Torino e Rinnovo Belotti, manca solo l’annuncio

Torino e Rinnovo Belotti, manca solo l’annuncio

Il punto / Ormai la firma del giocatore è vicina: le condizioni sono state accettate dal Gallo, e la clausola sicuramente ci sarà

Il Torino, oltre alle questioni legate al campo, deve pensare anche ai rinnovi contrattuali dei propri giocatori. Dopo aver blindato la nuova stella della fascia sinistra Antonio Barreca (QUI l’annuncio del rinnovo del terzino), l’attenzione della società granata si è spostata sull’attaccante italiano del momento Andrea Belotti, che ha impressionato molto con la maglia del Toro ma anche con quella della Nazionale italiana. Perciò non sono di certo mancati gli interessamenti da parte di società importanti, che vorrebbero assicurarsi quello che è al momento uno degli attaccanti più in forma d’Europa, e che è riuscito a totalizzare ben 10 gol nelle sue prime 12 presenze. Perciò il Torino ha “drizzato le antenne”, e ha cercato subito di adeguare l’ingaggio del giocatore proponendo un rinnovo al giocatore.

DETTAGLI – Dopo aver limato i dettagli di quello che sembra un contratto “ad hoc” per il Gallo (QUI i dettagli del contratto), si è passati alla riflessione su una clausola rescissoria per il giocatore, basandosi anche sulle transazioni della Serie A di questo stesso anno (vedi l’acquisto di Higuain). Perciò la questione è stata molto studiata, sia dalla società di via Arcivescovado che dall’entourage del giocatore, in particolare perché il Torino ha la volontà di tutelarsi nel caso in cui una squadra estera decidesse di aprire il portafoglio e mettere sul banco granata una cifra intorno ai 90 milioni.

ANNUNCIO – Ormai, dopo aver deciso di mettere sicuramente una clausola rescissoria, come ha detto lo stesso Gianluca Petrachi nel pre partita del match contro il Chievo (QUI le parole del Ds del Toro), si attende quello che pare un imminente annuncio da parte della società del Torino. Il ragazzo, perciò, sarà legato al Toro fino al 2021, con un ingaggio vicino al milione e mezzo a stagione escludendo i bonus, con una clausola verso le squadre estere: infatti se una squadra italiana dovesse volere il giocatore, dovrebbe intraprendere una trattativa proprio con il presidente Urbano Cairo e Gianluca Petrachi.

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Yuri - 6 giorni fa

    Fosse per me, in Italia, non starei a sentire proprio nessuno. Porta chiusa e stop. E per l’estero….fossi Andrea ci penserei 100 volte, anche di fronte ad ingaggi “monstre”…rischia di sparire come tanti altri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Fabius - 6 giorni fa

      Forse no, perché a differenza di altri lui ha testa e umiltà

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Yuri - 6 giorni fa

        Anche Matteo (Darmian) ha umiltà e testa….ma non sempre vengono apprezzate come qualità.
        Alcuni preferiscono gli spocchiosi senza cervello…
        Teniamolo stretto qui che è meglio per tutti.
        FTS.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. abatta68 - 6 giorni fa

      Tutto può essere, lo abbiamo visto molte altre volte… io comunque non sottovaluterei “l’effetto Hart”che ha messo in atto un comportamento opposto e che stà diventando sempre più leader di questa squadra. Vero che ha un ingaggio non indifferente ma… staremo a vedere.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. abatta68 - 6 giorni fa

    Bravissimi

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy