Rampanti: “La linea alta con il Napoli un azzardo pazzesco. Non c’è continuità”

Rampanti: “La linea alta con il Napoli un azzardo pazzesco. Non c’è continuità”

Parola al Mister / Rampanti analizza così la sfida del Grande Torino: “Purtroppo non si sono prese le dovute cautele, forse per l’eccessiva euforia post Lazio. Ritorno al gol di Belotti importante. Edera? Bisognerebbe cogliere l’attimo… “

di Lorenzo Bonansea, @BonanseaLorenzo

Una sconfitta che delude, ma lascia tanti spunti di analisi e di riflessione. Per commentare al meglio Torino-Napoli 1-3, abbiamo dato anche questa settimana “Parola al Mister” Rosario Rampanti. Ecco cosa ci ha detto sulla sfida del Grande Torino, una sfida che i granata avrebbero dovuto approciare in tutt’altro modo.

Serino, ieri sera il Toro ha ricevuto l’ennesima lezione di calcio dagli uomini di Sarri. Risulta poco comprensibile l’atteggiamento tattico dei granata, che sono partiti altissimi tentando di fermare sul nascere l’azione del Napoli. Eppure, bastava vedere come Juventus, Fiorentina e Chievo si erano comportate contro i partenopei per capire come tamponare la loro manovra…

Si, la linea difensiva era decisamente troppo alta, non puoi giocare così contro il Napoli. Ho l’impressione che già altre volte si sia fatto questo errore, ad esempio contro la Juve. Anche allora, si era andati da loro a giocare all’attacco, e chiaramente ti hanno infilato. Questa squadra è un continuo oscillare tra qualche gioia e altre delusioni: non c’è equilibrio. In campo si era trovato come modulo, ma poi si riesce sempre a sbiellarlo di nuovo.

Contro la Lazio il Toro aveva raccolto tre punti importantissimi e che forse han caricato eccessivamente giocatori e tecnico.

La prestazione di Roma ha portato eccessiva euforia e – tenendo conto di un Napoli non brillantissimo nell’ultimo periodo – questo ha tolto tutte le cautele che si dovevano avere. Cautele tattiche, per altro, che avevi messo in pratica contro l’Inter. Secondo me bisogna anche riflettere su un altro fattore, quello riguardante la composizione della squadra e la personalità dei gocatori e del tecnico. Quando tu fai allestisci e poi fai giocare una squadra devi bilanciare gli elementi in campo, tra chi ha un carattere fermo, teutonico, e chi ha un carattere più fantasiosio: se fai un giusto mix, ne viene fuori una squadra costante, nel tipo di gioco e nel resto. Questo mix di personalità nel Toro non è ben calibrato. Bisogna andare a monte, e anche la personalità di un giocatore è importante. Al di là delle prestazioni individuali, bisogna cominciare a fare un discorso più ampio. Ora è quasi finito il girone di andata, ma basta uno scivolone così e la compattezza può già andare a farsi benedire – perché se perdi, perdi anche cerrtezze. Non c’è continuità, ed è un peccato.

Nel post-partita di Juventus-Inter 0-0 mi avevano molto colpito le parole di Spalletti, secondo il quale una partita del genere era meglio pareggiarla che vincerla – per non rischiare di caricarsi troppo. Credi che il Toro si sia caricato troppo dopo la vittoria contro la Lazio?

L’Inter ha un allenatore equilibrato e che sa i risvolti psicologici che può avere un risultato eclatante, come quello di Roma del Toro. Sa le ripercussioni, e sa che avrebbero potuto portare cose negative. Nel Toro, posto che la vittoria in sé è un fatto comunque positivo, non si è analizzato questo e si è andati contro ad una sconfitta come quella contro il Napoli. A questa positività bisognava dare un ordine perentorio: si doveva stare con i piedi per terra. E’ mancata questa analisi.

Tornano all’atteggiamento tattico del Toro, com’è possibile che dopo 10 gol subiti lo scorso anno in due partite contro gli azzurri, non si sia capito che quello non è il modo giusto per affrontare una squadra come quella di Sarri?

Il secondo gol è emblematico, con la linea che non tiene e sale male. La linea alta difensiva contro il Napoli è un azzardo pazzesco: io credo che certi modi di giocare devono essere sperimentati in altre partite e contro altre squadre. Questo modo non è stato abbastanza collaudato. E’ stato un azzardo iniziale che ha portato conseguenze inevitabili. Ed è dovuta anche da questa alternanza caratteriale poco equilibrata tra le parti che sta nell’animo della squadra, e per squadra intendo tutti quanti.

Tra le note positive, c’è sicuramente il ritorno al gol di Belotti…

Si, ed è importante per diversi motivi. Il gol di Belotti dimostra che il Gallo sta studiando un nuovo modo di giocare: lui finalmente arriva solo fino metacampo nel recupero difensivo, ha capito che deve costruirsi la condizioni solo da li in su. Questo lo porterà ad vere più lucidità sottoporta, e già ieri l’ha avuta. Questo gli darà sicuramente più autoconvincimento. Ha capito che prima si sfiancava troppo. Ed è un suo traguardo personale che al Torino gioverà.

Per quanto riguarda le altre scelte di Mihajlovic, ti aspettavi di vedere prima Edera in campo?

Sì, mi sarebbe piaciuto vedere subito Edera nel secondo tempo, invece è entrato troppo tardi. Nella vita, il frutto dall’albero devi prenderlo quando è buono, se lo lasci troppo li poi non è più fresco. Quando vedi un giocatore che va forte, di questo giocatore devi cogliere l’attimo. Con lui ho l’impressione che non si stia cogliendo l’attimo. Ed è autolesionistico.

Serino, adesso – prima di Spal e Genoa e della chiusura del girone di andata, arriva la Coppa Italia con la sfida contro la Roma. I giallorossi faranno probabilmente turnover totale, visto l’impegno della prossima giornata contro la Juventus. I granata devono cambiare qualcosa o giocare con i titolari?

Ti faccio un paragone: noi abbiamo vinto la Coppa Italia nel 70/71 e nell’anno seguente abbiamo fatto tutte e tre le competizioni. Siamo andati avanti fino a marzo e abbiamo tenuto, e sai quanti eravamo in squadra? In 18, con un allenatore e un vice. Adesso si è in 25, con 10 collaboratori, dottori, fisioterapisti eccetera: dove sta scritto che non si riesce a reggere una partita in più in settimana? Io non sono d’accordo su chi dice che i giocatori si stancano, perché la condizione si mantiene con la voglia di giocare. Si deve riposare in altre cose, non nel giocare e nell’allenarsi. Ma per farlo occorre fare vita da atleti. E sono pagati lautamente per farlo. Quindi ce la possono fare benisismo.

67 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Esempretoro - 1 anno fa

    Vorrei intervenire per aggiungere il mio modesto parere su mister e società. Vi sembreró pazzo,ma ciò che sottopongo ad una vostra riflessione è motivato.
    Il giorno che i Lodisti depositarono la famosa valigetta dal notaio Marocco io ero lì, ricordo distintamente le facce di tutti, vecchi e giovani,tifosi di stadio e di poltrona,ct a vita e ignoranti di calcio. La paura di scomparire,orfani di una passione spezzata,il tutto mentre partiva il corteo per trovare Giovannone. Fratelli,uno shock!!!
    Ma siamo qui ancora e ancora,con una bella Società che fa cappelle e che se sapesse quanto poco potrebbe bastare per farci rivivere l’orgoglio passato non potrebbe non farlo.
    Il mister. GPV lo ha massacrato a più riprese in panca,e personalmente ero dubbioso non poco al suo ingaggio (non credo alle sole palle,ci vogliono idee). Ma è il nostro mister,ha la nostra squadra in mano! Quoto Serino al 100%,ma penso che se è vero che i risultati si ottengono quando tutti i remi spingono nella stessa direzione noi DOBBIAMO sostenerlo sempre,anche se la critica è sacrosanta. Scusate per il pippone a cui vi ho sottoposti,ma tra noi insulti e denigrazione non devono trovare spazio,se no cominceremo ad assomigliare a quelli che bruciano le bandiere quando arrivano secondi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alberto Fava - 1 anno fa

      Quotato completamente .
      Bravo bel commento ricco di esperienza e buon senso.
      FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. VG - 1 anno fa

    Sinisa inadeguato? Forse, ma da quando braccino si fa bello con il NOSTRO Toro mi sono abituato alle figure di merda anche con altri allenatori, senza contare gli anni di B e il nulla in serie A, tranne il regalo del Parma. Comodo usare i capri espiatori per evitare di affrontare il vero male.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. rossogranata - 1 anno fa

    La schizofrenia è una malattia bipolare del cervello per cui una persona passa dall’euforia alla depressione, e sapete di chi parlo…
    Al Signor Cairo, continuo a credere, non gliene frega niente dell’Europa, lui guadagna i suoi soldoni nella campagna acquisti direi meglio nella campagna vendite… e allora dicevo che la metà classifica per lui è la panacea di tutti i mali. Cioè a lui piace stare a metà classifica. E’ una maniera “politica” che aveva la Democrazia Cristiana che dentro al partito aveva tutte le correnti politiche che erano in parlamento.
    Insomma Fratelli Granata rassegnamoci a vedere un ALLENATORE TUTTO PAZZO per tutte le stagioni o meglio per tutti i campionati e magiamoci stò Panettone Natalizio con TANTI AUGURI A TUTTIIII !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. r.ponzon_103 - 1 anno fa

    Grande Alberto Fava !
    PS: ma quante minchiate scrivono Pimpa, Prawn, ecc….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alberto Fava - 1 anno fa

      Il festival delle minchiate , che precede l’altro : Sanremo.
      Ma questo è più divertente .
      Ciao

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-13706409 - 1 anno fa

    Giusta analisi, verissimo dove sta scritto che non si riescono a fare 2 partite in una settimana? Basta fare degli allenamenti più leggeri, di scarico, ed avere voglia di giocare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. dennislaw - 1 anno fa

    Bravo Rampanti, ancora una volta un commento che non è un luogo comune: 1) Condivido appieno quando dici che è importatnte l’allestimento della squadra in relazione all’avversario; contro il Napoli , secondo me, il centrocampo era troppo leggero , bisognava schierare Obi e davanti non lasciare fuori un nazionale serbo ( Liajic ) per inserire un Berenguer sopravvalutato dopo il goal a Roma. Continuo a pensare che la società abbia nel comlesso troppi problemi per raggiungere risultati imprtanti: lo staff dirigenziale e l’allenatore. Anche la campagna acquisti è un esempio di confusione: perchè acquistare Lyanco a caro rezzo se poi si fa giocare un 36enne che doveva fare la riserva? Perchè non lasciare in restito Bonifazi per vedere che cosa vale in serie A, invece di farlo ammuffire in panchina ?
    2) Bravo anche quando ricordi che bisogna fare vita da atleti: non so quanti ma io ho visto qualche calciatore del Toro abbuffarsi , bere e fare le ore piccole. Poi non bastano 30 in rosa! Assurdo anche lo saff attorno a Miha, mi dicono 14 persone. E se gli altri fanno tutto, che cosa ci sta a fare l’allenatore?Ma Cairo è Babbo Natale?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. brusbi - 1 anno fa

    Concordo sul giudizio riguardante Edera (che a mio avviso estenderei anche a Boyè) circa la necessita di far giocare le promesse, altrimenti sfioriscono.
    Un po meno d’accordo riguardo alla linea troppo alta che sarebbe inadatta a contrastare il Napoli. L’idea era di limitarne il fraseggio che con la linea più bassa sarebbe più agevole. Il problema è l’attenzione che nella circostanza è semplicemente mancata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Athletic - 1 anno fa

    Come al solito, analisi che condivido completamente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. rossogranata - 1 anno fa

    Non solo come allenatore ma come uomo: SE UNA PERSONA PERSISTE NEL FARE GLI STESSI ERRORI, ALLORA VUOL DIRE CHE MENTALMENTE HA SCARSI DOTI DI RAZIONALITA’. IN DEFINITIVA E’ UN’ ISTINTIVO. E infatti abbiamo visto certe sue reazioni in gesti e in parole, verso i giocatori e verso i suoi collaboratori….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 1 anno fa

      concordo, e’ un po’ quel che penso da tanti, troppi mesi.

      dal 4231 insistito e trito l’anno scorso per interderci, tutto il resto e’ stata solo una triste conferma

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. granatadellabassa - 1 anno fa

    Analisi tattica ineccepibile quella di Serino. Del resto lo stesso Mihajlovic nel dopo partita aveva ammesso i rischi del suo modo di giocare.
    Non condivido invece il discorso sulla eccessiva euforia, in fondo la vittoria di Roma veniva dopo una lunga serie di pareggi ed era stata agevolata dalla superiorità numerica. Insomma, non c’erano troppi motivi per esaltarsi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 1 anno fa

      Lo scrissi, come al solito accusato di pessimismo, se Ciro non faceva la sua boiata finiva in pareggite, si, eravamo meglio del solito, belli quadrati in campo, ma poteva finir male o in pareggio.

      Non e’ che nel primo tempo avessimo tirato 10 volte in porta col portiere avversario da 8 in pagella.

      Ma il Toro e’ costruito a Sua Immagine E Somiglianza: grossi entusiasmi e grosse depressioni, alti e bassi, zero costanza, si sale e si riscende subito.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Granat....iere di Sardegna - 1 anno fa

    Comunque fratelli, anche per cercare di vedere il bicchiere mezzo pieno, la Samp ha perso, il Milan ha perso, la fiorentina ha pareggiato e l Atalanta pure dunque siamo li, basta semplicemente cercare di ripetere la prestazione fatta con la Lazio nelle prossime partite più abbordabili…In fondo non ci vuole molto. Mi sforzo dunque di essere fiducioso. FORZA TORO SEMPRE E COMUNQUE!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 1 anno fa

      Giusto, se poi alle fiducia si aggiungesse anche babbo natale che per regalo ci porta l’esonero del “grande” stratega sarei ancora più fiducioso 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granat....iere di Sardegna - 1 anno fa

        Se vince le partite il suo esonero per me passa in secondo piano…certo che se non le vince non si potrà fare finta di nulla, le chiacchiere stanno a zero ormai è i bonus ce li siamo giocati tutti

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Simone - 1 anno fa

          Se nelle prossime due partite non porta a casa almeno 4p deve andare esere cacciato

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Granat....iere di Sardegna - 1 anno fa

            4? No no nelle prossime due partite ne deve portare a casa sei non quattro perché dobbiamo recuperare e spal e Genoa sono alla nostra portata come dice lui. Poche storie e soprattutto poche scuse. Anche in coppa bisogna andare avanti, in partita secca con la Roma si può fare risultato anche perché loro alla prossima hanno le merde…Come ho detto le chiacchiere sono finite, testa bassa e pedalare

            Mi piace Non mi piace
          2. prawn - 1 anno fa

            Si, le prossime due devono portare sei punti, zero scuse.

            Che succeda pero’… Tra il dire e il fare…

            Mi piace Non mi piace
  12. Mario66 - 1 anno fa

    Questa volta Serino va diretto indicando nell’allenatore il responsabilità per come di è giocata la partita di ieri. Altre volte era stato più diplomatico pur se si è sempre letto fra le righe il suo pensiero. Il fatto che sia uscito allo scoperto è il segnale che si è oltrepassato il limite. Concordo anche con la sciagurata gestione dei giovani e non intendo soltanto Edera. Faccio uma richiesta ai fratelli di Torino e che hanno la fortuna di andare allo stadio. Vorrei uno striscione permanente con scritto Mihajlovic se sei un uomo come dici di essere dimettiti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alberto Fava - 1 anno fa

      Te sei fuori .
      Vieni, vieni a metterlo tu lo striscione in Maratona ……
      Boh
      FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Alberto Fava - 1 anno fa

        Anzi no, mi correggo .
        Mettiti in contatto con i bloggers che puoi leggere qui, sono un buon numero che la pensano come te, organizzate un bel pullman con tanto di striscione appiccicato , e venite direttamente al Grande Torino .
        Secondo me potreste farlo guidare da prawn , con Pimpa capo spedizione.
        Per le bevande hai l’esperto CHC Bull, e poi i compagni di merende ( pardon di viaggio) non ti mancheranno di certo tra o bloggers presenti.
        Come colore del bus, consiglierei un bel bianco brillante , metallizzato .
        Tettuccio rigorosamente …. nero .

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. vittoriogoli_854 - 1 anno fa

          Mah Alberto, aldilà della provocazione dello striscione hai letto cosa ha detto Serino sempre equilibrato nei commenti?
          “ troviamo un modulo poi si cambia tutto” ed aggiungerei io: a capocchia.
          Con la Juve ci siamo suicidati, con il Napoli anche terminerei con un bel “ quo usque tandem Miha abutere patientia nostra?”

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Alberto Fava - 1 anno fa

            Vittorio Vittorio …. che mi scrivi in lingua morta che manco più i preti usano al rosario per i morti ….
            Vabbè va , cerco di dirti cosa penso a riguardo :quella che tu chiami provocazione , io la trovo una minchiata bella e buona , perché rileggitelo tutto e vedrai che è stato scritto in totale buona fede .
            Per quanto riguarda la pazienza nei confronti di Mihailovic, questo vale per te e per gli altri passeggeri del bus di cui sopra.
            Io continuo a sostenerlo e lo sosterrò finché occuperà la nostra panchina .
            Punto.
            Dopodiché sarò curioso di leggere te e tutti gli altri ipercritici “ ad limitem” cosa scriverete qui sopra sull”operato del successore . Io lo sosterrò chiunque esso sia, mentre a voi consiglio di cambiare solo il nome dello striscione appiccicato al bus. O magari cambierete nick e continuerete la zampognata, questo pero’ su di te non posso affermarlo perché tu sei l’unico che si identifica. A meno che non ti iscriva poi con un nuovo nick anche te, per continuare con la nuova zampogna ! :-) ciao FVCG

            Mi piace Non mi piace
          2. Granat....iere di Sardegna - 1 anno fa

            Però Alberto io continuo a sostenere che criticare il mister non vuol dire non sostenerlo. Se non ricordo male anche tu dopo la debacle con la Fiorentina eri molto pessimista ed anche critico sul mister e sulla squadra in generale…ci avevi persino fatto preoccupare…il mister sta rendendo sotto le attese, come Niang o come altri e i suoi errori sono sotto gli occhi di tutti, rimarcati anche da chi ha competenze specifiche, ma questo non vuol dire non sostenerlo finché è il nostro mister…se poi non lo sarà più si sosterrà il prossimo…firmato Luca Ortu…non ci tengo a passare per zurrundeddu…ah ah ah ah…approposito, non so se lo sai, ma zurrundeddu era anche un cane molto brutto ma altrettanto furbo in un noto fumetto sardo che ebbe un grande successo qualche tempo fa…ora è volato via insieme al fumetto…Buona giornata Granata

            Mi piace Non mi piace
        2. tifosoperdavvero - 1 anno fa

          Sei il mio idolo!! Fava for ever

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Alberto Fava - 1 anno fa

            Ti ringrazio Fratello per la considerazione , ma sai qui sopra ormai vengo solo per divertirmi a leggere i commenti dei pipistrelli . Pensa che uno scrive che abbiamo un “Mister ripetente “ .hahaha non si rende neanche conto che lui come Tifoso e’ un analfabeta.
            Si, come sempre il bue da del cornuto all’asino ! :-) ciao e fatti anche tu una bella risata quando leggi ste scrofalate, contribuiscono a rallegrarti la giornata!

            Mi piace Non mi piace
        3. prawn - 1 anno fa

          Il pullman lo guido volentieri, basta che ci organizziamo come si deve, non sarebbe male incontrare tutti i mai content di TN.

          Putroppo vivo all’estero, altrimenti sarei sicuramente andato al Fila a mostrare tutto il mio disappunto.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Alberto Fava - 1 anno fa

            Bene abbiamo ( avete) il driver.
            Ti raccomando però di stipulare un’assicurazione “ kasko”, perché con tutti sti sfigati a bordo , rischi di fermarti nel primo canale che incontri, oppure di buttare giù un pilastro della tangenziale .
            Se poi carichi anche il caro @miele, portati anche una zampetta di coniglio o un ferro di cavallo.
            Lui ha un’attitudine particolare ( per come pensa e come scrive) a calamitare la sfiga.
            Ed al capo mandria Pimpa, ricordagli che in quanto tale ha la responsabilità di moderare insulti e linguaggio.
            Non si sa mai che andiate a parare con i “leoni” o qualche altro gruppo di ultras della torcida…….
            Ah dimenticavo, fate buon viaggio :-)

            Mi piace Non mi piace
  13. rossogranata - 1 anno fa

    Quello che è triste e penoso dover aspettare un personaggio adulto vaccinato come allenatore di serie A farsi carico dei suoi errori e cambiare atteggiamento nelle sue strategie di “attacco e spacco tutto”. Sapevamo tutti che era sbagliato attaccare il Napoli che ha degli elementi rapidi e veloci che avrebbero “bruciato” in velocità i nostri anziani difensori.
    Mi auguro che la dirigenza del Torino dopo l’ennesimo errore pacchiano del nostro Allenatore prenda subito la decisione di sostituirlo DICO SUBITO altrimenti si renderà corresponsabile di un un’altro anno di fallimento per quell’obiettivo europeo al quale tutti i tifosi del Toro aspirano per essere raggiunto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 1 anno fa

      La società e’ già corresponsabile , almeno nella stessa misura di miha

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Alberto Fava - 1 anno fa

        Se vogliamo davvero dirla tutta , e parlare di responsabilità , io sono e rimango convinto che la dirigenza attui sempre e senza deroghe ( a meno che non siano concordate preventivamente ) le linee guida dettate dalla proprietà .
        Questo in tutti i contesti a 360 gradi.
        Altrimenti viene sostituita senza preavviso.
        E vale anche per il Toro.
        Quindi Mihailovic , Petrachi, Comi, Silvano Benedetti e tutti gli altri , eseguono e cercano di ottenere i risultati che fanno parte dei loro Targets con i budget a disposizione .
        E qui si continua ad abbaiare alla luna …

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. prawn - 1 anno fa

        No i responsabili sono prawn e pimpa che criticano nel forum, lo sanno tutti dai

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Alberto Fava - 1 anno fa

    Non mi garba scrivere questo post, perché non ci azzecca con l’intervista.
    Chiedo scusa in anticipo per questo.
    Leggo derisione ed ironia nei confronti del mio invito ad una maggior frequentazione del Grande Torino, a scapito di poltrona bicchiere e web.
    La frequenza (nei limiti delle possibilità ) aiuta a creare rapporti reali con altri Fratelli, migliora la comunicazione tra Tifosi , e visto che gli ingressi distano abbastanza dalle possibilità di parcheggio, si è costretti anche a fare un po’ di moto, che aiuta la circolazione e contrasta la crescita della panza.
    Così di potranno evitare le “ fave di fiuca “ per cercare di snellire.
    Rinnovo quindi l’invito allo stadio , così il fisico ne gioverà e non sarà più ( come presumo ) fa lanciatore di coriandoli , pronti per il campionato del sollevamento del bicchiere pieno.
    Quanto allo schermo nei miei confronti , voglio tornare “ geograficamente “ all’intervista per raccomandare a questi denigratori di : ci intrai in su gunnu.
    E visto che ci siamo , si facciano scortare dal fenomeno Gutalax sistematico di TN che classifica “ mezzi giocatori” e confetto Falqui i nostri beniamini , quando non apostrofa “ mandriano” il Mister .
    Insieme a quest’ultimo ci metto pure “ L”abbonato”, che trascorre i 2 tempo della partita a scrivere le sue solite minchiate su TN.
    Cosa mai avrà visto dal suo seggiolino ( se e vero che c’è l’ha)? Boh mistero .
    Cravadinci su gunnu puru a iissu.
    Chiedere a Serino Rsmpanti per la traduzione , lui capisce di Toro e di questo .
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granat....iere di Sardegna - 1 anno fa

      Ah ah ah ah ah ah ah ah Alberto sei sleale, non tutti conoscono il sardo ah ah ah ah ah ah ah ah

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Alberto Fava - 1 anno fa

        Ciao Granat….iere.
        Infatti , ho raccomandato ai destinatari di chiedere a Rsmpanti . Uno di noi …. in tutti i sensi ! Altro che sti quattro zurrundeddusu…. :-)

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Granat....iere di Sardegna - 1 anno fa

          Ah ah ah ah ah ah ah ah

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. prawn - 1 anno fa

      c’e’ chi puo’ e chi non puo’. c’e’ anche gente che vive all’estero o gente che non puo’ muoversi per problemi di salute, come al solito bisogna cercare di pensare a tutte le tipologie di tifosi, e non solo ai tifosi buoni e quelli cattivi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Alberto Fava - 1 anno fa

        Balle.
        Ci sono Tifosi buono e cattivo in Italia e in Giappone o Argentina. ( ho ancora nel cuore i fratelli del River incontrati 2 anni fa, il 4 maggio Superga ).
        Poi se uno è anche sulla sedia a rotelle , ogni tanto un giro al Grande Torino può farselo, magari facendosi accompagnare .
        Ce ne sono diversi di Fratelli con problemi, e pensa un po’ ….. sono i migliori , quelli che incitano sempre con grande entusiasmo.
        Altra cosa e ‘ fare come te, Pimpa ( la peggior schifezza di questo blog ) , miele , CHC e le sue bottiglie e bicchieri: insulti, derisione , ironia di bassa ma veramente bassa lega.
        Questo è quello che tu chiami “ tutte le tipologie di tifosi”?
        Per me e confermo per me siete un’accozzaglua di sfigati.
        Ah e dimenticavo , tutta il mio sostegno a Mihailovic per i vostri insulti , gli chiedo ufficialmente scusa per vostro conto .
        FVCG

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. tifosoperdavvero - 1 anno fa

          Mi associo

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Pimpa - 1 anno fa

    Allora:Falqui e Baselli rientrano tra i mezzi giocatori non tra gli impresentabili.
    Della cessione di Benassi mai mi sono doluta e mai mi dorro’,rientrando egli nella categoria di cui sopra.
    Mai mi sono aspettata Messi o Ronaldo,come nessuno tra noi. Ma tra prendere loro e avere buttato nel muro una quantità di soldi impressionante per acquistare delle macchiette,ce ne passa. E mi riferisco non a Niang,troppo marchiano,ma a quella serie di carneadi di cui tutt’ora è impreziosita la rosa.
    Per non acquistare Larrondo piuttosto che Carlao o Sadiq non c’è bisogno di geni ma di gente appena appena competente.
    Benissimo Cairo. Non vuole spendere? Bene. Pensa solo al bilancio? Ribene. Ma quei piccioli che decide di spendere,che li usi per comprare giocatorucci che servano per arrivare decimi,non vergogne.
    Tutto sommato,non credo di pretende molto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granat....iere di Sardegna - 1 anno fa

      Quindi cairo va bene tutto sommato…È già qualcosa, penso che si sarebbe risparmiato anche lui questi errori che, peraltro, mi sembrano nella media degli errori che più o meno ogni squadra fa nel calciomercato, insomma dai anche per te il Toro non è poi così male…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. miele - 1 anno fa

      Cara Pimpa, non so se questo post verrà pubblicato, visto che i miei due di ieri sono stati censurati. Nel caso tu lo possa leggere, voglio esprimerti la mia solidarietà.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. robinhood_67 - 1 anno fa

    Anche per Rampanti il Toro del primo tempo è un caso di… suicidio assistito. Dimenticato il primo goal, dove Koulibaly segna senza difficoltà, perché sulla spizzata deĺ primo palo dormono in due, il primo tempo è il manifesto di cosa non fare contro una grande squadra: difesa altissima, 40 metri di spazio per l’attacco avversario, Burdisso chiamato a rincorrere incursori avversari più giovani e veloci, un po’ come Castan nel derby dell’anno scorso.. Se nel calcio vincesse sempre la più forte, sarebbe la noia. Nessuno pensa che il Toro sia più forte del Napoli ma il problema è che l’impostazione della gara presupponeva proprio questo. Si è passati dai 7 uomini sulla linea di metà campo al calcio d’inizio alle ammonizioni per falli di frustrazione. Partita durata mezz’ora e stop. Postilla per Niang. Io non l’avrei mai preso a quelle cifre ma ora è del Toro. È del dicembre ’94 ed é il secondo più giovane marcatore in Ligue 1 a 16 anni. Chi lo fischia già all’ingresso in campo non fa il bene del Toro. E Miha a ragione a dire che per il campionato del Toro peseranno molto le prossime 5 partite. Sperando di giocarle con Liajic.Non è vero che la stagione è già finita, né, come scrive qualcuno, che questa è un rosa di giocatori scarsi. Questa squadra ha il settimo monte ingaggi di serie A.
    Forza Toro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. robertopierobo_206 - 1 anno fa

    Esporre la propria squadra a batoste come quella che poteva capitare ieri, è davvero un atto incomprensibile ed autolesionista. I giocatori perdono fiducia e rischiano persino di fare sciocchezze. Contro un avversario così più forte di te non puoi chiedere ai tuoi di giocare così, li esponi a brutte figure. È un atto di arroganza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. drino-san - 1 anno fa

    Concordo col fatto che non puoi giocare col Napoli con una difesa così alta. Va bene andare in campo gagliardi, ma certe partite devi giocarle difendendoti e cercando il colpaccio in contropiede, non andando avanti come carne da cannone, soprattutto se gli uomini pericolosi in contropiede li hai…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. samuele.u_683 - 1 anno fa

    Ma questo signore che parla e che dà giudizi sull’operato di Mihajlovic (Edera in campo?) è lo stesso che quando sedette sulla panchina del Toro teneva Rizzitelli a riposo e che venne esonerato alla quinta di campionato con un Toro che con un altro allenatore sfioro la zona UEFA e vinse due derby?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 1 anno fa

      Beh fu anche un po’ ingeneroso esonerarlo cosi’ in fretta, in ogni caso sono 20 e passa anni fa, bel toro quello, tanti nomi che mi sono rimasti nel cuore.

      Magari Miha fra 20 anni impara qualcosa, vedrai 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. prawn - 1 anno fa

    CMQ non sono d’accordo sul fatto che l’annata sia gia’ compromessa (un paio di commenti qua sotto), la classifica e’ relativamente corta, le prossime 4/5 partite sono alla portata.

    L’annata e’ compromessa se non si cambia niente, se la societa’ non interviene punzecchiando Miha un po’ di piu’, sistemando l’organico (che cmq non e’ da Europa) oppure cambiando allenatore (cosa che non succedera’ e forse meglio cosi’, guardate il Milan).

    Che io poi ci speri che cambia qualcosa da qua a Gennaio… Beh… Poco putroppo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pimpa - 1 anno fa

      Per questo è compromessa:perché tutto quello che serve,non si fa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Pimpa - 1 anno fa

    Che l’annata fosse nuovamente persa si è capito,si doveva capire,c’era già tutto per capirlo, dopo Juve e Chievo,ammesso che non si dovesse arrivare alle stesse conclusioni alla prima di campionato,quando:
    Continuava a sedere il mandriano in panchina
    Permanevano gli stessi mezzi giocatori che per qualcuno ancora sono i nostri punti di forza,ma banali considerazioni empiriche,fredde,ci dicono che non hanno carattere,continuità di rendimento,risolutezza:Baselli Falqui Obi
    Infestavano la rosa gli stessi inguardabili:De Silvestri Molinaro.
    Si acquistavano giocatori dei quali c’è solo da vergognarsi: Niang e Sadiq oppure altri il cui curriculum parla,anzi grida,da se’:Rincon oppure altri che hanno gridato per una vita tutta la loro fragilità:Ansaldi.
    Si mantenevano in rosa quelli che avevano contraddetto le più rosee aspettative:Boye e Gustafson.
    Si girava e rigirava la squadra per trovare una sistemazione a uno che ha sempre fatto defecare,creato casini ed è stato regolarmente svenduto per disperazione:Ljaic.
    Si confermava,e anzi lo si faceva redattore della lista della spesa,uno che non è un allenatore,non uno bravino o scarso o catenacciaro,no,proprio uno che non ha niente a che vedere col mestiere di allenatore,niente.
    Quando succede tutto questo,dove volevamo andare?
    Quegli sparuti irriducibili,che prendono le considerazioni tecnico/tattiche ovviamente disastrose e disperanti alla stregua di offese a lor madre o schiatta,dovrebbero riflettere sul fatto che sono passati ormai due anni (più i cinque di Ventura) and it’s always the same old story.
    Siamo noi i mai cuntent o loro che non la intendono?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 1 anno fa

      Scusa Pimpa ma… su che pianeta vivi?!? ma tu davvero pensavi che arrivasse Ronaldo e Messi? tu sei uno di quelli che piange per la cessione di Benassi è una vergogna (immenso talento, visto che lo abbiamo venduto), mentre Baselli o Iago sono impresentabili (perchè confermati ovviamente)… quindi? mi potresti fare la tua personale formazione? sono proprio curioso di leggerla…non valgono le vecchie glorie eh… calciatori di questo tempo, grazie!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granat....iere di Sardegna - 1 anno fa

      Devo dire pimpa che questo tuo commento me lo aspettavo…dici più o meno le stesse cose ogni volta che si perde, a parte il confetto falqui che le altre volte non hai citato, magari è legato al tuo stato d animo…però proviamo un po a ragionare sulle alternative, partendo dalla testa del pesce ovviamente, perché io non ho ancora capito quali sarebbero, secondo te, le soluzioni. Che presidente vorresti? Che ds vorresti? Che giocatori a portata di budget ti piacerebbe giocassero nel Toro? Volutamente non parlo del mister su cui anche io ho perplessità, per mia fortuna non dettate da odio personale ma semplicemente dall insoddisfazione sul suo operato…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Simone - 1 anno fa

    Chissà se Serino, che ha fondamentale detto le stesse cose di tanti tifosi, ieri sera era allo stadio.
    Altrimenti non potrebbe parlare (cit.)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. CHC Bull - 1 anno fa

      Ti riferisci ad Alberto Fava di Fuca?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Alberto Fava - 1 anno fa

        Posa il fiasco …..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. prawn - 1 anno fa

      Eh ma Serino ha giocato a calcio, e’ un ex-allenatore, e’ un Granata vero eh

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Simone - 1 anno fa

        X dire la tua non basta, DEVI essere stato allo stadio.
        È l’unico requisito richiesto;-)

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Alberto Fava - 1 anno fa

    Bella e completamente chiara.l’ultima frase .
    L’analisi globale come sempre molto lucida e costruttivamente critica.
    Completamente da condividere .
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 1 anno fa

      Ma lo vedi che siamo daccordo Alberto?

      Semplicemente usiamo due dizionari diversi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Alberto Fava - 1 anno fa

        Io e te?
        Mai, e poi non userei neanche la marca di carta igienica che usi te , altro che dizionario.
        Te usi quello di Pimoa .

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. ALESSANDRO 69 - 1 anno fa

    Concordo pienamente con tutta l’intervista….Soprattutto con la teoria della presunta stanchezza dei giocatori che fanno più di una partita a settimana……
    Mi ricorda l’intervista di Mourigno quando era all’Inter proprio in merito a questo argomento: ” Quando un giocatore beve acqua, si allena regolarmente,si comporta da professionista a tavola e va a dormire presto alla sera può fare 3 Partite a settimana, prendete esempio da Zanetti,se lo fa lui a 37 anni…..” Tutto molto chiaro no??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. stevetoro - 1 anno fa

    ieri purtroppo gli errori maggiori sono stati di burdisso,ma realmente la squadra oltre il 9 posto non credo che arrivera’,il tecnico non è in grado di migliorarla,l’acquisto di niang è stato uno spreco di denaro, belotti segna col contagocce, ljalic è in regressione….e dunque l’annata è compromessa gia a natale.mihalovic un tecnico non da europa,trova solo scuse ma mai rimedi…come tutti i perdenti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. prawn - 1 anno fa

    Ce bel commento Serino, ma senti, non ti puoi sedere con Miha la domenica in panchina? O anche solo durante la settimana.

    Io credo che l’oscillare di cui parli sia proprio lo specchio di un allenatore che non ha mezze misure (titolari a vita o tribuna; giochiamo tutti in attacco o pareggiamo e basta).

    Altri sostantivi e aggettivi da sottolineare nel tuo commento: azzardo, pazzesco, autolesionistico.

    E ottimo anche il commento sulla coppa italia e il largo numero di collaboratori.

    Insomma, siamo sempre d’accordo con te, si fatica a capire come mai la societa’ non la pensi allo stesso modo…

    Grazie anche oggi per il tuo contributo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granat....iere di Sardegna - 1 anno fa

      Sì Grazie, però mi sembra che non sia solo il Toro ad avere problemi di continuità…settimana scorsa il mister era da stimare perché aveva rivisto alcune sue posizioni, questa settimana è da biasimare perché ha compiuto un suicidio tattico…Mi sa che l euforia ha preso un po tutti, commentatori inclusi. Per me la partita col Napoli non fa testo, faranno testo le prossime e in ogni caso il mister ha spiegato che cosa aveva in mente di fare e dove voleva bloccare il Napoli. Ha preso un granchio clamoroso ma aveva idea di fare una cosa che non gli è riuscita, amen. Col Napoli per me ci può stare, puoi perdere anche se non sbagli nulla. Le prossime partite invece dipendono dal Toro e allora si vedrà se la Lazio è stata un felice intermezzo di una stagione da buttare

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawn - 1 anno fa

        Secondo me sia Lazio che Napoli non fanno testo.

        C’e’ da esser contenti per i 3 punti totali.

        Con la Lazio se Ciro non perdeva la testa secondo me non vincevamo, era un 1-X sulla schedina. Col Napoli, spegnendo la testa da tifoso era un 2 secco.

        Spal, Genova e poi ci sono altre partite abbordabili.

        Miha si gioca la stagione, l’Europa, il contratto, la credibilita’ nelle prossime 5, vediamo che fa.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy