Rampanti: “Dopo il K.O. era importante restare in piedi. Belotti? Si riguardi Chiesa…”

Rampanti: “Dopo il K.O. era importante restare in piedi. Belotti? Si riguardi Chiesa…”

Parola al Mister / Il nostro Serino Rampanti analizza il match contro l’Atalanta, dicendo la sua sulle scelte di Mazzarri e sui singoli

di Lorenzo Bonansea, @BonanseaLorenzo

Uno o-o, quello contro l’Atalanta, che ha lasciato l’amaro in bocca a molti tifosi granata. Per analizzare la sfida tra orobici e granata, abbiamo dato come di consueto la parola al nostro mister Rosario Rampanti.

Serino, è complesso analizzare la partita contro l’Atalanta

Sì, ci sono diverse premesse da tenere in conto: la condizione fisica e psicologica della squadra, i rientri, le assenze, i cambiamenti di formazione (con ragione), la squadra che vai ad affrontare e il campo in cui giochi. Non bisogna essere essere superficiali per dare un giudizio con raziocinio. E queste cose sono da premettere, perché non è certamente semplice analizzare la gara.

In generale, tra i tifosi prevale un sentimento pessimista.

Si anche io noto molto pessimismo, ma se ci ragioni tutto parte da quel rigore non dato a Iago in Torino-Roma. Un gol in quel momento sarebbe stato uno stravolgimento per tutte le gare a seguire. Diciamoci la verità: a volte basta un episodio. Quando parlo di andare oltre gli schemi, lo dico perché rispetto tantissimo gli schemi: nella vita bisogna avere ordine, seguire delle regole. Ma per migliorarsi, bisogna farsi venire qualche idea. E in campo questo si traduce in qualche giocata diversa e particolare: occorre anche dell’estro, insomma. Solamente quando metti in campo quel qualcosa insito in ogni giocatore superi l’avversario.

Ok Serino, partiamo a bomba sulla partita. Mazzarri ha scelto di stravolgere la formazione sconfitta contro il Napoli.

Mazzarri ha sorpreso tutti quanti, in pochissimi si aspettavano quella formazione. E’ già questa è una cosa interessante. Sta cercando di ravvivare questa squadra. Rivitalizzarla. Io vedevo e vedo gente un pochino adagiata. Quando parlavo del compitino la scorsa settimana parlavo di quello. Lui sta cercando di rivitalizzare anche così i ragazzi, mettendo giovani che provano a fare , per altro giovani con buona qualità. Vedo ad esempio che Parigini ha superato Edera nelle gerarchie. Vedo che Aina e Djidji hanno fatto una buona gara. Ieri c’è stato un cambio di pelle, e le novità individuali se sono di questo tipo ben vengano – soprattutto perché mettono sul chi va là altri potenziali titolari. Le cose non si fanno dall’oggi al domani, dietro c’è un grande lavoro che deve essere fatta sul gruppo, e la tenuta del gruppo a questi livelli non è semplice. Più il gruppo è largo e pronto, meglio è.

Cairo: “Europa? Non lo dico per scaramanzia. Contento per la prestazione”

La critica più ricorrente è quella del poco coraggio, con un Toro che ha rischiato ben poco in fase offensiva anche dal punto di vista dei cambi.

C’è da considerare che tu venivi da una batosta interna, e il tifoso deve immaginare la partita come un un incontro di pugilato: dopo aver subito un k.o, l’incontro successivo la prima cosa che devi fare è cercare di rimanere in piedi, ristabilirti. E ieri è successo questo: si è giocato per prendere consapevolezza per la partita dopo, dove sicuramente avrai più coraggio. E non parlo del Chievo, ma di qualsiasi potenziale avversario: è una cosa automatica. L’affronterai con più coraggio. Ieri serviva fare risultato, la brillantezza arriverà dopo.

Nelle mie pagelle (leggi qui) su queste colonne ho dato tre insufficienze piene. Sei d’accordo con il 5 a De Silvestri?

De Silvestri era stato fuori e non era al meglio, e quando un giocatore della sua stazza rientra dopo uno stiramento è sempre titubante. Per altro, probabilmente hanno affrettato il recupero e si è di nuovo stirato, e se è una ricaduta l’assenza sarà più lunga. In questo senso spero che Iago sia guarito bene, perché dopo uno stiramento o un risentimento la situazione è delicata. Ha palesato mancanza di condizione, e per uno con la sua struttura non è facile. Probabilmente non poteva dare di più, peccato perché ultimamente aveva fatto bene.

La seconda insufficienza è quella di Baselli.

In Baselli ho visto un leggero miglioramento, l’impegno non manca, ma a questa continuità nella corsa dovrà aggiungere giocate importanti. Giocate di qualità, ecco. L’ho sottolineato la scorsa settimana: il centrocampo è il fulcro, ed è da lì che bisogna inventarsi qualcosa, giocando con sostanza ma anche con qualità. E siccome lui certe qualità le ha dimostrate, non si capisce come le abbia perse. Deve ritrovarle assolutamente. Il voto basso che hai dato gli deve essere di stimolo.

Atalanta BC v Torino FC - Serie A

Il terzo 5 è quello di Belotti. Cosa ne pensi?

Penso alla partita Inter-Fiorentina e ho in mente Chiesa. La partita di Chiesa sembrava una di Belotti quando in campo c’era il vero Belotti: deve tornare quello, sotto tutti i punti di vista. E non centra essere servito o non servito. Chi ha visto la partita, avrà avuto la mie stessa sensazione guardando Chiesa. Se Belotti non avesse visto la partita, gliela farei rivedere. Lui è amato dai tifosi del Torino, e i tifosi del Torino lo stanno aspettando e continuano a farlo. E chi dice che non è servito, mi dica anche chi serviva Chiesa. In Nazionale gli altri attaccanti sono Immobile, Insigne, Chiesa, Bernardeschi (oltre a Zaza)…. Il rendimento alto di questi giocatori devono essere da stimolo per lui. Questi giocatori sono brillanti in sè, anche senza l’aiuto dei compagni. Vorremmo rivedere il Belotti dei primi tempi. Sono d’accordo col tuo voto.

Nel post-partita Mazzarri ha ribadito un concetto molto forte: “Chi non corre, non gioca“. Pensi si riferisse a qualcuno in particolare?

Non penso sia stato rivolto ad un giocatore ma a tutta la squadra, la prestazione di domenica scorsa era stata avvilente. L’allenatore dove dare uno scossone nella formazione e secondo me lo ha dato. Qualche giocatore che pensa di giocare solo per il nome, che dà per assodato che ha il posto tranquillo, ha ricevuto un avvertimento. L’allenatore sa di rischiare nel fare queste scelte, perché la critica è subito pronta se le cose non vanno bene. Ma è insito nel lavoro dell’allenatore. A chi dice che la squadra sta perdendo di valore, ricordo che se certi giocatori che sono costati molto non giocano, si rivalutano altri che sono costati meno: le cose si pareggiano sempre, in senso finanziario. Se perde valore uno che non gioca, è facile che acquisisca di valore un altro. Ma all’allenatore questo non interessa.

Parliamo di Zaza, inserito solamente per il recupero. 

Una domanda: ma chi voleva servire con quella sponda di esterno all’indietro? Mazzarri mette l’attaccante per tenere la palla su, e invece lui manda gli avversari in porta. Sono sobbalzato dalla poltrona, è un errore gravissimo. Mi sono arrabbiato al posto di quelli che erano li. E’ incredibile e non me lo spiego: c’era bisogno del contrario, di difendere e tenere la palla su. Era chiaro che la partita era da far finire così. Anche lui avrebbe dovuto vedere Chiesa…

Un giudizio, invece, sulle belle sorprese, partendo da Parigini.

Parigini ha portato vivacità, ha dato corsa. Ha attaccato palla al piede, ha rotto gli schemi anche se in maniera un po’ confusionaria a volte. Mi ha fatto piacere, ci ha messo grandissimo impegno. Cosa che ho visto poco in Edera quando è entrato contro il Napoli. Anche se è vero che Edera è entrato a partita in corso in una partita più difficile, ma deve prendere esempio in questo dal compagno. Perché i colpi anche Edera li ha…

E su Djidji e Aina? 

Djdji e Aina mi sono piaicuti. Aina aveva un compito difficile con Rigoni. Rigoni e Gomez sono la forza dell’Atalanta, saltano l’uomo con facilità. Se blocchi quelle fonti il risultato si vede, e Aina ha bloccato Rigoni, prendendosi anche qualche lusso di troppo. Deve solo diventare più pratico. Queste cose sono positive perché aumenta la considerazione da parte del tecnico e della società in loro e allunga il gruppo “pronto” a giocare.

42 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. dattero - 2 mesi fa

    dire che tutto parte dal rigore contro la Roma è ridicolo,tra l’altro per alcuni c’era,per altri no,poi,devi sempre segnarlo.
    Ormai è un democristiano,un colpo al cerchio,uno alla botte

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Kieft - 2 mesi fa

    Ljiaic non è un campione ma assieme a iago il miglior giocatore in rosa per qualità tecniche. Oltre a fare qualche goal ne ha fatti fare parecchi a belotti e l’anno scorso abbiamo visto tutti la differenza tra tenerlo in panchina e farlo giocare. Se siamo arrivati noni è anche grazie a lui. Soriano e zaza non hanno la sua qualità ma hanno caratteristiche diverse. Per me zaza è la riserva di belotti oppure il contrario. Soriano alternativa a baselli oppure il contrario. Di iato ne abbiamo solo uno e quando manca si sente…..soprattutto per le punizioni. Parigini ed edera sono due giovani promettenti che dovrebbero giocare titolari in una squadra di A con ambizioni diverse dal Torino per valutarne con calma il futuro. Tenere due giovani così in panchina è un delitto …anche se oggi non possono fare la differenza tra un paio di anni potrebbero essere tutta un’altra cosa….in conclusione non condivido le scelte di mazzarri e il campo mi sta dando ragione purtroppo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. policano1967 - 2 mesi fa

    ragazzi su belotti serino ha detto la pure e santa verita.serino gli ha detto solo che nn deve adagiasi sugli allori.palloni ricevuti o nn ricevuti belotti e scarico.nn mette neanche piu quella foga da vero combattente che aveva.demoralizzato??demoralizzato lo puo essre chi perde il lavoro e nn belotti diamine.ora sara colpa di mazzarri dei suoi schemi,del vento che tira,della pioggia….ma questo belotti che di suo nn ha una buona tecnica,serve a poco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. pasastabala - 2 mesi fa

    Belotti è demoralizzato sia per le scelte di Mancini che per il fatto che nel Toro, causa centrocampo insufficiente, non riceve palloni. Serve un uomo di fantasia e qualità in mezzo al campo. Mi spiace ammetterlo, ma manca uno come Ljajic.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 2 mesi fa

      Ieri ho letto un commento che ritengo molto calzante: Belotti non riceve palloni giocabili e quelli che riceve ci pensa lui a renderli ingiocabili.
      Basta far mente locale agli stop sbagliati, ai duelli fisici coi difensori nei quali regolarmente soccombe, e ora anche la chicca delle punizioni sprecate battendo sulla barriera.
      Purtroppo il Gallo attuale è lontano parente di quello assatanato che si buttava a capofitto in ogni azione, creava spazi e sconquassava le difese.
      Da dopo il matrimonio…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. renato - 2 mesi fa

    Condivido solo in parte quanto detto da Rampanti, in particolare ritengo che una prima punta (Belotti o qualsiasi altro) NON debba venire nella sua area a prendersi la palla ma debba restare sempre o quasi nella metà campo avversaria. Questo modo di giocare (tutti avanti, tutti indietro) mi ricorda molto la pallacanestro che però si svolge su un campo molto più corto ed è tutto un altro gioco, che peraltro non mi piace. Va bene essere un po’ duttili ed elastici, ma questo secondo me vuol dire che comunque vanno privilegiate le qualità principali di un giocatore senza obbligarlo a fare sempre quello per cui non è particolarmente portato.
    E questo commento vale un po’ per tutti i ruoli, ho citato l’attacco solo per caso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Granat....iere di Sardegna - 2 mesi fa

    Insomma Va tutto bene e Mazzarri sta facendo benissimo, è solo colpa dei giocatori…sorvoliamo sul fatto che i giocatori li mette in campo lui e non la fata turchina, mi chiedo se il giudizio e le premesse di rampanti sarebbero state le stesse con un mister che non rientra tra i suoi preferiti…Contro Chievo, Frosinone e Bologna bisogna fare 9 punti perché, come disse qualcuno, un mister è grande quando vince con le deboli, tutto il resto è solo arrampicarsi sugli specchi, in questo la fantasia non manca di sicuro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. alexku65 - 2 mesi fa

      Io non so (posso solo presumerlo) se il tuo Nick cela solo le tue origini o la tua residenza. In ogni caso non importa. Oltre a piacermi la terra di Sardegna condivido spesso i tuoi pensieri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Scott - 2 mesi fa

    Uno solo era oltre gli schemi. E anche quando c’era era tenuto in panca da Walter Mazzarri. Oltre il fortino non c’è nulla al momento. Io non riesvo a chiamare calcio quello che ho visto. Il punto più basso della storia recente dopo Castellammare di Stabia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. policano1967 - 2 mesi fa

      condivido.io c ero a castellamare.li abbiamo toccato il fondo ed e stato uno scempio calcistico.bergamo pero nn la metto su quella lunghezza d onda.di fronte avevamo una squadra di tutto rispetto,e noi con schemi approssimativi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. luna - 2 mesi fa

    Non condivido del tutto per quanto espresso su Belotti, voglio dire che spesso si chiede ad un attaccante di non limitarsi al compito di punta, poi però quando si è speso tanto e nell’unica occasione che capita non si riesce ad avere la necessaria lucidità sbagliando l’ultimo tocco a rete, allora lo si critica aspramente.
    Le squadre che stanno portando a casa i risultati, sviluppano tanto gioco arrivano 10 15 20 volte in zona gol noi per ora abbiamo fatto in tutto forse 15 tiri in porta.
    Zaza come pensavo per ora è stato evanescente non è mai stato un valore aggiunto.
    La squadra deve muoversi come un’orchestra a tempo ognuno deve dare il suo, attualmente sembrano preoccuparsi soli di no sbagliare, in pochi si prendono i rischi. Si rinuncia a verticalizzare ad andare oltre gli schemi come dice Rampanti e su questo concordo.
    FORZA RAGAZZI CONTINUATE A CREDERCI I NUMERI CI SONO.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. PrivilegioGranata - 2 mesi fa

    Rampanti ha dato l’esatta misura della situazione e dei risvolti della partita di mercoledì.
    Ora, spazio alla meritocrazia, il che significa, in questo momento, panchina per il Gallo, panchina per Baselli, panchina per Rincon.
    Sirigu
    Izzo N’Koulou Djidji
    Ola Aina Lukic Meité Berenguer
    Edera Zaza* Parigini

    * la maglia a Zaza per responsabilizzarlo e per far riflettere Belotti su quello che vuol fare da grande

    Cambi pronti: Soriano per Parigini per passare dal 3-4-3 al 3-4-1-2; in alternativa Rincon per Parigini a risultato acquisito per un 3-5-2 più robusto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. r.ponzon_333 - 2 mesi fa

      soriano al posto di parigini fin da subito

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. torracofabi_704 - 2 mesi fa

    Egregio sig. Serino, io la stimo molto sia come persona che come opinionista ma, per quanto riguarda Mazzarri… Per cortesia….. Ed un altra ‘cortesia” me la faccia su belotti: sfido qualsiasi giocatore al mondo in attività e non, fare qualcosa abbandonato solo nella metà campo avversaria fuori casa con dieci compagni che non superano il centrocampo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Granatissimo1973 - 2 mesi fa

    Scusami Toro71 ma siccome secondo te il Toro non ha un gioco per colpa di Mazzarri cosa proponi? Via Mazzarri bene, e al suo posto chi? E sempre secondo te cosa deve fare un allenatore per far giocare bene il toro? Non ci sono riusciti se non a sprazzi De Biasi, Novellino, Zaccheroni, Colantuono, Ventura, Mihailovic e ne dimentico di sicuro tanti. Tu chi proponi? Secondo te Mazzarri lo fa apposta a farli giocare male, glielo dice prima ragazzi giocate male. E quindi che facciamo? Prendiamo un allenatore che gli dica ragazzi giocate bene e voilà il Toro diventa il Barcellona d’Italia? Ma un po’ di serietà la vogliamo mettere anche in questi commenti o scriviamo davvero il primo pensierino da quinta elementare che ci viene in mente?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Carlao - 2 mesi fa

      Ma secondo te è normale che uno che prende due milioni di euro non riesce non dico a far giocar bene ma almeno a far giocare dignitosamente una squadra di calcio? Squadra di calcio a detta di molti una delle migliori dell’era Cairo e a detta del ds la squadra con i calciatori chiesti dall’allenatore?
      A me sembra che i pensierini elementari non li ha fatti Toro71, ma pensare che la colpa sia solo dei giocatori è un pensiero da alunno delle elementari.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. PaoloSWE - 2 mesi fa

    grandissimo Serino! aspetto sempre le sue analisi del dopo partita, e mi ritrovo sempre dì accordo con quello che dice!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Granata - 2 mesi fa

    Tu sei totalmente avulso dal mondo calcio, eppure ti senti essere chissà chi. Se Rampanti che è cresciuto al Fila, ne ha fatto parte, ci ha giocato, allenato vissuto, è un pretino avulso ,tu, per me , sei uno sottosviluppato calcistico

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. granatadellabassa - 2 mesi fa

    E giusto anche cambiare qualcuno. A quando una panchina per Baselli? E Belotti deve essere intoccabile sempre e comunque? Magari toglierlo qualche volta a mezz’ora dalla fine?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Toro71 - 2 mesi fa

    Serino oltre alla tua analisi perfetta aggiungerei l’assenza di gioco della squadra da quando è arrivato Mazzarri. È possibile che nessuno se ne accorge? Ma le guardate le partite del Toro? È una squadra priva di gioco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. granatadellabassa - 2 mesi fa

    Sono d’accordo sul fatto che questa partita venisse in un momento particolare. Ma domenica si cambia registro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. user-13797744 - 2 mesi fa

    Serino la partita sentita alla radio o vista in tv con schermo piccolo? Non farmi pensare che hai aspettato il commento del Mega spendaccione per dire la tua essendo allo stadio . Pesaro c’era

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Granatissimo1973 - 2 mesi fa

    Su una cosa ha ragione da vendere Rampanti, i giocatori devono tutti darsi una svegliata, altrimenti puoi cambiare tutti gli allenatori che vuoi ma si torna sempre al punto di partenza. Basta con i compitini assolti in punta di penna
    e con gli orticelli. Ci sono molti giocatori del Toro che possono e devono fare meglio di quanto visto negli ultimi anni, questa è l’unica ricetta per crescere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Simone - 2 mesi fa

    Concordo solo su Aina e Djidji x il resto non c’è una sola frase che condivido (oltre l’assurda palla indietro di zaza).
    Parigini ho oggettivamente corso ma a vuoto e sbagliando tutto.
    Come si fanno a paragonare i piedi di chiesa con quelli del gallo?!?! Chiesa da del tu alla palla mentre il gallo sappiamo tutti che tecnica ha, x cui il primo può andarsi a prendere palla anche dietro mentre il nostro può essere solo lanciato in velocità dove può fare la differenza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 2 mesi fa

      Si, per una volta non sono d’accordo con Serino.
      Zaza ha fatto una cappella mica l’ha fatto apposta.
      Boh mi pare di aver visto un’altra partita (rispetto a Serino, WM, Cairo, ecc)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PrivilegioGranata - 2 mesi fa

        Quello che Rampanti voleva sottolineare è che dopo una battaglia di 90′ entra Zaza e si permette una inutile giocata ad effetto, a centrocampo, rischiando di far perdere la squadra che si era fatta un mazzo così. E’ la mentalità di chi pensa di essere superiore, mentre invece dovrebbe essere concreto e portare la palla vicino alla bandierina avversaria. Mi ricorda la cazzata che fece Leon, alcuni anni orsono, quando allo scadere del match provò a fare il numero in area: perse palla, lanciò il contropiede avversario, ci segnarono e perdemmo il match.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. torracofabi_559 - 2 mesi fa

        Probabilmente tu hai visto la partita……. Qualcun altro ne dubito.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. prawn - 2 mesi fa

    Ma perché stupisce che perdiamo col Napoli?
    Ma se sono sei punti regalati quasi ogni anno.
    Inter Roma Napoli, zero punti, va benissimo, nessuna recriminazione.
    Udinese, Spal, sei punti, bene.
    Un punto con l’Atalanta fuori casa, bravi. Ma. Giocando non così.
    Saremmo a sette punti, invece ne abbiamo sei, ma non sono le cifre assolute che spaventano, ma il nulla che si è visto in campo.
    Io spero di sbagliarmi ma lo vedremo pure con Chievo e Frosinone e Bologna.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. LBgranata. - 2 mesi fa

    Allenatore e giocatori del Torino andatevi a vedere la partita dell’Empoli col Milan.
    Cuore grinta idee e gioco.
    Tutte cose a voi sconosciute.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. bepmerlo4_805 - 2 mesi fa

    Le caratteristiche di Belotti, sono note, non e’ Chiesa perché non ne ha l’agilita a ha potenza e velocità, allora giochi per rendergli più agevole il suo procedere, ma se chi lo dovrebbe affiancare o resta indietro , o non scambia e 8 centrocampisti non hanno mai il lancio esatto allora diventa dura e a emergere sono i difetti.
    Senza Falque , perdiamo il 30 % del potenziale offensivo, Meité va forte a ritmi bassi, se si alzano sparisce , Rincon e di qualità modesta e Baselli non decolla mai. Non so chi ha scelto Soriano e Zaza, ma mi paiono fuori posto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bilancio - 2 mesi fa

      Apprezzo. Commento tecnico.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Simone - 2 mesi fa

      Il gol.del gallo a Milano fu un lancio di 40m di iago. Nn abbiamo un solo centrocampista in grado di mettergliela.sui piedi o sulla corsa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bilancio - 2 mesi fa

        Questa e’ la madre di tutti i problemi

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Conterosso - 2 mesi fa

    Rampanti ma dire che fino ad oggi abbiamo fatto cagare non è più semplice? È fin troppo evidente che Mazzarri, si giocatori di calcio, preferisce quelli che hanno il fisico da wrestling. Liajc ne è un esempio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. r.ponzon_590 - 2 mesi fa

      Temo tu abbia ragione…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Bilancio - 2 mesi fa

    Comunque,
    Oramai di allenatori ne abbiamo visti tanti, tanti.
    WM non e’ nuovo. Ha gia studiato per 6 mesi il toro, e fra poke settimane fara’ un anno.
    Ha le sue idee, che non condivido.
    Vedere questo toro, non mi incuriosisce.
    Passera’ anche lui come tanti sono passati.
    Non sono critico con la societa, questa volta, perche a parte Ljacic, ha operato bene sul mercato.
    Non pensavo che l allenatore fosse cosi importante. Ma mi sbagliavo.
    Chiudo: al di la delle idee tanto cuore toro, Longo, Nicola ecc. veri tifosi del toro, io preferirei aprire un ciclo ( serio) con un intenditore di calcio, dandogli le chiavi in mano, all inglese.
    E questo sarebbe SOLO, Gasperini. (Me ne fotto della “gobbaggine “, di “uno di noi “cazzate varie, che non esistono piu)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. silviot64 - 2 mesi fa

    Il Sassuolo ha 13 punti, noi sei. Ma di cosa stiamo parlando ???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Vanni - 2 mesi fa

    Serino devi andare a spiegare a Ronaldo e Messi che un ottimo giocatore in pratica deve giocare da solo. Quando torni dicci come ti senti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. robertozanabon_821 - 2 mesi fa

    Caro Serino, capisco il tuo imbarazzo nel parlare del nulla della partita senza infierire nei giudizi. Diplomatico e garbato il consiglio ad alcuni giocatori di riguardarsi Chiesa. Io aggiungo di farci anche un saltino in Chiesa. Personalmente non credo nei miracoli, ma hai visto mai ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bilancio - 2 mesi fa

      Ah ah ah ah

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. prawn - 2 mesi fa

      Bella ahha

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. user-14003131 - 2 mesi fa

    Nel commento, sinceramente mi ritrovo in tutto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy