Rincon 6: può dare di più, ma è lui il vero leader del centrocampo

Rincon 6: può dare di più, ma è lui il vero leader del centrocampo

Il Pagellone di TN / Il centrocampista è stato tra i pilastri di Mihajlovic: con Mazzarri la chance di rafforzare la propria leadership

di Redazione Toro News

Anche per Tomas Rincon è arrivato il momento di ritirare il pagellone di metà stagione. Una prima fase di campionato tutto sommato positiva per il mastino venezuelano, che in questi mesi iniziali passati tra le fila del Torino si è distinto per grinta e personalità. Arrivato sulla sponda granata del Po, dalla Juventus per una cifra complessiva vicina ai 9 milioni di euro, tutti si aspettavano “El General” che aiutasse la squadra a compiere il tanto auspicato salto di qualità, per raggiungere l’Europa League. L’impatto con la realtà granata però non è stato dei migliori: nonostante Rincon si sia distinto per contrasti vinti e palloni recuperati (dato nel quale è tra i migliori centrocampisti della Serie A).

Il rapporto con Mihajlovic è stato di fiducia reciproca sin dal primo giorno. Il tecnico serbo, quando ha potuto, ha sempre puntato fortemente sul capitano della Nazionale Venezuelana. I risultati però sono stati altalenanti: l’inizio non è stato dei migliori, con il derby contro la Juventus che ha segnato forse la peggior prestazione di Rincon dal suo arrivo al Torino. Con il passare delle giornate però il numero 88 ha saputo rialzarsi, fino a trovare il primo gol in granata nella straordinaria vittoria dell’Olimpico contro la Lazio dell’11 dicembre scorso. Il limite più evidente, al momento, sembra ancora quello dell’eccessiva aggressività.

Se è vero che da un lato questa peculiarità fa parte delle certezze più solide del giocatore, dall’altro le 7 ammonizioni rimediate nelle 19 partite giocate in Serie A sono troppe. Il centrocampo del Torino ha estremo bisogno dei suoi muscoli e della sua spiccata leadership, e dunque le squalifiche dovranno diventare soltanto un lontano ricordo. Nella seconda metà di stagione la squadra avrà bisogno di lui: anche con l’arrivo di Mazzarri, il suo ruolo non sembra essere destinato a cambiare e per raggiungere l’Europa League bisognerà affidarsi anche ai suoi polmoni e alla sua grinta. Insomma: tanta strada è già stata fatta, ma c’è sempre spazio per migliorare e migliorarsi.

 TOMAS RINCON Serie A Coppa Italia
Presenze/minuti 19/1652′ 2/110′
Cartellini gialli 7 0
Cartellini rossi 0 0
Gol  1 0
Assist  2 0
Voto: 6
3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. abatta68 - 7 mesi fa

    Per me Rincon è un buon acquisto che finora ha reso meno del dovuto. Ma credo che sia un problema legato al centrocampo in generale e all’organizzazione di questo reparto, da tempo troppo trascurato e i cartellini gialli numerosi sono la rappresentazione del problema, perchè quando non si è messi bene in campo il fallo è l’unica soluzione che ti rimane. Io lo vedo come un giocatore determinante per il gioco di Mazzarri e “i piedi di ferro” sono ben altra cosa. E’ un giocatore integro ed esperto, ha grinta e difficilmente sbaglia l’approccio alla partita. Poi che tutto gli riesca bene sempre, questo no… ma ripeto, è l’intero reparto che deve crescere, poi ogni singolo centrocampista renderà meglio in ogni partita, esattamente come sta succedendo per la difesa, dove bene o male tutti stanno facendo bella figura.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. maraton - 7 mesi fa

    visto il rendimento fino ad ora acquisto decisamente strapagato, oltretutto ai gobbacci. mi aspettavo decisamente di più da lui, sulla carta era il miglior prospetto pronto per il campionato di serie A, alla resa dei conti si è rivelato giocatore ruvido ma senza consistenza, dinamico ma sovente in ritardo.
    per me: voto 5.5

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. FVCG'59 - 7 mesi fa

    9 milioni+contratto+bonus mi sembrano una follia per questo modestissimo centrocampista dai piedi di ferro, gambe corte, che non sa cosa fare con la palla tra i piedi e tira in porta col contagocce. Non smetterò mai di ripeterlo che abbiamo solo fatto un grosso piacere ai bobbi a prendere uno così, da ricordare per la sola partita con la Lazio e mezza con l’Inter ma cintura nera di ammonizioni, quello sì!
    Ce ne sono a decine di ragazzi italiani che potrebbero tranquillamente giocare al posto del general: per me voto 4!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy