Quali esterni a Verona?

Quali esterni a Verona?

Mancano due settimane alla trasferta in Veneto, contro una squadra in netta difficoltà, ma proprio per questo ancora più pericolosa. De Biasi avrà il tempo giusto per decidere l’undici titolare, cercando di capire chi è in forma e chi invece necessita di riposo per essere pronto al rush finale che vedrà le suppletive quattro finali di giugno. In attacco le cose vanno bene: Abbruscato è…

Mancano due settimane alla trasferta in Veneto, contro una squadra in netta difficoltà, ma proprio per questo ancora più pericolosa. De Biasi avrà il tempo giusto per decidere l’undici titolare, cercando di capire chi è in forma e chi invece necessita di riposo per essere pronto al rush finale che vedrà le suppletive quattro finali di giugno. In attacco le cose vanno bene: Abbruscato è ormai inamovibile, visto il suo rendimento che migliora di partita in partita, l’unica incertezza riguarda Muzzi o Stellone, con una staffetta che può tornare anche utile visto che l’ex romanista ha bisogno di rifiatare ogni tanto e Stellone continua a convivere con i suoi problemi muscolari.

I dubbi principali riguardano gli esterni, a Verona rientrerà Fantini che ha scontato la squalifica, per cui De Biasi potrà contare su una scelta ulteriore per rafforzare le fasce, considerando che Lazetic è in un momento di forma splendida, come ha dimostrato a Modena, dove non ha mai perso lo smalto e l’incisività in fase di impostazione della manovra. Ferrarese ha giocato maluccio, peccato, perché è proprio mancata la sua intelligenza tattica che ha fatto la differenza nelle vittorie precedenti. Una partita sbagliata non vuol dire però che debba essere bocciato, anzi, l’ex cagliaritano ha bisogno di riprendersi immediatamente e per farlo deve giocare, siamo certi che la prossima volta darà il massimo.

Ovviamente va ripreso il discorso su Rosina, che possiede tanta classe, ma detiene una posizione alquanto scomoda. Il suo ruolo naturale sarebbe quello di giostrare dietro alle punte, come nel vecchio e trapassato ruolo del fantasista puro, ma ormai le partite si vincono sulle fasce e in quel ruolo Rosinaldo non si trova a suo agio, si spiega così il motivo per cui fatica a trovare un posto da titolare, nonostante la bravura dei suoi piedi. Non va dimenticato nemmeno un particolare molto importante: Rosina è attualmente il cannoniere granata con dieci reti nel suo bottino.

Presto il dubbio lo toglierà la Under 21: il giocatore partirà per la fase finale dell’Europeo e per qualche settimana non sarà a disposizione del mister granata. Ad ogni modo De Biasi potrà contare su una rosa molto ampia, che magari darà qualche grattacapo di scelta, ma che riserva tante soluzioni alternative. L’abilità starà nel contrapporre lo schema giusto a seconda dell’avversario, visto che come si dice da tempo, queste ultime partite sono ormai tutte finali.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy