Rampanti e Bucci, compleanni da Toro

Rampanti e Bucci, compleanni da Toro

Compie oggi 64 anni uno dei ‘ragazzi del Filadelfia’. Rosario Rampanti (nella foto contrastato da Facchetti) ha fatto tutta la trafila nelle giovanili granata fino all’esordio coi ‘grandi’. Il centrocampista di Carbonia impiega poco a diventare un punto fermo del Torino, dopo una breve parentesi…

Compie oggi 64 anni uno dei ‘ragazzi del Filadelfia’. Rosario Rampanti (nella foto contrastato da Facchetti) ha fatto tutta la trafila nelle giovanili granata fino all’esordio coi ‘grandi’. Il centrocampista di Carbonia impiega poco a diventare un punto fermo del Torino, dopo una breve parentesi di ‘svezzamento’ al Pisa. Rientra infatti alla base all’eta di 21 anni e per quattro stagioni veste la maglia granata e da titolare. Colleziona ben 107 presenze, condite da 7 reti. Nell’estate del 1974 arriva però il divorzio e il suo peregrinare in Italia lo porta a Napoli, Bologna, Brescia e di nuovo a Bologna. Sono i rossoblu a considerarlo un giocatore finito a 29 anni quando gli propongono il passaggio ad un club dell’allora Serie C. Ma Rosario, detto Serino dagli amici, non ci sta e la sua fame di calcio lo porta in Australia nella società italo-australiana dell’Apia Leichhardt dove in venti presenze segna una rete. Chiude la carriera di giocatore nel 1984 alla Cerretese ma il legame coi colori granata è ancora vivo in lui. Sarà infatti l’allenatore della Primavera per ben quattro anni, dal ’90 al ’94, in cui conduce i giovani granata alla vittoria di ben due campionati consecutivi (’91 e ’92). Rosario Rampanti ha avuto anche l’onore e il merito di alzare la Coppa Italia con il Torino, quella indimenticata del 1971.

 

Festeggia oggi 44 anni un altro ‘piccolo’ talento del Toro. E’ Luca Bucci, approdato sotto la Mole per volere del tecnico Reya nel mercato invernale del 1998, anno in cui i granata disputavano il campionato di Serie B. La sua esperienza in granata è infatti caratterizzata da un sali-scendi tra la massima serie e quella cadetta, ma il ‘piccolo’ portiere nato a Bologna sfigura raramente in cinque stagioni al Torino. Chissà cosa avrà pensato domenica scorsa Bucci, oggi allenatore dei portieri a Parma e dove al Parma ha esordito e lasciato i ricordi più belli: la Supercoppa europea nel ’93 e la Coppa Uefa nel ’95 nel mitico Parma di Nevio Scala. Quando lascia Parma lo farà nel ’97 per fare posto ad un giovanissimo Gianluigi Buffon. Sono pochi invece i bei momenti vissuti a Torino, tra i quali la soddisfazione di vedere finire nel parcheggio del Delle Alpi quel rigore calciato da Marcelo Salas nell’incredibile derby dell’ottobre 2001, finito 3-3 dopo una rimonta da Toro.

Bucci chiude la sua esperienza in granata nel 2003 con la retrocessione in Serie B, dopo 175 presenze e 196 reti subite.

Lorenzo Bodrero

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy