotti. Il secondo gol di quagliarella non è stato un assist del gallo, bensì una “ciccata” di bellotti a fare arrivare la palla a fabio. Rispetto a lopez, tiene un terzo dei palloni e spesso è incespicato sulla palla in entrambe le partite disputate. Perchè negarlo ? Quo prodest ? Lo stesso quagliarella a me è parso scarichissi o già ad inizio ripresa. Auspico un turn over terapeutico.
    Ma somettiamola per favore di regalare voti : le partite non le vedono e valutano solo i giornalisti !

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy