Quattro gol in trasferta 12 anni dopo

Quattro gol in trasferta 12 anni dopo

Il Toro cancella la lunga serie negativa che lo ha portato fuori dalla zona playoff imponendosi sul campo dell’Ascoli con il risultato di 4-0. Quattro reti che i granata non segnavano tutte in una volta da ben 14 mesi, quando si imposero per 4-1 contro il Grosseto. Anche allora si era reduci dal doppio cambio in panchina, con il ritorno di Colantuono. Bisogna risalire a ben più indietro per trovare, invece, un Toro capace di fare quattro…

Il Toro cancella la lunga serie negativa che lo ha portato fuori dalla zona playoff imponendosi sul campo dell’Ascoli con il risultato di 4-0. Quattro reti che i granata non segnavano tutte in una volta da ben 14 mesi, quando si imposero per 4-1 contro il Grosseto. Anche allora si era reduci dal doppio cambio in panchina, con il ritorno di Colantuono. Bisogna risalire a ben più indietro per trovare, invece, un Toro capace di fare quattro gol lontano da casa in una gara di campionato. Addirittura al secolo scorso, quando nella stagione 1998/99 i granata si imposero per 4-1 sul campo della Fidelis Andria, con le reti di Sommese, Lentini, Ferrante e Artistico. Anche quella volta il risultato all’intervallo fu di 0-2.

Tornando alla gara di ieri, le statistiche raccontano un Toro molto cinico, capace di sfruttare appieno le occasioni avute e controllare poi senza tanti patemi la gara. L’Ascoli ha, infatti, fatto meglio in quasi tutti i numeri (compresi i tiri e il possesso palla), cedendo ai granata solo per ciò che concerne la pericolosità.

Passando alle statistiche individuali, la situazione non cambia di molto. Primo Faisca nella speciale graduatoria delle palle recuperate, primo Pederzoli nei passaggi riusciti e vetta bianconera anche nei tiri, con Moretti che ha effettuato sei conclusioni. Ma finalmente si è tornati alla vittoria. Ora serve cambiare il passo anche a Torino, perché lo stadio che nel girone di andata aveva regalato tanti punti alla squadra di Lerda nel ritorno è stato fino ad ora avaro di soddisfazioni.

(foto: M. Dreosti)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy