Roma, Cristante: “Mi trovo bene nel nuovo ruolo. Lo spogliatoio è affiatato”

Roma, Cristante: “Mi trovo bene nel nuovo ruolo. Lo spogliatoio è affiatato”

L’avversario / Il centrocampista giallorosso ha parlato: “Rapporto con il mister? Buono, come con tutti i giocatori. C’è una buona situazione di squadra”

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Nella giornata odierna ha anche parlato il giocatore giallorosso Bryan Cristante ai microfoni di Roma TV, ed ha risposto a diverse domande sul suo conto. Ecco le sue parole:

I tifosi mi vogliono bene? Si percepisce subito il calore che c’è a Roma. Il mio nuovo ruolo? Mi trovo bene, abbiamo trovato la nostra quadra, poi cerchiamo sempre di migliorare. Rapporto con il mister? Buono, come con tutti i giocatori. C’è una buona situazione di squadra. Perché ti è servito un po’ di tempo per entrare in forma? Non è mai facile quando si arriva in un ambiente nuovo, serve trovare le giuste distanze con tutto. Penso sia normale. Ambientamento? Funziona che cambi tipo di allenamenti, squadra, allenatore. Ogni cosa è diversa, poi si impara bene tutto. Quale centrocampisti ammiri? A me da ragazzino piaceva molto Lampard, faceva le due fasi, difendeva e segnava, era il centrocampista che guardavo di più. Idolo? Un idolo fisso no, però mi piaceva molto Lampard. Miglior calciatore con cui hai giocato? Avversario più forte? Ai tempi del Milan c’era Ibrahimovic, mi aveva impressionato molto a primo impatto, ho preso qualche strigliata da parte sua (ride, ndr). Da avversario, dico che inizialmente ti impressionano un po’ tutti, forse dico Messi perché mi ha fatto un certo effetto quando l’ho affrontato. Cosa ti ha regalato l’esperienza all’estero? Mi ha dato tanto, sono cresciuto molto al Benfica e sei obbligato, altrimenti sei tagliato fuori. Hai mai dubitato delle tue capacità? No, ho sempre pensato a lavorare. Poi è vero che ci sono stati ostacoli, ma tutto ciò ti aiuta a crescere per poi dare il massimo“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy