Rampanti: “Zaza? Nel Toro dei miei tempi ci avrebbe pensato Ferrini”

Rampanti: “Zaza? Nel Toro dei miei tempi ci avrebbe pensato Ferrini”

Parola al Mister / Serino analizza così i temi del momento granata dopo Parma-Torino

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Il pareggio di Parma ha smorzato un po’ l’entusiasmo intorno al Torino, non la voglia di continuare a lottare: la classifica dice che a sette giornate dalla fine l’Europa è ancora a portata di mano. Ecco come Serino Rampanti, nella sua rubrica “Parola al Mister”, analizza i temi di casa Toro.

Serino, tanto dominio ma nessun gol: il Torino ancora una volta ha faticato a concretizzare contro una squadra chiusa a riccio. 

“Il fulcro del gioco di una squadra è sempre il centrocampo. E’ in mediana che nasce lo sviluppo della manovra: tempi di gioco, visione di gioco, cambi di passo, sono tutti fattori che incidono e che devono essere caratteristica dei centrocampisti. Il reparto deve avere un giusto mix, con giocatori che possano garantire tutti questi fattori. Dunque se il Torino fatica più del dovuto contro squadre che si difendono con undici uomini dietro la linea della palla credo sia un tema che riguardi in primo luogo proprio il centrocampo. Serve fare di più in questa zona sia per il finale di stagione che per il futuro”. 

Parlando di centrocampo, viene da chiederti un parere sul momento di Soualiho Meité: pare in ripresa, ma lui stesso ha detto di star rendendo al di sotto delle proprie potenzialità. 

“Lo vedo meglio in queste ultime partite, ma il calo c’è stato ed è innegabile. Può essere dovuto a due ragioni: forse si è distratto un po’, e non conoscendo il campionato italiano non sapeva che cali mentali non se ne possono avere. E forse ha pagato fisicamente, per la struttura incredibile che ha, lo stop di gennaio, quando venne squalificato. Ha fatto una grande fatica, ma Mazzarri deve averlo ripreso nel modo giusto. Speriamo possa chiudere il campionato come lo aveva iniziato: saremmo decisamente a cavallo”. 

Rampanti: “Più Mazzarri è drastico nelle decisioni, più il Torino rende”

Tiene banco il caso Zaza, dopo un’altro spezzone decisamente negativo in quel di Parma. Anche perchè contro il Cagliari probabilmente l’attacco del Toro sarà nelle sue mani. 

“Non sono tanto sicuro del fatto che Mazzarri lo farà giocare. Quando vedo certi errori, mi viene sempre da fare una battuta (e sottolineo, è una battuta): “Ma gioca per il Toro o per gli avversari?”. Io su di lui ho espresso prima perplessità, poi preoccupazione, oggi lancio un allarme. Contro il Cagliari è una partita determinante per il campionato granata e affidargli le chiavi dell’attacco può essere un rischio per il momento che vive attualmente: il pubblico potrebbe iniziare a beccarlo al primo errore, e lui potrebbe ancora una volta cedere al nervosismo. E’ l’attaccante più ammonito del campionato, con un giallo ogni 155 minuti, come si fa a escludere che possa lasciare in dieci i compagni in una partita decisiva? In ogni caso, su di lui, fatemi dire una cosa: avesse giocato nel Toro dei miei tempi, credo che capitan Ferrini o giocatori simili lo avrebbero aiutato più che volentieri a redimersi”. 

Rampanti: “Chi si siede non raggiunge gli obiettivi”. E su Petrachi…

Tornando a parlare della squadra: a Parma sono emersi i limiti della rosa corta che il Toro ha voluto costruire?

“Col senno di poi è sempre più facile giudicare. Visto quanto ha influito la stanchezza, oggi si può dire che avere una o due scelte in più sarebbe stato molto utile. Ma non è mai facile mettere in preventivo che infortuni e squalifiche possano sommarsi, magari anche in uno stesso reparto. Quindi dico di sì, ma chi parla a cose fatte ha sempre ragione”. 

I risultati delle concorrenti comunque hanno attenuato il rammarico per i due punti persi contro il Parma. E l’Europa, anche quella più “importante”, rimane a portata di mano… 

“Tutte le concorrenti sembrano fare a gara nello sprecare punti in gare che sulla carta sembrano alla loro portata. Questo a conferma che i risultati in questa Serie A sono scontati per pochissime squadre. Per tutte le altre è un campionato bello e avvincente in cui le sorprese non mancano. Pensiamo ai punti che il Torino ha perso contro Bologna e Parma: ne avesse fatti di più, dove sarebbe ora? Invece nonostante questo la squadra è ancora in piena lotta, con buona pace non solo di una frangia minoritaria di tifosi che è disfattista a prescindere, ma anche di alcuni opinionisti e commentatori. Ora è tutto nelle mani di Mazzarri e dei giocatori. La concentrazione e l’atteggiamento non devono mai mancare. Nel frattempo l’auspicio è che alcuni elementi riescano a rendere per quelle che sono le aspettative e che giocatori importanti, come Iago Falque, tornino al più presto a disposizione”. 

 

21 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Esempretoro - 1 settimana fa

    Per quanto concerne Zaza le chiacchiere stanno a zero, Domenica dimostri che molti di noi (me compreso) si sbagliano, faccia vedere che prima che un calciatore sa essere un uomo. In serie A un Bimbominchia c’è già,la contesa per averne un secondo al Toro non ci appassiona.
    Il suo apporto fino ad ora è stato ridicolo, quindi fuori gli attributi ORA!!!! Non mi interessa che segni, ma che dia un senso alla sua presenza facendo vincere la squadra con impegno e grinta. FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ToroShakty - 2 settimane fa

    quanto rimpiango Maxy Lopez, avessimo lui contro il Cagliari altro che Zaza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. suoladicane - 2 settimane fa

    io quello che imputo allo staff tecnico, così non parlo sempre del conducator, è questo: come fai ad avere giocatori fuori forma in pieno girone di ritorno (Meitè, Falque, Zaza che in forma non sembra esserci mai entrato?)?

    con al rosa corta a maggior ragione tutti in forma dovrebbero essere, perchè tutti avrebbero dovuto avere più minuti nelle gambe,; qualcosa non torna
    SFT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. avvopal_14171626 - 2 settimane fa

    L’unica speranza che ho per Zaza è che giocando da prima punta senza altri attaccanti a fianco possa avere quello spazio e quei movimenti che in tutte le altre occasioni non ha avuto….prima di venire da noi è innegabile che la palla, di riffa o di raffa, l’ha sempre buttata dentro ovunque sia andato…speriamo che lo faccia domenica…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-13874355 - 2 settimane fa

    Orobico Granata –
    pur condividendo alcune riflessioni non sarei così certo riguardo all’eccesso di spese fatte con Mazzarri rispetto a quelle fatte con Sinisa. A memoria RINCON e NIANG sono arrivati con il Serbo. Con il livornese Zaza e Soriano. Ma Soriano è già stato imbarcato perciò credo che non si sia nemmeno fatta scattare la clausola del riscatto.
    Inoltre Ljaic e NIANG dovrebbero essere riscattati dai rispettivi club per cui in realtà anche con Mazzari ci sono state delle vendite.
    Sempre forza toro fratello e restiamo vicini ai ragazzi con entusiasmo e positività. Forse male e con tante cose da migliorare, ma penso sia innegabile che anno dopo anno stiamo crescendo e facendo più punti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granat....iere di Sardegna - 2 settimane fa

      La memoria ti inganna e io parlavo di differenza tra entrate e uscite. Rincon e niang sono arrivati col serbo ma solo la cessione di zappa ha fruttato 30 mlni. Con Mazzarri Izzo con bremer e zaza fanno già 31 milioni e Barreca ha pagato meite. Se non lo farà la redazione cercherò di farlo io sto calcolo, così giusto per capire. Quando si fanno paragoni bisogna farlo per elementi omogenei. Non si possono paragonare i cavoli con le lenticchie. Il sostegno alla squadra non è in discussione. Se Mazzarri ci porta in Europa per me può restare anche a vita, tanto rispetto al gioco che ci propina non può che migliorare. Se però non ci porta in Europa deve andarsene perché ha fallito un obiettivo più che legittimo in virtu delle risorse spese dalla società per la campagna acquisti e per il suo lauto compenso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Carlin - 2 settimane fa

    Conoscendo Ferrini, Zaza non avrebbe mai messo piede al FILA!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. freddy - 2 settimane fa

      E pure Cairo non se la sarebbe passata bene

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. r.ponzon_13686323 - 2 settimane fa

        Ma basta ! Se siamo una squadra virtuosa, in corsa per l’Europa a poche giornate dal termine del campionato dobbiamo ringraziare CAIRO, nessun altro. Chiaro Freddy ? Oppure vuoi provarci tu a prendere il Toro e portarci in Champions….

        Che rottura di palle

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Granat....iere di Sardegna - 2 settimane fa

    Io però due quesiti li porrei: ma se fosse stato Mihajlovic a pretendere una rosa corta cosa si sarebbe detto? Che col senno di poi è facile parlare? E se per Mihajlovic si fossero spesi i milioni che si sono spesi per Mazzarri, senza incassarne, cosa si sarebbe detto col centrocampo che, come ogni anno, ha le solite lacune? Dopo una vagonata di soldi spesi, che probabilmente non vedremo più dalle parti di cairo, sei mesi di attenta osservazione della rosa per fornire indicazioni di mercato ci ritroviamo a lottare ancora per l europa grazie al fatto che gli altri zoppicano come noi e col centrocampo che ha gli stessi problemi degli anni passati. Possiamo anche aggrapparci a record parziali quanto effimeri e al fatto che siamo ancora lì ma resta il fatto che dopo sei mesi di attenta osservazione e tanti milioni spesi ci ritroviamo una squadra che, per il gioco espresso, rischia seriamente di essere la cenerentola tra quelle che lottano per l europa. Alla redazione, a cui piacciono tanto le statistiche per dimostrare che la squadra fa possesso palla, anche se non segna, suggerisco sommessamente due sondaggi. Il primo è quanto ci costa Mazzarri per ogni punto fatto rispetto a chi l ha preceduto e a Ventura della qualificazione in Europa. Il secondo potrebbe essere il rapporto tra quanto si è speso in più per Mazzarri (sempre rispetto a quanto incassato) e i punti fatti. Si scoprirà, e spero che cairo analizzi il dato, che la gestione Mazzarri è in grave perdita. Parafrasando, è come se avesse un conduttore di La7 che fa poca audience e attira poca pubblicità, oppure un direttore di giornale che vende poche copie…di solito in questi casi si procede alla rimozione, cosa auspicabile se Mazzarri non ci porta in Europa. Li poi sarà tutto da vedere quale è la frangia di tifosi minoritaria anche perché nessuno è in grado di dire quale sia l umore reale di tutta la tifoseria. A naso direi che se non si va in Europa non penso ci sarà un clima di generale soddisfazione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. èunafede - 2 settimane fa

      Ma veramente pensiamo che sia tutta colpa di Mazzarri? Personalmente non lo adoro ma non mi sembra che guru come Di Francesco, Gianpaolo o altri abbiano fatto sfracelli. Ho letto solo critiche sugli ultimi … 20 allenatori del Toro. mentre gli altri tutti strateghi, la maggior parte di loro con qualche esonero alle spalle qua e là. un anno fenomeni, un anno brocchi. Qua e all’estero (Ranieri, Conte, ecc.). Se non erro il buon Gasperini vanta esoneri con Inter e Palermo…. certo piazze particolari, difficili… perchè Torino non lo è?? Detto questo ci sarà pure di meglio in giro, ma per il momento io auguro ogni bene a Mazzarri, sperando che ci porti in Europa e non che non si vada almeno lo cacciano; non mi sembra un approccio molto costruttivo… FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granat....iere di Sardegna - 2 settimane fa

        Forse non mi sono spiegato. Io non ho detto che è tutta colpa di Mazzarri, anche se è lui che ha detto che i sei mesi della stagione scorsa servivano a valutare la rosa e a dare indicazioni sugli interventi di mercato. Ho detto invece che il suo rendimento non è per niente soddisfacente rispetto ai soldi spesi quest anno dalla società e rispetto al suo ingaggio. Tutto qui. Che i giocatori abbiano limiti nessun dubbio ma così come prima era tutta colpa di ventura prima e di Mihajlovic poi mi spieghi perché in questo caso dovrei dire che Mazzarri non ha nessuna responsabilità, posto che per gli altri due la società ha messo a disposizione le briciole?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. èunafede - 1 settimana fa

          Capisco la tua posizione ma sinceramente non trovo un driver attendibile il rapporto ingaggio allenatore/punti fatti per dare una valutazione equa al suo operato. come detto ci sono mille variabili che incidono. Di Francesco aveva un rapporto ingaggio/punti fatti al Sassuolo decisamente diverso da quello avuto alla Roma… ma è sempre lui. Quindi prendo e giro la tua osservazione: ha anche lui responsabilità come tutti gli altri attori quando i risultati raggiunti si discostano da quelli messi a budget. Poi se sei la Juve qualcuno una mano te la da sempre… quando sei il Toro qualcuno la mano te la toglie appena può…Spero che arriverà un periodo in cui qualcuno ci metterà d’accordo a suon di risultati :-) FVCG

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. freddy - 2 settimane fa

      Mi trovi concorde. Valori come ROI e ROE (indici di efficienza finanziari per chi non si occupa di bilanci) hanno significato anche nel calcio, alla fine sempre di spa si tratta. E sul ritorno dei soldi investiti questo anno mi trovi assolutamente d’accordo. Proviamo a calcolare il ROI di ogni messo nel Toro da Cairo e vediamo quanto ci ha guadagnato (non lui, per carità, la società che è sua in stragrande maggioranza) credo escano valori che spiegherebbero moto sul perchè non si vince mai una mazza

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. granatadellabassa - 2 settimane fa

    Mazzarri dovrà lavorare sodo sulla testa di Zaza. È impensabile pensare di giocare con Damascan o Rauti dal primo minuto. Ragazzi che tra l’altro due giorni prima si dovranno giocare la finale di coppa Italia.
    Speriamo che nella zucca di Zaza entri un po’ di buon senso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. DavideGranata - 2 settimane fa

    “….Ma non è mai facile mettere in preventivo che infortuni e squalifiche possano sommarsi, magari anche in uno stesso reparto….”

    …eh si…a tre quarti della stagione sono tutti “ben allenati, riposati e freschi come rose”, senza il benchè minimo cartellino giallo o diffida a carico…!!!

    Cosa mi tocca leggere da una Vecchia Gloria come Serino Rampanti…!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Simone - 2 settimane fa

    “Il fulcro del gioco di una squadra è sempre il centrocampo. E’ in mediana che nasce lo sviluppo della manovra: tempi di gioco, visione di gioco, cambi di passo, sono tutti fattori che incidono e che devono essere caratteristica dei centrocampisti.”
    E noi ci liberiamo di Ljajic x affidare l’inventiva al rugbista Meite e all’incompiuto Baselli.
    Che strateghi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kieft - 2 settimane fa

      Su ljiaic hai ragione ma su baselli no ….quando lo perderemo lo rimpiangeremo …alla pari di sirigu e nkulu…su maite il discorso è diverso, ha pregi e difetti ma aspetterei a giuducarlo ….sicuramente non è un rugbista.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Simone - 2 settimane fa

        Baselli è l’incostanza fatta persona. E te lo dice uno che lo ha stimato tantissimo. Ma, soprattutto, non ha la giocata che ti aspetteresti da un centrocampista. Basta andare a vedere quanti assist ha fatto in carriera.
        Meite ha il fisico del rugbista con la velocita’ di un bradipo. A 25 anni vederlo trotterellare a me urta e non poco.
        Se poi ti ammaliano i 2/3 tocchetti di fino fini a se stessi che fa senza che portino un valore aggiunto buon per te. Il campionato è finito, non mi serve altro per giudicarlo ne devo attendere che “maturi” vista l’età.
        Personalmente lo darei via senza alcun rimpianto per puntare ad un sig. Centrocampista con in controcoglioni!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. user-13967438 - 2 settimane fa

    Eh vabbè…
    Aina ha finito la squalifica, Ansaldi potrà giocare da prima punta, che insieme al portiere è ancora un ruolo che non ha fatto…

    Papillon

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dami61 - 2 settimane fa

      Di sicuro Ansaldi lo farebbe meglio di Zaza… :-)

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy