Rubriche TN- Cogito ergo..Toro, si può essere soddisfatti per la stagione in corso?

Rubriche TN- Cogito ergo..Toro, si può essere soddisfatti per la stagione in corso?

Partiamo da una domanda semplice : si può essere soddisfatti del Toro di quest’anno? In questo modo si tiene conto di  una riflessione che in questi giorni, in ogni spazio dell’universo granata, riceve una diffusa attenzione e diventa quasi un’ossessione. 
Nel complesso si è poco soddisfatti, si pretende sempre  qualcosa in più :…
Partiamo da una domanda semplice : si può essere soddisfatti del Toro di quest’anno? In questo modo si tiene conto di  una riflessione che in questi giorni, in ogni spazio dell’universo granata, riceve una diffusa attenzione e diventa quasi un’ossessione. 
Nel complesso si è poco soddisfatti, si pretende sempre  qualcosa in più : un bomber che a differenza di Bianchi assicuri la doppia cifra nelle realizzazioni, un esterno dello stesso livello di Cerci da impiegare sulla destra, un centrocampo più giovane, più solido e ovviamente il regista che finora manca. Sul punto la mia posizione e il mio pensiero sono abbastanza diversi e ve li propongo, senza pretese. In primo luogo  c’è da dire, e da ricordare, che siamo appena ai primi di Aprile e non a fine Maggio. Tutte queste riflessioni, mi chiedo e vi chiedo, non sono premature? Se proprio dobbiamo dare per scontato la salvezza del Toro , che comunque necessita di altri cinque punti per la matematica, non avrebbe comunque senso parlare del futuro quando questa stagione può dire ancora molto. C’è ancora un derby di ritorno da giocare, gran parte di voi lo aspetta e qualcuno magari non ne parla per scaramanzia ma è bene non dimenticarlo del tutto, inoltre ci sono degli appuntamenti molto significativi da affrontare, il Bologna e il Genoa ad esempio che dovranno prima o poi pagarci dazio per i patimenti subiti nell’ultima stagione in A. I ragazzi di Ventura, inoltre, devono maturare in questo campionato certi problemi e limiti accumulati nel corso della stagione. Non possiamo delegare il tutto al settembre prossimo. Oggi la squadra è chiamata ad un miglioramento significativo in particolare nei risultati in trasferta, Bologna dunque è l’occasione ideale per sfatare questa strana prassi dei granata di giocare  bene lontano dall’Olimpico senza ottenere nulla in cambio. 
 
UN ATTACCO DA RINFOZARARE?- Certamente nel reparto d’attacco c’è molto da lavorare, Sansone- Bianchi-Barreto-Meggiorini..hanno tutti dimostrato un certo affanno nelle realizzazioni e i cambi in corso non hanno costituito una soluzione definitiva. Detto questo, siamo proprio sicuri che nelle prossime otto giornate non avremo qualche lieta smentita in queste costanti negative? Che senso ha oggi accostare Pinilla, Floccari e compagnia ai granati se l’unico effetto, nell’immediato, è di destabilizzazione del gruppo. Rendiamo precaria questa squadra, senza cognizione e senza coscienza , correndo il rischio di compromettere anche questa stagione e non solo quella futura.
 
IL PENSIERO DI VENTURA-. Per ultimo è bene ricordare le parole del tecnico granata che sistematicamente, ad ogni giornata esprime sempre lo stesso concetto : noi siamo una neopromossa! In questo modo cosa intende il tecnico genovese? Qualcosa che di là della singola partita, persa o vinta che sia. E’ un concetto di squadra che caratterizza il Torino oggi; noi siamo una neopromossa, basta ossessionarsi con le solite perversioni romantiche. Basta riproporre un’immagine ormai lontana di un Torino glorioso e vincente. Per il momento i granata sono ben lontani da certi livelli, se ogni cuore granata si convince di questo forse un progetto serio e continuo sarà possibile avviarlo. Altrimenti si avrà seguito alle solite trame del passato, squadre più o meno competitive costrette a inseguire i fantasmi del passato sottovalutando gli impegni e le sfide del presente.
Io la penso così, voi? 
 
Emanuele Liguori 
KhongTen_
 
 
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy