Ian Rush: “Hart, che coraggio! Due fondamentali: l’italiano ed il derby…”

Ian Rush: “Hart, che coraggio! Due fondamentali: l’italiano ed il derby…”

L’intervista / L’ex attaccante al Mirror: “Poteva rimanere a Manchester senza giocare, ma ha voluto rimettersi in gioco: lo ammiro. L’organizzazione difensiva in Italia è tutto, dovrà ambientarsi in fretta; e la stracittadina…”

1 Commento

Intervistato dal Mirror, l’ex centravanti gallese Ian Rush ha rilasciato dichiarazioni importanti riguardo non alla sua unica esperienza nella nostra Serie A – con la maglia della Juventus nella stagione 1987-1988 – bensì proprio a proposito del Torino: oggetto del suo interesse e della sua stima, il neo portiere granata Joe Hart attualmente impegnato con la propria Nazionale, ma che ha rappresentato il vero e proprio colpo di mercato della società piemontese.

Queste le parole di Rush al quotidiano britannico: “Penso che questa decisione sia una mossa coraggiosa per lui, adesso sarà sotto i riflettori ed al giorno d’oggi è molto più facile abbandonare il campo. Nonostante sei stagioni da titolare al Manchester City ha deciso di rimettersi in gioco in Italia: lo ammiro, non è semplice. Penso che l’abbia fatto perché vuole giocare ed essere il numero uno, mentre con Guardiola era diventato la terza scelta; ma a me non piacciono le persone che sono felici di stare lì per il gusto di farlo, senza giocare”

“Comunque è il campionato in cui voleva giocare, spero che farà bene. La cosa più importante in Italia è l’organizzazione difensiva, ma soprattutto per un portiere come lui sarà fondamentale imparare in fretta l’italiano per comunicare al meglio con la propria difesa. Penso che comunque potrà fare bene, è un portiere d’esperienza”

Prosegue poi Rush, ammirato: “Quando sono andato alla Juventus e sono poi tornato a Liverpool ero un giocatore migliore, a tutto tondo: sono stato fortunato quando ho segnato il gol della vittoria contro il Torino. Hart non ha fatto una scelta banale: c’è il derby con la Juventus; ci sono più tifosi del Torino che bianconeri nella città in sé, ma a Roma e in Italia in generale la Juventus è la squadra principale. Sarà molto interessante vedere come disputerà la stracittadina: se lo farà bene, sono sicuro che lo ameranno, ma non sarà facile”

“Io penso che questo cambio d’aria possa essere positivo per lui: come Gareth Bale è andato al Real Madrid ed è diventato un giocatore migliore anche per il Galles, accumulando esperienza con questa nuova, sono sicuro che per Joe Hart sarà esattamente lo stesso”

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. ziocane66 - 7 mesi fa

    E se le dici te che hai fatto un cazzo per un anno tranne segnare gol al Toro (e Pescara) …….!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy