Fisico, gol e assist: quanto incide il centrocampo in Sampdoria-Torino

Fisico, gol e assist: quanto incide il centrocampo in Sampdoria-Torino

Focus on / Baselli, Meité, Rincon e Berenguer: più della metà del gol del Torino sono arrivati dal reparto mediano

di Nicolò Muggianu

Fantasia, gol, assist e tanto altro ancora. Quello del centrocampista è senza dubbio un ruolo cardine per lo svolgimento della manovra della squadra ma, ancora di più nelle filosofie di gioco di Mazzarri e Giampaolo, i centrocampisti assumono un ruolo più che mai di rilievo. Anche per questa ragione sarà interessante capire come i due tecnici prepareranno lo scontro diretto tra Sampdoria e Torino in programma domenica prossima.

GOL – Tra i reparti mediani delle due squadre è senza dubbio quello del Torino il centrocampo ad aver offerto il maggiore contributo in zona gol. Sono complessivamente 6 (7 se si conta anche l’autogol di Lafont, scaturito dai piedi di Aina) le reti messe a segno sin qui dai cinque componenti della mediana di Mazzarri. Un apporto importante, che costituisce il 50% delle reti messe a segno complessivamente dai granata (6 messe a segno dai centrocampisti su 12 realizzate sin qui). Più nello specifico: due di Meité, due di Baselli e una a testa per Rincon e Berenguer. Discorso antitetico invece per quanto riguarda la Sampdoria: su 14 gol realizzati complessivamente, sin qui soltanto due sono arrivate dai centrocampisti. Linetty contro la Spal e Saponara nell’ultimo match di San Siro contro il Milan.

ASSIST – Capitolo assist. Se da un lato è vero che i centrocampisti di Giampaolo hanno inciso poco sin qui in termini di gol, è altrettanto vero che dal punto di vista degli assist i blucerchiati hanno una migliore fonte di fantasia rispetto al Torino. A confermarlo sono ancora una volta i numeri. Sono 6 gli assist complessivi costruiti dalla mediana della Sampdoria, così distribuiti: due di Saponara, due di Barreto e due di Ramirez. Per il Torino invece sono solo tre i passaggi-chiave arrivati dal centrocampo: due di Soriano (di cui uno da calcio d’angolo, contro la Spal) e uno da Berenguer (valso il gol-vittoria di Zaza contro il Chievo).

FISICO – Ma il reparto mediano del campo non deve garantire esclusivamente una fonte rifornimento in zona-gol. La sfida atletica tra Sampdoria e Torino, almeno sulla carta, sembra essere abbastanza equilibrata. L’unica vera certezza di Giampaolo al momento è Ekdal: perno del centrocampo (186cm di altezza) ed unico mediano ad essere stato sempre utilizzato (10 presenze per lui). Non è un caso che sia proprio lo svedese il giocatore ad aver corso di più: 11.067 km di media a partita. Ma anche il Torino non è da meno: la certezza di Mazzarri, guarda caso, è Meité (sempre schierato titolare in questo campionato) che dall’alto dei suoi 187 centimetri d’altezza costituisce la vera e propria colonna portante della squadra. Sono invece Baselli (o Soriano) e Rincon a dare un maggiore apporto in fatto di kilometri percorsi. Specialmente il venezuelano, vero stakanovista granata con il suo record di 10.871 km percorsi di media sin qui in stagione.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. PrivilegioGranata - 2 settimane fa

    Quindi Rincon sarebbe a 1/4 di giro dell’equatore?
    Non è che invece si voleva dire che Rincon ha percorso una media di 10 KM VIRGOLA 871 metri a partita?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy